Religione, Religione! / Religion, Religion!

Il senso di un significato superiore dell’esistenza è ciò che innalza l’uomo al di sopra della sua condizione elementare” scriveva Carl Gustav Jung; oggi, come allora, questa analisi viscerale e limitante del pensiero umano inserito nel contesto fallimentare biochimico a mo’ di cancrena riemerge con forza, in una trasformazione energetica molecolare che surclassa l’attività cerebrale, intellettuale, di pensiero puro.
Oggi, la richiesta di Religione da parte delle masse spesso inconsapevoli della natura del progetto divino per questa indagine di parte, è enorme ed abnorme, epocale!

Già inserito e contestualizzato l’incipt in “materiale umano”, attività di risulta, la quale, per la legge dell’entropia, troverà rimedio in altra componente umanoide considerata oggi la politica sociale come evanescenza (spettacolo) e quindi ricerca delle masse esasperata di Religione, (vedi articolo “messicanizzazione” su questo stesso blog) ogni movimento umano di cui ci apprestiamo alla verifica, è per la sua natura una richiesta di religiosità o, identità umanistica da porsi come condizione per la Religione stessa.
Le funzioni degli operatori sociali, dei medici seguaci di Ippocrate e professionisti del settore dell’aiuto solidale eccetera, oggi adoperati nella commistione operativa e di emergenza con i religiosi, non sono sufficienti a garantire ciò che la Religione in qualche maniera ha garantito e garantisce.

Entro 15 e forse al massimo 20 anni da questa parte, la Popolazione mondiale è destinata a raddoppiare, laddove la miseria delle condizioni sarà l’unica evidenza capace di mostrarsi con quella ferocia che è essa stessa natura esistenziale. 

Dove giacciono i teologi ed i rappresentanti dell’intellighenzia della nostra razza?
Perché essi si nascondono dietro ai carnali fallimenti?

Mā shāʾ Allāh (XXI century schyzoid man)” si presta ad un primo soccorso, a tratti oltraggioso. (Ogni sostegno atto alla pubblicazione del testo sponsorizzato da questo blog, potrà definire di quale entità l’oltraggio si compone; QUI puoi dimostrarlo onorevolmente. Dona!)

Medusa di Caravaggio, 1597, Galleria degli Uffizi, Firenze.


“The sense of a higher meaning of existence is what raises man above his elementary condition,” wrote Carl Gustav Jung; today, as then, this visceral and limiting analysis of human thought inserted in the biochemical bankruptcy context as a gangrene, resurfaces with force in a molecular energy transformation that outperforms the cerebral, intellectual, pure thought activity.
Today, the request for Religion by the masses often unaware of the nature of the divine plan for this partisan investigation, is enormous and abnormal, epochal!

Already inserted and contextualized the incipt in “human material”, resulting activity, which, by the law of entropy, will find a remedy in other humanoid component considered today the social policy as evanescence (show-business) and then search of the exasperated masses of Religion, (see article “messicanizzazione” on this blog) every human movement we are about to verify, is by its nature a request for religiosity or humanistic identity to be a condition for Religion itself.
The functions of the social workers, of the followers of Hippocrates (doctors) and professionals in the solidarity aid sector, today used in the operational and emergency mix with the religious, are not sufficient to guarantee what the Religion somehow guaranteed and guarantees.
Within 15 and perhaps at most 20 years on this side, the world population is destined to double, where the misery of conditions will be the only evidence capable of showing itself with that ferocity that is itself existential nature.

Where do theologians and representatives of the “intellighenzia” of our race lie?
Why do they hide behind the carnal failures?

“Mā shā’ Allāh (XXI century schyzoid man)” lends itself to first aid, sometimes outrageous. (Any support for the publication of the text sponsored by this blog will define the extent of the outrage, HERE you can prove it honorably. Donate!)

Medusa by Caravaggio, 1597, Galleria degli Uffizi, Florence, Italy.

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...