RI-GENESI: I bambini non sono colpevoli / RE-GENESIS: Children are not guilty

Ogni tentativo di analisi, sociale e culturale, ogni approfondimento antropologico eccetera eccetera ed ancora eccetera non ha dato il più pallido risultato, non lo darà (mai) insistendo ad argomentare grazie “ai soliti” personaggi della borghesia bianca ed altolocata attraverso i “salotti mediatici” (televisivi per lo più) diretti dai “soliti” opinionisti che insistono a parlare senza ascoltare […]

Narrazioni oggettive / Objective narratives

“Dio liberi!”… “Se così vorrà Dio!”… “Grazie a Dio!”… “Quando Dio volle…”

Questa che lascio è una semplice segnalazione; lo premetto e sottolineo marcando essa con l’aggettivo “semplice”, perché è quanto di meglio ho trovato per scansare le tante e troppe derive di pensiero che si rendono disponibili quando l’intenzione non viene appunto fissata dal termine che voglio con poca e pochissima attenzione letteraria ripetere ancora una volta: “semplice”; e va bene…
In quanto uomo dalle “cento e più lacune”, il sottoscritto non si permetterebbe mai di pubblicare un prosaico testo per descrivere e commentare un grande Autore (Giovanni Verga) ed una sua opera letteraria, anche se quanto espongo e segnalo qui, trattasi di un racconto probabilmente minore rispetto ai grandi lavori il Verga ha prodotto; pertanto, a rigore della personale mia cattedratica sufficienza, ritengo senza mezzi termini ci siano solamente due aspetti da porre in considerazione: uno, il prezzo di acquisto dell’opera e cioè “zero”, cioè “gratis”, (almeno per la versione in lingua italiana; quella in inglese sfiora i 50 centesimi) due, il linguaggio alquanto immutato e quindi moderno ci offre il grande scrittore dell’ottocento. Ora, “il modernismo”, è quantomai un azzardo a volerlo integrare nelle proprie supposizioni di ragionamento: si tratta di definire una relazione con il tempo ed il luogo in cui gli avvenimenti sono apparsi, potremmo (errando probabilmente?) dire, magari senza sfruttare facili analogie di pensiero e tanto meno ricercare archetipi di ragionamento basati sulla sociologia ed in ottemperanza di quella semplicità di cui ho fatto menzione all’inizio di questo mio testo. Le esclamazioni, le invocazioni, le frasi di consuetudine e tutte le veementi e sentite allusioni che accompagnavano i nostri avi riecheggiano oggi come allora…
P.S. da QUESTO LINK E’ POSSIBILE ACCEDERE PER L’ACQUISTO (ITA)


“God forbid!” … “If God want!” … “Thank’s God!” … “Only when God wanted to …”

This is a “simple” reporting; I use to say it adding the adjective simple, because it is the best that I have found to avoid the many and too many thinking drifts that could appear when the intention is not precisely fixed by this writing form with little and very little literary attention I used: yet again, “simple”; alright then…
As a man from “a hundred or more gaps,” me, I would never dare to publish prose style text to describe and comment a great and famous Author (Giovanni Verga) and his literary work, even if what I expose and point out here, is a probably minor story compared to the great works Verga has produced; therefore, strictly speaking from my professorial sufficiency, I bluntly there are at least two aspects to be considered: one, the purchase price of the work that is “zero”, that is “free” (at least for the Italian version ; in English nearly 50 cents) two, the rather unchanged language, modern language offers us the great writer of the nineteenth. Now, “modernism”, is a gamble which seem to want to integrate into their reasoning assumptions: it is to define a relationship with time and place where the events have appeared, we could (probably wandering?) say, perhaps without easy leverage analogies of thought and without seeking reasoning archetypes based on sociology, in observance of the simplicity of which I mentioned at the beginning of my text. Exclamations, invocations, the customary phrases and all the vehement and heartfelt allusions that accompanied our ancestors resonate today as that time…
P.S. FROM THIS LINK IT IS POSSIBLE TO PURCHASE (ENG.)

41voYFJDp5L
Libro di pubblico dominio/Public domain’s book (G. Verga, 1887)


La lunga notte delle Religioni / The long night of Religions

6. Lange Nacht der Religionen 2017 – 25. Mai 2017

L’esordio in questo sito-blog è esattamente questo e, me ne rallegro.
Le teutonica massiccia dose di pragmatismo  nella gestione del sociale dovrebbe sempre essere considerata un ottimo viatico (discutibile) per ogni seria Amministrazione locale od estesa, soprattutto consapevole. Al di là di ogni considerazione e soprattutto per “bilanciare” un enorme mole di dati, articoli ed attività mediatiche sempre così solerti a raggiungere la notizia di cronaca e soprattutto nera, scopriamo un Evento davvero interessante e da applaudire, sebbene le opinioni rimangono e probabilmente devono rimanere custodite nella propria sfera personale prima di essere estese con troppo zelo. Avendo personalmente partecipato ad una passata edizione, posso senz’altro dire onestamente che è una “formula” ormai consolidata questa delle “porte aperte”; molto distante da quei tratti melodrammatici che assumono inevitabilmente i  (pochissimi) confronti tra religiosi in Italia, c’è, si assimila partecipando alla “Nacht der Religionen” (la notte delle Religioni) una sobrietà ed austerità che è capace di generare solo una città grande e solidale ed organizzatissima come la Capitale tedesca. Tutto ciò è traducibile in partecipazioni collettive scolaresche mattutine ma anche pomeridiane e fino a notte tarda, dove sono numerose le visite da parte di cittadini privati ed anche in rappresentanza di una Impresa personale, di un Associazione eccetera. Dio è, rimane, il centro di tutto ma, sovente, le dissertazioni teologiche vengono accompagnate da richieste di preventivi per qualche rifacimento del minareto della Moschea, di una pitturazione di qualche Chiesa minore, di una sistemazione di un impianto idrico di qualche Tempietto. Richieste ma anche e soprattutto offerte di preventivi e sopralluoghi vari: l’impegno che non manca mai in questa occasione è sottolineato dal lavoro, prestato, richiesto e così via.
Se non vado errato, la giornata (si ripete in Settembre…) è praticamente un obbligo che ogni luogo di culto deve soddisfare per la richiesta dell’Amministrazione della Città di Berlino, la quale, certifica, fotografa, redige e via dicendo molti documenti, producendo una raccolta di dati che spaziano dalla verifica dell’immobile fino alle attività che il Prete, l’Imam, il Rabbino o chi è preposto a condurre la preghiera nel Tempio compie nell’arco dei mesi.
“La normalità” che si respira è disarmante; termini come “integrazione” e “Stato”, per esempio, sembrano essere davvero fuori luogo in questo contesto. Alla base di queste considerazioni finali, sono certo, ci sono una serie di diritti che ogni cittadino ha e deve avere: poco o nulla si può edificare se una base di diritto di cittadinanza non è disponibile, dove certamente i problemi restano e si annidano dietro ogni angolo.
(La “Notte delle Religioni” rimane un piccolo esempio, uno che non mi avventuro ora di criticare, nemmeno in maniera costruttiva).


6. Lange Nacht der Religionen 2017 – 25. Mai 2017

The onset in this blog-site is exactly this one and, I am pleased about.
The Teutonic massive dose of pragmatism in the social management should always be considered a good omen (questionable) for any serious local or big administration and, above all aware. Beyond any consideration and especially for “balance” a huge amount of data, articles and media activities always so diligent to reach the bad news story and especially the crime, we discover a very interesting event, to applaud it, even so opinions remain and probably must be kept in the personal sphere before extending them with too much zeal. Having personally participated in a previous edition, I can definitely say honestly that it is a “formula” now consolidated this “open door”; far from those melodramatic traits, which are usually the (very few) comparisons of religious in Italy, here, it is assimilated by participating in the “Nacht der Religionen” (the night of Religions) a sobriety and austerity that is capable of generating only a big and supportive city, well organized as the German capital. All this is translated into collective morning schoolchildren investments but also afternoon and late into the night, where there are numerous visits by private citizens as well as representatives of a personal enterprise, an association and so on. God is and remains the center of everything but, often, theological dissertations are accompanied by requests for quotes for some rebuilding of the Mosque minaret, of a whitewashed Church of some minor, of an arrangement of a water system of some Temple. Demands but also offers various budgets and inspections: the commitment that never fails on this occasion is focused on work, provided, required and so on.
If I am not mistaken, the day (it will be repeated in September …) is pretty much a requirement that every place of worship must meet the Administration’s request of the City of Berlin, which certifies, photographs, drafts so many documents, producing a collection of data that range from verification of the property up to the activities that the Priest, Imam, Rabbi, or who is responsible to lead the prayer in the Temple accomplished over the months.
“Normality” we breathe is disarming; terms such as “integration” and “State,” for example, seem to really be out of place in this context. Underlying these final thoughts, I am sure, there are rights that every citizen has and must have: little or nothing can be established if a base of the right of citizenship is not available; certainly the problems remain and are hidden behind every corner.
(The “Night of Religions” is a small example, one that now I don’t want to criticize, even in a constructive manner).