La donna (femmina) è un essere umano poco dotato intellettualmente?/Is the woman (female) a human being intellectually not very gifted?

La donna, grazie alla vitale attrazione che emana, è costantemente sotto esame particolareggiato; oggi, nell’evitare il ridicolo e pericolosamente costeggiando il provocatorio sentiero delle assurdità (soprattutto scritte), l’esame si incentra soprattutto nel costume e nell’abbigliamento, scansando e quasi maldestramente quanto è riconducibile al suo comportamento, alla moralità che la contraddistingue all’interno delle società cosiddette civili. Adoperandosi in un ragionamento leggermente e solo leggermente approfondito, potremmo ben dire che queste analisi sociologiche che rimangono confinate in fin dei conti nell’estetica, in realtà sono solamente un escamotage per nascondere e nemmeno troppo bene il controllo esclusivo che l’altro sesso vuole mantenere e mantiene in una forma esclusiva, un controllo che diviene sovente esigenza di dominio verso la persona, dove il vestiario ed il trucco in fondo non sono così interessanti…
Permettendo un rimando ad un passaggio già inscritto in questo sito che gentilmente potreste rileggere QUI, nella sezione “FAQ Temi aperti“, ora e più precisamente andiamo a dare un occhiata all’ultima pseudo sentenza della “CORTE DI GIUSTIZIA DELL’UNIONE EUROPEA“, (pseudo perché in effetti, in Europa, rimangono questi dei “consigli” e poco più, in quanto è la Legislazione del Paese Sovrano che fa testo, in un attività legislativa e giuridica Nazionale che deve prevedere e circoscrivere ogni contesto polemico ed ogni disputa, ogni causa civile e penale, di lavoro eccetera).

http://curia.europa.eu/juris/document/document.jsf?text=&docid=188852&pageIndex=0&doclang=IT&mode=lst&dir=&occ=first&part=1&cid=161094

Cattura
Link diretto alla pagina (https://goo.gl/1YhqeC)

Senza dar atto a polemiche e che possano deviare il tema, ricordo a beneficio di completezza e per capire meglio il potere che la (CVURIA) ha, una delle severe sentenze inflitte (meglio prodotte) e che non sempre o quasi mai vengono recepite dai Paesi portati a giudizio, per esempio quella della recente condanna (retroattiva) che l’Italia ha subito per la “questione degli indennizzi” alle vittime di atti terroristici eccetera.

http://www.ansa.it/europa/notizie/rubriche/giustizia/2016/10/11/giustizia-corte-ue-condanna-italia-su-indennizzi-vittime_d69ef924-dc0b-46a4-966e-89e6d6fb0edc.html

Non è per sminuire la Corte, non è questa una decontestualizzazione della sentenza (per altro non apertamente e pubblicamente documentata e nota a tutti in ogni particolare) verso un quadro adiacente alla scienza dell’antropologia: ciò che è inteso e non sottinteso in questo parziale testo, è una richiesta di personalizzazione della domanda infissa nel titolo di questo passaggio scritto; una lettura appropriata della frase così apposta, una prova di questo genere, viene richiesta con lo scopo di creare una agitazione nel pensiero di chiunque possa leggere questa frase interrogativa.
>>>      Stiamo virtualmente discutendo di un foulard oppure delle centinaia di donne uccise barbaramente ed a sangue freddo in Italia ogni anno? (http://www.corriere.it/cronache/speciali/2016/la-strage-delle-donne/)
>>>          Stiamo parlando di un accessorio di abbigliamento oppure delle migliaia di bambine prostitute che ci aspettano dietro l’angolo? (http://www.irishtimes.com/culture/welcome-to-the-child-sex-capital-of-europe-1.339827)
>>>     E’ una questione religiosa e prettamente religiosa oppure la questione femminile la si può articolare nel miliardario e complesso business mondiale e senza confini della pornografia in cui la regina (ed il re allo stesso tempo) acclamata dal Popolo è l’essere umano privo del pene?


The woman, thanks to the vital attraction she emanates, is constantly under detailed examination; today, avoiding ridicule and dangerously provocative path skirting the absurdities (especially written), the examination focuses mainly in the costume and dress, almost awkwardly dodging what is due to his behavior, morality that distinguishes all ‘interior of the so-called civil society. In striving reasoning lightly and just slightly deepened, we might well say that these sociological analyzes remains confined to early accounts of aesthetics, in fact they are only a ploy to hide, nor too exclusive well control that the opposite sex wants to keep and it maintained in an exclusive form, a control that becomes often need of domain to the person, where the clothing and make-up are not so interesting indeed…
Allowing a reference to a passage already written on this site that you could kindly read HERE, in the “open FAQ Themes“, now more precisely let’s take a look to the last sentence of the pseudo “COURT OF JUSTICE OF THE EUROPEAN UNION” (pseudo because in fact, in Europe, these are “tips” and so on, as it is the legislation of the sovereign Country that makes text, in a National legislative work that needs to predict and circumscribe each legal context and controversy, every civil case from a criminal one, or a job’s dispute etc.)

http://curia.europa.eu/juris/document/document.jsf?text=&docid=188852&pageIndex=0&doclang=EN&mode=lst&dir=&occ=first&part=1&cid=161094

Cattura
Transl.: EU Court: “It is legitimate to ban islamic headscarves -Hijab- in the workplace”

Without giving place to controversy and that can divert the issue, I remind the sake of completeness to better understand the power that (CVURIA) has, one of the severe sentences imposed (better to say produced) and that does not always or almost never are implemented by EU-Countries brought to trial, for example that one of the recent conviction (retroactive) that Italy has suffered to the “question of compensation” to victims of terrorist acts and so on.
This is not to belittle the Court, this is not a de-contextualization of the judgment (for all of us not so openly and publicly documented and known in every particular) towards a framework adjacent to the science of anthropology: what is understood and not supposed in this part text, is a customization request of stuck question in the title of this passage written; an appropriate reading of the sentence on purpose, a test of this kind is required in order to create a stir in the mind of anyone who can read this interrogative sentence.
>>>   Are we virtually talking about a scarf, or the hundreds of women brutally murdered and cold-blooded in Italy each year? (http://www.corriere.it/cronache/speciali/2016/la-strage-delle-donne/) [italian lang. only link]
>>>  Are we talking about a clothing accessory or of the thousands of child prostitutes who are waiting us around the corner? (http://www.irishtimes.com/culture/welcome-to-the-child-sex-capital-of-europe-1.339827)
>>>   Is it a religious and purely religious issue or can it be argued through the world billionaire business (without boundaries) of pornography in which the queen (and king at the same time) acclaimed by the people is the human being penis free?