Spartan shield / Scudo spartano (About X cent. b.C./Circa X sec. a. C.)

Sospensione dell’attività. Essenziale vitalità e ritorno alla famelica origine di registro. Senza blog. (ARRIVEDERCI E GRAZIE!) / Suspension of activity. Essential vitality and return to the famished origin of register. Without blog. (GOODBYE AND THANK YOU!)

Non c’è consultazione; non ci sono ragionamenti dettati dal conto economico e patrimoniale e, non esiste -per questo atto finale- un analisi statistica approfondita da dover produrre ed in seguito proporre.
Questo blog, appositamente creato per la promozione del libro saggio, si conclude con questo articolo, semplicemente ed essenzialmente; uno sguardo poco sostenuto verso la gloriosa tecnica militare spartana la quale, grazie alle formazioni oplitiche influenzò l’ordinamento di quello Stato circa dieci secoli prima di Cristo (diciassette circa prima dell’Islam) tuttavia non è affatto casuale e, denota una personale organizzazione sui generiis per questo fine editoriale: senza fronzoli, a tratti violenta.

La lotta” è parte inscindibile del vivente, in seguito credente: la grazia della vita o, meglio dire del dono della vita, riporta esattamente oppure, ancora, consegna -meglio precisare- il dovere di imparare a lottare.
Ecco un altro aspetto apparentemente “difficile” da affrontare nel pensiero (tutto) Occidentale: la negazione della richiesta di dialogo su una base che separi (non escluda ma…) anche per un istante “il contatto” tra Dio e l’islamico essere umano.
Certamente l’alto pensiero non prettamente “orientale”, ha sviluppato -ad esempio- il panteismo, punto molto elevato di contatto con quanto cerco di esprimere ora; ecco il motivo che mi ha spinto a realizzare il saggio che tenti un prosieguo di questo “contatto” allargando e coinvolgendo il non islamico ed in seguito il non fedele cittadino e cittadini entrambi, escludendo nessun vivente:

Nel limite del possibile questo blog verrà tenuto aperto (non aggiornato con articoli!) e, non è totalmente esclusa la futura possibilità di un “auto-pubblicazione” dell’opera (qui sempre supportata) attraverso i canali informatici oggi di pubblico dominio, sebbene per questo momento, trattasi di una via non praticabile per ragioni non futili.
Al tempo, ogni eventuale intervento qui, in questo luogo virtuale, avrà una risposta per iscritto ed ogni iniziativa atta alla pubblicazione sarà seriamente presa in considerazione: è il mio impegno, un assicurazione che dovrà gestire il mio tempo con quello che vorrò dedicare per ripristinare gli appunti del saggio che verrà (SDV) dedicato alle migrazioni dei Popoli ed alla precaria sedentarietà sociale, leggi integrazione (hashtag per Twitter: #messicanizzazione) di questi, laddove proporrò ed in seguito un altro blog specifico.* 
Il profilo Twitter dedicato (@MshAllh_theBook ) non sarà sottoposto alla condizione del blog, pertanto, rimarrà aperto, utilizzando di tanto in tanto, per ragioni imprescindibili alle “necessità imperanti del momento”, attributi che conducano al blog questo.

L’arte della guerra è, con tutte le attenuanti e diversità di pensiero possibili, un arte: la sconfitta va sempre e comunque scongiurata e disattesa con ogni mezzo ma, a condizione, considerata. (Nulla in Terra è per sempre)
Con immutato affetto; escluso nessuno.

Lucaa del Negro

https://mashallah-book.com/altri-progetti-editoriali-other-publishing-projects/
(Immagine: scudo spartano; circa X sec. A.C.)

Donate with PayPal

DONARE CON PAYPAL per questa causa editoriale, grazie!


There is no consultation; there are no reasoning dictated by the income statement and balance sheet and, for this final act, there is no detailed statistical analysis to be produced and then proposed.
This blog, specially created for the promotion of the essay book, ends with this article: yes, simply and essentially it ends here; a little look supported towards the glorious Spartan military technique, which thanks to the oplitical formations influenced the organization of that State about ten centuries before Christ (about seventeen before Islam) it is not at all a casuality and, denotes a personal organization over generiis for this editorial purpose: no frills but sometimes violent.

“The struggle” is an inseparable part of the living being, later believer: the grace of life or, still better, the gift of life, accurately reports or, again, delivery -it is better to clarify- the duty to learn to struggle.
Here is another apparently “difficult” aspect to be faced in Western (all) thinking: the denial of the request for dialogue on a basis that separates (it does not exclude but…) even for a moment “the contact” between God and the Islamic human being. 
Certainly the high thought, not purely “oriental”, has developed -for example- pantheism, a very high point of contact with what I am trying to express now; this is the reason that led me to realize this essay that tries a continuation of this “contact” by enlarging and involving the non-Islamic and later the non-faithful citizen and citizens both, excluding any living being:

As far as possible, this blog will be kept open (not updated with articles!) and, the future possibility of a “self-publication” of the work (here always supported) through the IT channels now in the public domain, is not totally excluded, although for this moment, it is a way that is not practicable for non-silly reasons.
At the time, any intervention here, in this virtual place, will have a writing answer and, any initiative suitable for publication, will be seriously considered: it is my commitment, an insurance that will manage my time with what I will dedicate to restore the notes of the essay that will come (God willing) dedicated to the migrations of the Peoples and to the precarious social sedentariness, read integration (hashtag for Twitter: #messicanizzazione) of these,* where I will later soon propose another specific blog.

The dedicated Twitter profile (@MshAllh_theBook) will not be subject to the condition of this blog, therefore, will remain open, using from time to time, for reasons that are essential to the “prevailing needs of the moment”, attributes that lead to this blog.

The art of war is, with all the extenuating and possible differences of thought, an art: the defeat must always be avoided and disregarded by all means but, on condition, considered. (Nothing on Earth is forever)
With unchanged affection; excluded none.

Lucaa del Negro

(CLICK PayPal to DONATE for this editorial cause, thank you!)

Donate with PayPal

https://mashallah-book.com/altri-progetti-editoriali-other-publishing-projects/
(Image: Spartan shield; about X cent. B.C.)