Signore e signori… “Il terrorismo islamico!” (Applausi e fischi) / Ladies and gentleman… “the Islamic terrorism!” (Applause and whistles)

Non si dovrebbe scherzare troppo, questo è assolutamente vero: il dolore che purtroppo molte persone hanno dovuto ed ancora portano in sé, difronte anche a titoli come questo in calce, è sempre troppo, specie se esiste in qualche maniera una matrice, una riconducibilità accertata verso un gruppo di fanatici, disperati, pazzi, soggiogati o come li volete chiamare, senza nessuna limitazione di giudizio possa volere ora chiedere. Sebbene un inizio di ragionamento lo ho posto in alcuni articoli che trattano la cosiddetta “radicalizzazione religiosa estremista”, (clik QUI, per esempio) e niente affatto per “comprendere” inteso come “accettazione” ma solo per “sconnettere” presunte ed effettive corresponsabilità ideologiche e/o teocratiche in quelle maledette azioni, ora vorrei sottolineare un aspetto mediatico, la particolarità prettamente Occidentale e vincente di diffondere le notizie su larga scala: di più, le tecniche di risulta che si vanno a ricercare per effettivamente combattere il problema. Sì, l’azione repressiva che si rende necessaria in ogni Comunità che si è data una Costituzione -perdonate questa esemplificazione di comodo- è alle strette dipendenze dei media e, questo è un rilievo da non sottovalutare, se per un altro esempio consideriamo l’opera debordiana, quella “Società dello spettacolo“, mai così “profetica” potremmo col senno di poi oggi dire. Posto che parte del problema sono certamente soggetti-persone invocanti Dio-Allah (stupido è nasconderlo o farlo passare come inezia od insignificante elemento probatorio) la reazione poliziesca ed investigativa dopo le consuete analisi e gli interventi eccetera, affida lo studio per la prevenzione (importante novità assoluta) nell’esclusiva cerchia che non comprende chi di fatto è stato usato, discriminato ed offeso da quelle azioni e cioè il “99,9%” dei mussulmani, fino a prova contraria.
L’Occidental visione“, i media che ne interpretano onestamente e non sempre onestamente il pensiero (comunque sempre capitalista/consumista) e, l’intellighenzia pressoché totale, rimane in affanno generale; teme di mettersi in discussione per ragioni quasi sempre di natura economica, generalizzando e focalizzando gli avvenimenti su stereotipi di cronaca nera del passato. La confusione è altissima: ci sono “macchiette” islamiche ogni giorno in TV, studiosi della psiche e pure islamici portati “sotto i riflettori” quasi a forza i quali ingenuamente cercano una difesa nella teocratica visione cattolica (pace ed amore) e, questo è un pericoloso fare. Due esempi (immagini a seguito) davvero di rilievo:
1. La presidenza del Consiglio italiano che promuove ed inaugura un studio sullo Jihad dove non c’è una, dicasi una, persona islamica;
2. Una discussione promossa dal “Centro Studi Internazionali” sempre incentrata sullo Jihad “estremista” (quanti ce ne saranno, secondo questi sapienti?) dove i relatori sono: un Onorevole situato alla NATO, un Comandante dei Carabinieri e la Presidente de “European Foundation for Democracy“. Stimatissime ed illustrissime personalità, non lo posso e voglio negare…

Cattura_3
https://cesi-italia.org/index.php?page=eventi&id=392
Cattura2
https://goo.gl/nJVTFa

Note for English language-readers: the two documents presented (above) are the official web pages where the “study programs” on the topic “extremist Jihad and terrorism” are exposed. These are programs coordinated by the Italian State Government but which include the Countries of European Community.

We should not be joking too much, this is absolutely true: the pain that unfortunately many people have had and still carry in them, also reading main titles like this one in topic, is always too much, especially if there is some sort of matrix, a re-feasibility for a group of fanatics, desperate, crazy , subjugated or as you want to call them, without any limitation of judgment you may want to ask me now. Although a beginning of reasoning I have put it in some articles dealing with the so-called “extremist religious radicalization” (clik HERE, for example) and nothing to “comprehend/understood” as “acceptance” but only to “distinguish, to separate” if there is actually a Ideological and/or theocratic co-responsibility in those damn actions, now I would like to emphasize a media aspect, the peculiar and winner Western feature of spreading the news on a large scale: moreover, the techniques of finding that go to seek to actually fight the problem. Yes, the repressive action that is needed in every Community that has been given itself a Constitution -sorry for this exemplification- is to the close dependencies of the media and, this is a relief not to be underestimated, if for another example we consider the ‘ Debord work, that “Society of the Spectacle“, never so “prophetic” we might be able to say today. Since part of the problem are certainly subjects-people invoking God-Allah (stupid is hiding it or making him pass as trifle or insignificant evidence) the police and investigative reaction after the usual analysis and interventions etcetera, entrusts the study for prevention (important and absolute novelty in EU) in the exclusive circle that does not understand who has in fact been used, discriminated and offended by those actions, that is, the “99.9%” of the Muslims, to the contrary.
“The Western Vision”, the media that interpret honestly and not always honestly (but always capitalist/consumerist) thinking, and the whole intelligence, remains in general turmoil; it is tempted to question for reasons almost always of an economic nature, generalizing and focusing on recent stereotypes of the “black news” of the past. The confusion is very high: there are Islamic “spotters” (stereotypes) every day on TV, psychiatrists, and even Muslims who are almost forcefully naively looking for a defense in theocratic Catholic vision and this is a dangerous thing to do. Two examples (images above) are really important:
1. The Presidency of the Italian Council that promotes and inaugurates a study on Jihad where there is no one, said one, Islamic person;
2. A discussion promoted by the “International Studies Center” always centered on the “extremist” Jihad (how many will be, according to these scholars?) where the speakers are: a Honorable Member of NATO, a Commander of the Carabinieri (an italian Police division) and the President of “European Foundation for Democracy“. Estimated and illustrious personalities, I do not want to deny it…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...