Il martirio; i martiri; le inevitabili questioni del pensiero umanistico (parte terza) / Martyrdom; martyrs; the inevitable issues of the humanistic thought (part three)

Essendo per la terza volta (QUI la parte 1 e QUI la parte 2) difronte a questo spinoso, complesso ed arduo tema nella manipolazione da dover-voler sostenere, il martirio, quale atto in sé compresa la sua preparazione, fosse codesto sacrificio espressione sentimentale iperbolica, dimostrerebbe l’eccesso (falsificante?) della cognizione del vero e quindi, in ambito di misura della scettica tradizione filosofica, percorso confutativo incluso nel termine di tropo, laddove “vero” è sinonimo di “vita”.
Tenendo scontata la Fede che sostiene il martire religioso quale soggetto attivo, ogni “situazione contraddittoria” prevista nei termini dalla filosofia appena citata, decadrebbe e, nemmeno “le controversie” sarebbero sufficienti per delineare e denigrare simile comportamento.
Già uno splendido ragionamento -sebbene non focalizzante di questo tema- nei primi anni del XVIII secolo circolava tra i pensatori europei (Trattato dell’eloquenza spettante ai tropi); già allora ed anche probabilmente molto prima di allora, rasentare, costeggiare ed estendersi con fermezza e coraggio tra i cigli degli abissi e quindi i precipizi dell’affezione, in questo caso dogmatica, era espressione di una certa libertà intellettuale, autonomia che oggi, per quanto riguarda il coinvolgimento delle Fedi e soprattutto di quella islamica, non è sempre garantita.

Quanto ho decisamente esposto in questi “tre passaggi” (probabilmente ci sarà un arresto dal proseguire questo tema ed almeno per qualche tempo, sicuramente se non ci sarà un confronto aperto) instaura una visione apologetica del martirio, atta all’incitamento per non eccedere nell’ipocrisia di rifiutarlo a priori e rilevare la sua esistenza e possibilità possa questo ripresentarsi ancora nel suo compimento all’interno della sfera delle Religioni abramitiche; questo atto sacrificale, è assolutamente sensato e previsto quando è perfettamente pensato, aspirato e finanche eseguito. (L’ipocrisia da qualsiasi parte provenga la rifiuto categoricamente; la non lettura completa dei tre capitoli è inoltre ed in aggiunta una decontestualizzazione inaccettabile!)

Nello stesso istante in cui indico e quindi declino questo pensiero, consto che l’evidenza di questa nostra realtà, il nostro tempo, la storia che stiamo scrivendo in somma, non ha lasciti solidali con i presupposti necessari per il martirio: impossibile scorgere alcunché possa determinare in ambito certamente religioso non un atto ma, nemmeno un aspirazione martirizzante; nell’Islam, per sommo esempio, un atto di martirio presumerebbe una Comunità islamica (Umma) divisa nei fondamentali ed assediata nei luoghi Sacri da un invasore chiaramente identificato e localizzato; una risposta sui generiis, ammesso ma non concesso si possa intuire “un estensione” di questa reazionaria risposta, dovrebbe considerare una sopraffazione totalitaria in un attività di annientamento della Parola di Dio-Allah.
La grandezza di Dio, invincibile su ogni forza terrena diabolica e non diabolica e di qualunque portata, non necessita delle umane attività per la sua difesa in quanto irrisorie ed infinitamente insufficienti dinanzi alla universale e perfetta sua ascesa sopra ogni cosa, visibile ed invisibile agli umani tutti (ed oltre). L’Uomo, come già indicato dalle mie scritture, non necessita di Religione in quanto egli stesso è Religione; l’Uomo, ciononostante tutte le tesi, deve combattere solo se stesso e non rinunciando nemmeno al martirio ma, dovrà riconoscere e tenere deciso monito che non sarà ammissibile giustificazione per l’ignoranza anche minima in questa delicatissima materia che abbraccia certamente lo Jihad.

Che cosa rimane dunque per un analisi degli avvenimenti che ci circondano e di cui c’è un aspirazione al martirio, alla (quasi) inscrizione nel Martirologio romano se non dovessimo leggere di avvenimenti che sostanzialmente sono di matrice mussulmana?

Non voglio certamente esprimere giudizi e, se mai fosse stato inteso il contrario, -dopo civile discussione- sono pronto a cospargermi il capo di cenere, sia chiaro.
Sottostando all’impegno di non cercare per questa terza parte una risposta od una serie, non intendendo neppure affrontare temi che indichino con certezza delle cause e concause per cui la società globale si ritrova investita da una sorta di delirio capitalista collettivo, sistema che ha affossato la cultura politica ed ha decretato la fine di intere popolazioni e dei loro territori, nonché responsabile di un principio di attacco alla spiritualità dell’Uomo, temo -seriamente- non ci possano ancora essere i presupposti per una semplice analisi, una che definirei “di partenza” per poter iniziare ad affrontare un dialogo assolutamente paritetico con la Umma.
Questo è -per ora- quanto. (Buona lettura)

La sindrome di Cotard, inquadrabile nell’ambito dei Disturbi Deliranti, è caratterizzata da idee di negazione e da una composita costellazione sindromica, comprendente ansietà melanconica, idee di dannazione o di possessione, tendenze autolesive, analgesia e idee di immortalità. Inoltre lo stato di assenza di emozioni domina completamente la ragione.
Caratteristica fondamentale della sindrome di Cotard è il delirio nichilista che consiste nella negazione totale del corpo o dell’esistenza di alcune parti di esso “non ho lo stomaco” “non ho la testa”, o nella loro trasformazione “il mio cuore è diventato di pietra”; dello spirito “sono senza anima”; dei beni materiali “non ho abiti”, “non ho casa”, “non ho cibo” e relazionali “non ho famiglia”; dell’intera persona “non ho nome”, “non ho passato”, “non ho età”. La sensazione di vuoto assoluto può essere tale da arrivare alla negazione delirante della propria persona “non esisto”, “non sono mai nato”. Alcuni sono convinti di essere morti, di sentire il puzzo della loro carne in putrefazione. Il sentimento di attribuzione causale interno, cioè la tendenza ad attribuire a se stessi la responsabilità di eventi esterni, può far assumere al nichilismo connotazioni di tipo cosmico per cui la persona è convinta che il destino del mondo intero è inscindibile dal suo. Spesso al delirio nichilista si associano idee deliranti di enormità fisica, la persona sente ed afferma che il proprio corpo è immenso, non ha più limiti, si è espanso a tutto l’universo; di immortalità e onnipotenza. In quest’ultimo caso il nichilismo di Cotard può assumere la connotazione di una megalomania a rovescio. Essa infatti viene esperita nella negativa accezione di pena, condanna e di dannazione a vivere in eterno per poter soffrire ed espiare così in parte le proprie colpe. L’immortalità qui rappresenta la paura più terribile esperita dalla persona. In questa fase non è rara la messa in atto di condotte autolesive e automutilanti e l’affiorare di idee suicide.

[Tratto da: “Aggiornamenti” del settembre 2008 dal “Portale medicina.it”]


As for the third time (HERE, part 1 and HERE, part 2), this thorny, complex and arduous theme in the manipulation that need-want to be supported, martyrdom, as an act in itself including its preparation, is a sacrifice of hyperbolic sentimental expression that would demonstrate the excess (falsifying?) of the cognition of the true and therefore, in the measure of the skeptical philosophical tradition, the confutation path included in the term tropo, where “true” is synonymous with “life”.
By taking the Faith that supports the religious martyr as it is an active subject, any “contradictory situation” envisaged in the terms of the philosophy just mentioned, would be taken away and even “controversies” would not suffice to delineate and denigrate such conduct.
Already a splendid reasoning -even not focusing on this topic- circulated among the European thinkers in the early eighteenth century (“Treatise for the tropes of eloquence”*); already and probably much before then, stretching with firmness and courage between the eyelashes of the abyss and therefore the precipices of the affection, in this case dogmatic, was an expression of some intellectual freedom, autonomy that today, as far as the involvement of the Faiths and above all the Islamic, is not always guaranteed.

(*)This book was written in 1730 and it is preserved in the Rome‘s library “V.E.”, edited in Bologna. Thank’s to “Google books” you can read it on line for free. (In italian language only).

As I have clearly set out in these “three passages” (probably there will be a halt from continuing this theme and at least for some time, surely if there is no open confrontation) it creates an apologetic view of martyrdom in the incitement not to exceed in the hypocrisy to refuse it first and to point out its existence and possibility that this may still occur in its fulfillment within the sphere of the abramite religions; this sacrificial act is absolutely sensible and foreseen when it is perfectly thought, aspirated and even executed. (Hypocrisy is categorically refusing from any part by myself; incomplete reading of the three chapters is, in addition, an unacceptable decontextualization!)

At the same moment in which I declare this decline, I declare that the evidence of this reality, our time, the story we are writing in sums does not leave us solid with the necessary assumptions for martyrdom: it is impossible to see anything that can to determine in a certain religious context not an act only but not a martyr aspiration, too; in Islam, for the most part, an act of martyrdom presumes an Islamic Community (Umma) divided into the bases and besieged in the sacred places by a clearly identified and localized invader; a response to generiis, admitted but not allowed, can be understood as an “extension” of this reactionary response, should consider totalitarian overthrow in annihilation of the Word of God-Allah.
The greatness of God, invincible over all diabolic and non-diabolical terrestrial forces and of any reach, does not require human activities for his defense as these are infinite and infinitely inadequate in comparison to the universal and perfect ascent above everything of the divine, visible and invisible to humans all (and beyond). Man, as indicated by my scriptures, does not need Religion because he himself is Religion; Man, in spite of all his thesis, must fight only himself and not even renouncing martyrdom, but must acknowledge and hold firm warning that it will not be acceptable justification for ignorance even minimal in this delicate matter that certainly embraces Jihad.

What then remains for an analysis of the events surrounding us and of which there is an aspiration to martyrdom, to (almost) inscription in the Roman Martiology if we are not to read of events that are essentially of a Muslim matrix?

I certainly do not want to make judgments, and if the opposite is to be misunderstood -after civil discussion- I am ready to spread the ash on my head, be it clear.
By underlining the commitment not to look for this
third chapter for a response or series, not even intending to address issues with certainty of cause that global society finds itself invested by a sort of collective capitalist delirium, a system that has tossed political culture and has decreed the end of entire populations and their territories, and is responsible for a principle of attack on the spirituality of man, I’m afraid -seriously- there can still be no presuppositions for a simple analysis, one that I would call “starting” in order to start addressing an absolutely equal dialogue with the Ummah.
This is -for now- how much. (Enjoy the reading)

Cotard Syndrome, framed within Delirious Disorders, is characterized by negation ideas and a composite constellation constellation, including melancholic anxiety, damaging or possessing ideas, self-tendential tendencies, analgesia, and immortality ideas. Moreover, the state of absence of emotions fully dominates the reason.
The fundamental feature of Cotard syndrome is the nihilistic delusion that consists in total body negation or the existence of some parts of it “I have no stomach” “I have no head”, or in their transformation “my heart has become Stone”; Of the spirit “are without soul”; Material goods “I do not have clothes”, “I have no home”, “I do not have food” and relational “I have no family”; Of the whole person “I have no name”, “I did not pass”, “I have no age”. The absolute void of feeling can be such as to reach the delusional negation of one’s own person “does not exist”, “I have never been born”. Some are convinced of being dead, hearing the stench of their flesh in rotting. The sentiment of internal causal attribution, that is, the tendency to attribute to itself the responsibility of external events, can make nihilism cosmic type connotations for which the person is convinced that the fate of the whole world is inseparable from its own. Often nihilistic delirium associates delusional ideas of physical enormity, the person feels and states that his body is immense, no longer limits, has expanded to the whole universe; Immortality and omnipotence. In the latter case, Cotard’s nihilism can assume the connotation of a backward megalomania. In fact, it is experienced in the negative meaning of punishment, condemnation and damnation to live forever in order to suffer and thus expiate its own faults in part. Immortality here represents the most terrible fear experienced by the person. At this stage, it is not uncommon to put into practice self-healing and self-destructive conduct and the emergence of suicidal ideas.
NOTE:
This translation is from a psychiatric medicine site. Since translation is quite complicated because of my personal difficulties, what is read is copied without further verification by “Google Translator”; there are obviously similar English-language descriptions available. This is a link to the free Encyclopedia Wikipedia:https://en.wikipedia.org/wiki/Cotard_delusion

Il (poco) discreto fascino del capitalismo / The (less) discrete charm of capitalism

La “civiltà meccanica” come fulcro, paradigma, archetipo di pensiero Occidentale che si stabilisce in un moto all’apparenza dei fatti inarrestabile e senza ostacoli, è in via di degenerazione materialista e consumista, considerate appunto (al momento) “finite le spinte marxiste” che ne tentarono un contrasto, certamente dapprima ideologico. Tutto ciò, questa “modernità” in somma, sta uccidendo lo spirito e la giustizia, in primo luogo quella divina.
Non solamente.
Il “dinamismo”, caratteristica determinante di questa imperante ideologia, ha reso l’impazienza una pseudo virtù, ha reso il riposo “perdita di tempo”, il silenzio, la contemplazione e la preghiera “tempi morti”. Questi valori apparentemente non negati, sono e rimangono custoditi nell’animo dell’Uomo, nel sentimento. Mai domo. La religiosità e prima della Religione, per tanto, è immanente nell’Uomo, tale che in esso tutti gli uomini sono uguali e comunicano.

Inevitabilmente, la globalizzata società (è una e sempre una la società nella ricerca dell’Assoluto) va’ incontro ad un autocritica: non può essere esente, in somma; nessuna società civile è immune da questa attività del tutto umana. Proprio da qui, anzi, qui, Cristianesimo ed Islam, nell’ordine cronistorico fioriscono. (A guardare bene ma solo per un attimo, sono la stessa Religione, includendo anche l’ebraismo; da Mosè, in somma). In realtà, la grande ed assoluta differenza è che il mussulmano non potrà mai convertirsi al Cristianesimo oppure all’Ebraismo, perché l’Islam già li “comprende”, li “definisce”; oggi, semplificando, le Comunità islamiche devono necessariamente svincolarsi proprio da quell’Occidente del capitale che le manovra; oggi come allora e nonostante per questo tempo c’è un problema aggiuntivo che riguarda le masse in movimento e fuori controllo, le masse che oggi compiono guerre alla pari degli eserciti.
“Il comunismo divino“, quell’unità indiscutibile della Umma di origine, potrebbe fallire come quello di Marx ha fallito difronte al capitalismo, non considerando le intercettazioni che l’Islam in qualità di Fede imbattibile verrebbe a dover sostenere; per tanto: quali saranno le conseguenze nell’evidenza islamica che “lo spazio per Dio” non sarà mai “una concessione”?
Il sincretismo generico, la “filosofia accettabile”, negli ambienti di politica e cultura internazionale, ripete che “la conoscenza reciproca” porta alla “mutua intesa”: che significa dal punto di vista mussulmano, capitalismo e democrazia über alles?


The “mechanical civilization”, fulcrum, paradigm, an archetype of Western thought that is established in a motion in the appearance of unstoppable and unimpeded facts, is in the process of materialist and consumerist degeneration, considered precisely (at the moment) “ended the Marxist pushes”, that tried a contrast, certainly at first ideological. All this, this “modernity” in sum, is killing the spirit and the justice, first of all, the divine one?
Not just that one.
The “dynamism”, the decisive feature of this dominant ideology, has made impatience a pseudo-virtue, made rest “loosing time”, silence, contemplation and prayer “dead times”. These values seemingly not denied, are and remain guarded in the soul of man, in feeling. Never bend. Religiousness and before of Religion is so immanent in Man, so that all men are equal in it and communicate.

Inevitably, a globalized society (one and only one is always a society in the search for the Absolute) is confronted with self-criticism: it can not be exempt, in sum; no civil society is immune to this all-human activity. Right from here, indeed, here, Christianity and Islam, in the chronological order flourish. (Just for a moment, these two are the same Religion, including Judaism; Moses, in sum). The great and absolute difference is that Muslim can never convert to Christianity or to Judaism, because Islam already “understands”, “defines” both the two; today, by simplifying, Islamic communities must necessarily be released from that West of the capital that maneuvered them; today as it is then and despite this time, there is an additional problem concerning the masses in motion and out of control, the masses that now make armed struggles like the armies.
“Divine Communism”, that unquestionable unity of the Ummah of origin, could fail as Marx‘s failure to capitalism, not considering the interceptions that Islam as unbeatable Faith would have to sustain; so, what are the consequences in Islamic evidence that “space for God” will never be a “concession”?
Generic syncretism, “acceptable philosophy” in the context of international politics and culture, repeats that “mutual knowledge” leads to “mutual understanding”; meaning from the Muslim point of view, what does it mean: capitalism and democracy über alles?

Il martirio; i martiri; le inevitabili questioni del pensiero umanistico (parte seconda) / Martyrdom; martyrs; the inevitable issues of the humanistic thought (part two) [shahīd شَهيد]

Nella precedente disquisizione riguardo questo tema sempre evanescente e soprattutto pericoloso da trattare, (QUI la prima parte) ho terminato la scrittura con una domanda; la ripropongo come riallaccio: <<Essendo il martirio fondato nel dogma religioso, riconoscendo questa verità, quali sono le direttive, le pratiche di formazione, di ammaestramento e culturali di cui e per cui c’è fabbisogno?>>
Sia chiaro: non ho risposte lapidarie e nette e, non ce ne sono per questa seconda (ma non ultima, Se Dio Vòle) parte. (Spingendomi in un territorio zeppo di insidie e di difficilissima argomentazione, senza un particolare tatto, ho la speranza esse -le risposte- possano nascere nella nostra coscienza…)

Il martirio di matrice religiosa, atto che si è imposto nell’opinione pubblica e mediatica in questi ultimi tempi in questo termine perché così è stata descritta l’azione terroristica, sebbene dal mio punto di vista e per quanto ho cercato di spiegare nella parte prima non è, appunto, martirio*, ha in qualche modo influenzato una minima discussione, laddove l’aggettivo che sopra ho usato, quello appunto di “evanescente”, lo ripropongo con fermezza per descrivere i dibattiti svolti ed in svolgimento in tal senso qui in Occidente, dove ora mi ritrovo.
Le due Religioni che si spartiscono oltre la metà ed anche di più degli umani in Terra, il Cristianesimo e l’Islam, nell’adorazione dello stesso Dio, hanno visto, nel corso della loro esistenza, certamente azioni di martirio; una sostanziale differenza va però segnata: la Religione Cristiana indica il martirio sempre come uno stadio (umano) passivo e cioè un sacrificio massimo che equivale a morire ed a farsi ammazzare per la causa; il martirio islamico, in vece, aggiunge anche uno stadio attivo, la possibilità cioè di innescare l’azione che sfoci nel sacrificio ultimo. (Questo in linea di massima e senza tentare ora e qui un analisi su quanto sia ignobile per l’Islam considerare Dio crocefisso e quindi martire).
Mi chiedo, pur essendo pratiche dissimili, modalità che non possono venire confuse: sono o no, comunque, “due facce della stessa moneta?
Sebbene da parte del martire “la preparazione” sia un requisito “speciale”, “serissima” e, non possa prevedere “inadeguatezza” e/o “imperfetto portamento coscienzioso” od addirittura una “superficialità” o “condotta precedente deplorevole”, entrambi, mai indotti e sempre consapevoli e lucidi nel ragionamento, risultano impossibilitati nella esecuzione pianificata (mai casuale!) se non hanno a disposizione un altra e differente vita come ostacolo. Attivo o passivo, il martire, non può agire isolandosi e senza coinvolgere “umana resistenza” e “vitale resistenza”, pena l’inefficacia della azione ed il conseguente discredito come martire, laddove l’appellativo di terrorista, non è nulla di più, nulla di meno, è il ricordo che resterà di lui se fosse stato un uomo; ogni atto sui generiis, quindi, consegnerebbe ogni “attività” non specchiata quantomeno in alcuni dettami sopra esposti, alla comune criminalità, alle attività malavitose, crudeli e barbare; all’omicidio. Disumano.
(L’Islam, ultima Religione rivelata, addirittura prevede e distingue modus operandi; senza qui addentrarci in descrizioni particolareggiate, possiamo almeno non dimenticare che “il fuoco” e la chimica –assoggettabile per ciò che si può ottenere da essa oggi-, è “affare di Dio” e non umano?)

Cattura
Horror in Mosul, Isil used prisoners as guinea pigs for chemical weapons. [https://goo.gl/ZbhvUI]

Sopra un articolo di un quotidiano nazionale italiano che ci illustra (col beneficio del dubbio) una serie di cruenti accadimenti apparsi di recente, un articolo che offre o dovrebbe offrire una serie di inquietudini ma, ciò che è più efficace per questa analisi è evidenziare perché servirebbe fare tutte queste distinzioni, quale senso avrebbe approfondire questi atti violenti se non dopo aver preso una posizione inequivocabile “contro tutte le violenze”, a priori. E perché farlo in questo modo.
Ebbene, la ricerca di pace, il bene per tutti e comune, oggi, è solo un altra formula mediatica; le discussioni per questi temi oramai tengono la scena focalizzando su “bombe intelligenti”, “madri delle bombe”, “guerra preventiva”, “azione di pace” e via di seguito, ragionamenti che comunque allontanano e portano a decontestualizzare il martirio, tema di cui dovremmo accettare l’esistenza ma soprattutto una paternità religiosa senza false ed ipocrite rappresentazioni e, senza vergogna, perché il predominio del pensiero unico, nascondendo questa arcaica verità, ci consegna deviate considerazioni che lo collocano maldestramente in una sfera bestiale e non eroica come è stato, quella dell’islamofobia, pseudo-argomentazione che potete analizzare QUA.

* Sulla base dei dati che possiedo, dati incontrovertibili e disponibili a chiunque li voglia ricercare ed in attesa di smentita, sono convinto che non solo non vi sia traccia alcuna di martiri ma, risultino quelle azioni essere pratiche assassine e sanguinarie, praticamente espressioni de “IL NULLA” (Vedi QUI).

In the previous dissertation regarding this ever-evanescent and especially dangerous topic to be treated, (HERE the first part) I ended my writing with a question; I propose to bring it back: <<Being martyrdom founded in religious dogma, recognizing this truth, what are the directives, the training and cultural practices for which and why is it necessary?>>
To be clear: I do not have lapidary and certain answers, and there is not one for this second (last but not least, if God Wants) part. (Pushing myself into a territory full of pitfalls and difficult arguments, without a special touch, I have the hope -the answers- can be born in our consciousness…)

The martyrdom like a religious matrix, an act that has been imposed on public opinion and media in recent times in this term because terrorist action has been described -though from my point of view and as far as I have tried to explain in the first part it is not martyrdom*– it has somehow influenced a minimal discussion, where the adjective above I used, namely, “evanescent,” I reiterate it firmly to describe the debates that have been carried out and take place here in West, where I am, now.
The two religions that spread more than half and even more than humans in the Earth, Christianity and Islam, in worshiping the same God, have witnessed, during their existence, certain acts of martyrdom; a substantial difference must be noted: Christian Religion always indicates martyrdom as a passive (human) stage, that is, a maximum sacrifice that is equivalent to dying and being killed for the cause; Islamic martyrdom, in addition, adds an active stage, the possibility of triggering the action that leads to the ultimate sacrifice. (This in principle and without trying now and here an analysis of how ignoble it is for Islam to consider God crucified and therefore martyred).
I wonder, albeit dissimilar practices, that they can not be confused: are they or not, anyway, “two faces of the same coin?”
Although the “preparation” is a “special”, “very serious” requirement, and can not foresee “inadequacy” and/or “imperfect conscientiousness” or even “superficiality” or “deplorable previous conduct”, never induced and always aware and lucid in reasoning, are impossible in the planned execution (never random!) if they have no other and different life as an obstacle. Active or passive, the martyr, can not act by isolating himself and without involving “human resistance” and “vital resistance”, because it could become something “different”, punishing the ineffectiveness of action, and the consequent discredit as a martyr, where terrorist is the only name and nothing more, nothing less will remain in our memory; each act on generiis would therefore pass on any “activity”, when not at least mirrored in certain dictates above, will remain only common crime, murder, cruel and barbaric activities. Inhuman.
(Islam, the last revealed Religion, even envisages and distinguishes modus operandi: without going into detailed descriptions, can we at least not forget that “fire” and chemistry -which is subordinate to what can be obtained from it today- is “God’s deal” and not human?)

Catturaeng
[https://goo.gl/NIGU1y]

Above an article in a UK national newspaper (same news as the italian one, see above) that illustrates (with the benefit of doubt) a series of bloody occurrences recently appeared, an article that offers or should offer a series of anxieties but what’s most effective for this analysis is highlighting why it would serve to make all these distinctions, what sense would it be to deepen these violent acts if not after taking an unequivocal position “against all violence”, at first. And why do it in this way.
Well, the pursuit of peace, good times for everyone and common, today, is just another media formula; the discussions on these themes now hold the scene focusing on “intelligent bombs”, “bomber mothers”, “preventive war”, “peace action,” and so forth, arguments that nevertheless distract and lead to decontextualizing martyrdom, we should accept the existence but above all a religious paternity without false and hypocritical representations and, without shame, because the dominance of the single thought, hiding this archaic truth, gives us deviating considerations that place martyrdom in an unkindly bestial and non-heroic sphere as it is, that “islamophobia”, pseudo-argument that you can analyze HERE.

* Based on the data I have, incontrovertible and available to anyone looking for them and, waiting to be denied, I am convinced that not only there is not any traces of martyrs, but those actions can be murderous and bloody practices, practically expressions of ” NOTHINGNESS” (See HERE).

Essere vivi, vivere, è una ragione comportamentale degna di elogio del pensiero Occidentale? / Being alive, living, is a behavioral reason worthy of praise of Western thought?

Elogiare, in molti aspetti, è sinonimo di rendere aperto, visibile e quindi condivisibile ciò che è meritevole, quanto risulta chiaramente qualità, servigio portato a compimento.
L’evoluzione del pensiero Occidentale -tratteggiato dalla secolarizzazione- ha surclassato le Fede, non lo si può negare; in una maniera od in un altra, ogni abitante o meglio, ogni residente in Occidente ne trae consapevolezza, nella gioia (di saperlo) ma anche nel dolore di non trovare comunque una pace. (Talvolta ed oso indicare sovente, ambedue le situazioni coesistono, nel continuo dello scorrere della vita).

Eppure, se dal lato del buon fedele, della pia persona oggi sono o sembrano proprio le parole a mancare, le nozioni che latitano anche per la propria difesa, laddove la cautela viene sempre più usata per sottrarsi agli impegni che comunque Dio indica ai suoi fedeli senza dubbio alcuno, eppure… un punto chiaro che accomuna, rinfranca e solidifica la fratellanza nell’imperfezione difronte agli elementi di ogni essere umano e vivente, si può semplicemente trovare nell’arresto del netto pensiero proprio di chi ha pensato di aver superato la teologia con le nozioni sistematiche e relativiste, proponendo lo studio scientifico e solamente esso come soluzione.
Tralasciamo per un attimo agnosticismo e ateismo: il pensiero umano libero può volare ancora più in alto e senza la necessità di abbandonare Dio; esso è possibile identificarlo (e non voglio nascondere il mio profondo rispetto, la mia ammirazione verso il più grande scrittore in lingua inglese di tutti i tempi e di conseguenza verso gli anglosassoni in genere) nel terzo atto (la prima “famosissima” scena) della tragedia “Amleto“, l’essere o non essere, appunto, l’opera che William Shakespeare scrisse tra il 1600 ed il 1602 in quel di Londra, se non sbaglio.

L’arresto del pensiero totale ed universale dell’Occidente è esattamente (ancora) identificato qua, con buona pace degli illustri e stimati trattati di Parmenide di Elea, di Platone, Aristotele, Hegel, Avicenna, Nietzsche e Sartre e di tutti gli altri lavori immensi degli eruditi e colti pensatori cui l’umanità tutta deve molto. La logica la vogliate trovare nelle magnifiche e superlative inquietudini umane pronunciate nel soliloquio del principe Amleto.

NOTA: I VIDEO CHE SEGUITANO LA VISIONE DEL TRAILER SOPRASTANTE NON SONO ACCREDITATI ALLA VOLONTÀ DELLO SCRIVENTE: ESSI SONO CARICATI IN MANIERA AUTOMATICA.

ADDENDUM:
Quando nel 641 il califfo Omar occupò l’Egitto, davanti alla celebre biblioteca di Alessandria fu lapidario: <<O questi libri>> disse <<contengono ciò che già c’è nel Corano ed allora sono inutili, oppure dicono qualche cosa che nel Corano non c’è ed allora sono pericolosi>>. La grande biblioteca dei Tolomei venne così distrutta ma, ciò non impedì che nei decenni successivi le arti e le scienze (umane) conoscessero in Egitto e nel mondo arabo una fioritura eccezionale, al punto che molte opere della Grecia classica ci sono pervenute solo attraverso la loro traduzione araba. L’episodio è ricordato da Hegel nelle “Lezioni sulla filosofia della storia” per dimostrare che il fanatismo consustanziale al mondo islamico può prendere, sul piano storico, le direzioni più impensate ed imprevedibili. Per Hegel, infatti, l’Islam <<è la vera e propria patria della mutevolezza>>, un <<mare infinito>> che <<ondeggia sempre>> e dove <<nulla vi è di saldo>>.
CIT. F. Monteforte (postfazione a “Processo dell’Islam alla civiltà occidentale” di G. Piovene. 1957 Mondadori Ed.)


Praise, in many respects, is synonymous with making what is deserving open, visible and therefore shared, as clearly as it is clear that is a quality, an accomplished service .
The evolution of Western thought -credited by secularization- has surpassed the Faith, it can not be denied; in one way or another, every inhabitant or better, every resident in the West takes it from awareness and joy (to know), but also in the pain of never finding peace. (Sometimes and sometimes I can point out, both situations coexist, in the continuation of the flow of life).

And yet, if on the side of the good faithful, of the pious person, today, the words are or seem missing, the notions that lie also for their own defense, where caution is increasingly used in order to escape the commitments that God nevertheless indicates to His faithful without doubt, some, yet, a clear point that unites, strengthens and solidifies brotherhood in imperfection to the elements of every human being with the act of living, can simply be outlined in the arrest of the clean thinking of those who thought to have passed theology with the systematic and relativistic notions, proposing scientific study and solely as a solution. Let’s leave for a while agnosticism and atheism: free human thought can fly even higher and without give up God; it is possible to identify it (and I do not want to hide my deep respect, my admiration for the greatest English-speaking writer of all time and consequently to Anglo-Saxons in general) in the third act (the first “famous” scene) of tragedy “Hamlet”, “to be or not to be“, precisely, the work that William Shakespeare wrote between 1600 and 1602 in London, if I am not mistaken.

The arrest of the total and universal thought of the West is exactly (yet) identified here, with good pardon of the illustrious and esteemed treaties of Parmenide of Elea, Plato, Aristotle, Hegel, Avicenna, Nietzsche and Sartre and all the other immense works of learned and educated thinkers which all humanity owes much. You may want to find the logic in the magnificent and superlative human anxieties pronounced in the soliloquy of Prince Hamlet. 

NOTE: VIDEOS THAT FOLLOW THE PREVIEW OF THE OVERLYING TRAILER ARE NOT CREDITED TO THE WRITER’S WISH: THEY ARE UPLOADED AUTOMATICALLY.

ADDENDUM:
When the Caliph Omar occupied Egypt in 641, he was a lapidary in front of the famous Alexandria library: “These books,” he said, “contain what’s already in the Koran, and then they are useless, or they say anything in the Qur’an is not written and then it is dangerous”. The great library of the Ptolemies was thus destroyed, but this did not prevent the arts and the sciences (human) knowing in Egypt and in the Arab world have an exceptional flowering, to the point that many works of classical Greece came to us only through (thanks to) the arabic translation. The episode is recalled by Hegel in the “Lectures on the Philosophy of History” to show that consubstantial fanaticism in the Islamic world can take the most unseen and unforeseeable directions on a historical level. For Hegel, in fact, <<Islam is the true homeland of changeability>>, an “endless sea” that <<always waves>> and where <<nothing is in balance>>.
CIT. F. Monteforte (Postponement to “The Process of Islam to Western Civilization” by G. Piovene. 1957 Mondadori Ed.)

Il nulla. / Nothingness.

Gli atti terroristici e stragisti che si susseguono nel Pianeta vengono e spesso rivendicati.
Il nome di Dio (Allah come IL Dio, l’Uno) è comunque e nonostante poco o nulla che possa portare ad un ragionamento -vedi ad esempio il martirio (QUI di più)- portato costantemente alla ribalta, in primissimo piano.
E… se… dietro a tutta questa maledetta violenza non ci fosse nulla? Se… si trattasse solamente di “devastazione socio-culturale” di una massa di sottoproletari che si prestano alla violenza?
Una “crisi di identità”, una sorta di (“giuoco”) adulto “blu-whale” !?
Purtroppo abbiamo precluso ogni ragionamento “serio” e, una base di partenza per un isolamento di questi “insani comportamenti”; senza una base, “questa base”, mi permetto di dire, fondamentale pensiero il quale deve e dovrebbe diventare una chiamata per la Umma, l’Islam, oggi, si presterebbe al servizio di questo orrore, presterebbe il fianco all’islamofobia. Tenetevi tutto il resto per Voi…


The terrorist and straggy acts that follow in the Planet come and are often claimed.
The name of God (Allah as THE God, the One) is, however, in spite of little or nothing that can lead to a reasoning -see, for example, martyrdom (HERE more)- constantly brought to the forefront.
And… if… behind all this damned violence there was nothing? If… it was only a “socio-cultural devastation” of a mass of underclass who lend themselves to violence?
A “crisis of identity”, a kind of (“play”) adult “blue-whale“!?
Unfortunately, we have forbidden any “serious” reasoning and a starting point for isolating these “insane behaviors”; without a base, “this base,” let me say, the fundamental thought that must and should become a call to the Ummah, Islam today would lend itself to the service of this horror, lending it to islamophobia. Take everything else for you…