La cautela come disturbo islamico modernista. / Caution as a modernist Islamic disorder.

Per quanto ne sappiamo oggi, nella  sfera islamica marchiata da una cautela che ha generato una grave assunzione di smarrita consapevolezza con il primo effetto di ignorare le basilari tecniche di esercizio civile di facciata e che, nello specifico, preclude essa stessa anche il semplice distinguo dalle azioni terroristiche che coinvolgono la sua stessa comunità, un indipendente evoluzione positiva nella differente e riconoscibile diversità dalle altre Fedi ed in special misura dalla cristianità e dal cattolicesimo costantemente in ritardo all’opposto della coranica scrittura eterna e perfetta, si è tradotta comunque in un eccezione moderna e disponibile come evoluto processo di proselitismo di automazione.
L’assoluto islamico, nel costruito, in quanto tale (Dio è perfezione come lo è) comporta nuove opportunità per la Umma pur non esente dal pericolo del peccato; è quindi chiaro come dovrebbe esserlo, l’assunto che il movimento e meglio lo spostamento di tutte le persone “graziate” ed unite nella Umma, non avviene nella solitudine e nell’alienazione culturale, essendo esso accompagnato dalla invincibilità della Religione islamica portatrice della ultima Verità, religione che si offre in probo contagio senza colpo ferire nonostante l’insensato umano offra un controproducente affresco macchiato inutilmente e peccaminosamente con il colore rosso del sangue umano. Il mondo terreno è finalmente un pianeta non più misterioso e buio, così come ci è stato prospettato da qualche forza “anti-islamica”, ovvero è quel mondo che conosciamo e riconosciamo, dove ogni singola creatura, compreso l’universo animale e vegetale e fino all’ultimo granello di sabbia compresi tutti i fiumi con i laghi ed i mari e gli oceani, sono gli stessi dell’origine e non saranno mai tetri nell’Ordine di Dio, Luce disponibile nel Creato.
(Questa “chiave di lettura”, impossibile da non comprendere nel personale proprio giudizio, qualunque esso sia, rileva ogni impresa umana come “artefatta”, in cui la privazione della “naturalezza dell’istinto di sottomissione” è da intendersi nella differenza che comporta il pensiero libero dell’Uomo dal sistema percettivo dell’Universo che gli esseri viventi animali e vegetali hanno, includendo le cose inanimate che presentano anch’esse un ordine e realizzano dei tipi e si formano secondo le Leggi di Dio, senza mai ribellarsi, nemmeno per comprendere).
La cautela del mussulmano, quel silenzio disponibile in così tanti siti virtuali o meno e, per l’aggiunta, quei timidi approcci verso l’esterno che ammiccano ad un verso religioso troppo Cristiano, indicano un arresto ideologico del pensiero islamico, dove la conformata società civile che ne interpreta perfettamente il senso, così come il presunto margine per cui ogni non fedele debba ricercarne la tolleranza, in realtà, non è un inclinazione immobilista oppure di prammatica cautela della Umma pensante che ne ricerca una condotta, sebbene un certa salvezza fatalista scambiata erroneamente dall’occidentale visione filosofica con il determinismo (comunque sempre differente dalla Cristiana Divina Provvidenza) sia predestinata, sempre disponibile e saldata artificialmente al vittimismo sui generiis oggi identificato con le genti ebraiche del 1940; uno sguardo attento anche provocatoriamente connotato da laicismo, riconduce l’attività umana in una fase che scientificamente si enuncia “sperimentale”, dove le relazioni e le scienze dell’Uomo assumono andamenti piuttosto ciclici con conseguenti scoperte che depauperate degli aggettivi stupefacenti del primo momento, fanno riemergere la assoluta distanza del pensiero umano con l’infinito, luogo sempre presente nelle strutture teocratiche avanzate, in special menzione in quelle islamiche.
L’Islam, la Umma meglio sottolineare, disgiunta e confinata in diverse entità giuridiche, adottando l’atto della sottomissione ad Allah e muovendosi nella presunta immobilità cautelativa dove ogni processo a cui non ci si potrà volontariamente sottrarre, sarà regolata dalle spinte di secolarizzazione nella forma già conosciuta dalle altre religioni?
Saprà edificare un ipotesi, soprattutto di politica condivisa in uno svincolo ulteriore dal pensiero Occidentale quando questo è corroborante non dello spirito positivo illuminista ma, della finanza capitalista?

FOTO del Titolo: Denkmal für die ermordeten Juden Europas (Berlin Mitte).
Foto elaborata dig. di L.d.N. [https://it.wikipedia.org/wiki/Memoriale_per_gli_ebrei_assassinati_d%27Europa]


As far as we know today in the Islamic sphere marked by caution that has generated a serious assumption of lost awareness with the first effect of ignoring the basic techniques of civilian façade practice and which, in particular, itself precludes the simple distinction from Terrorist actions involving his own community, an independent positive evolution in the distinct and recognizable diversity of the other Faiths, and in particular by Christianity and Catholicism, which is constantly behind the opposite of Coranic eternal and perfect writing, has, however, translated in one exception Modern and available as an evolved process of automation proselytizing.
The absolute Islamic in the built, as such (God is perfection as He is) brings new opportunities for the Ummah, though not exempt from the danger of sin; it is thus clear how it should be, assuming that the movement and the better movement of all “graceful people” and united in the Ummah does not occur in solitude and cultural alienation, being accompanied by the invincibility of the Islamic Religion carrying the last Truth, religion that is offered in probe contagion without hitting hurt despite the human senseless offers a counterproductive stained stain unnecessarily and sincerely with human red blood. Finally the earthly world is not more mysterious and dark Planet, as has been suggested by some “anti-Islamic” force, that is, the world we know and recognize, where every single creature, including the animal and vegetable universe up to the last grain of sand, including all rivers with lakes and seas and oceans, are the same as originals and will never be tetrious in the Order of God, Light available in Creation.
(This “key of reading”, which can not be understood in personal judgment, whatever it is, detects every human enterprise as “artifacts”, in which the deprivation of the “naturalness of the instinct of submission” is to be understood in the difference that entails the free thought of man from the perceptive system of the universe that animal and plant living beings have, including the inanimate things that also present an order and realize types and are formed according to the Laws of God without ever rebelling even to understand).
The caution of the Muslim, that silence available on so many virtual sites or not and, additionally, the timid outward approaches that adhere to a too Christian religious direction point to an ideological strife of Islamic thought, where the conformed society Civilian who perfectly interprets the meaning, as well as the alleged margin for any non-faithful to seek tolerance, in fact, is not an immobilized inclination or pragmatic caution of the thinking Ummah seeking a conduct, although a certain fatalist salvation exchanged wrongly from the Western philosophical vision with determinism (though always different from the Christian Divine Providence) is predestined, always available and artificially welded to the victimization today identified with the Jewish people of 1940; a careful look also provocatively consecrated by secularism, leads human activity to a stage that is scientifically “experimental” where human relationships and sciences take on rather cyclical trends with subsequent discoveries that deplete the astonishing adjectives of the first moment, Make the absolute distance between human thought and the infinite, always present in advanced theocratic structures, in particular Islamic ones.
Islam, the Ummah better emphasize, dissociate and confine itself to different juridical entities, adopting the act of submitting to Allah and moving in the supposed precautionary immobility where any process that can not be voluntarily subtracted will be governed by the thrust of secularization in a form already known by other religions?
Will the Ummah build a hypothesis, especially of shared politics in a further junction from Western thought when this is corroborating not the positive enlightenment but the capitalist finance?

TITLE’S IMAGE: Denkmal für die ermordeten Juden Europas (Berlin Mitte).
Digital processing pict by L.d.N.
[https://en.wikipedia.org/wiki/Memorial_to_the_Murdered_Jews_of_Europe]

La “caritas” destabilizzante nel concetto è un veleno nuovo. (Anche appropriarsene) / The destabilizing “caritas” like concept itself is a new poison. (Even approve it)

Caritas è un termine in lingua latina che traduce, in ambito cristiano, il greco antico agápē nel significato di “amore”; le due parole di affine significato nella cultura greco-romana (agápē e caritas) si uniscono, nell’età cristiana, per esprimere una virtù teologale, acquistando un significato assai più alto e insieme più intimo nella partecipazione dello stato soprannaturale.

Una nota assai dolente e per cui corre l’obbligo di un’esternazione in stretta correlazione alle lucrose attività finanziarie del nostro tempo globalizzato e allargante ai principi etici e religiosi, è riferita al “traffico umano”, leggi anche emigrazione o immigrazione se lo sguardo avviene dal territorio in cui arrivano le disperate genti, allorché una scontata denunzia verso ogni deprecabile attività abbia come oggetto la mercificazione dell’essere umano è, dovrebbe assolutamente essere, automatica, certa e non discutibile. Le Religioni abramitiche, per principio e senza addentrarci qui sulla prima vergogna peccaminosa delle schiavitù ricordando che il secolare processo di abolizione dello schiavismo non è ancora del tutto stato completato facendo precipitare nel paradossale questo ragionamento, (nel libro saggio questo capitolo è sottolineato) indicano il valore sommo della vita, rivendicando a sé, pur con qualche differenza ma non di sostanza tra Ebraismo, Cristianesimo e Islam, la percezione incomparabile della stessa, valori per così dire affini alla scienza della morale.
Stretto quindi nell’ovvietà della condanna e finanche nella retorica manifestazione di contrarietà, l’atto schiavista e la mercificazione della vita umana in ogni forma di declinazione, soprattutto oggi che l’associazione esodo e schiavitù è un imposizione accettata culturalmente quando il lavoro è il tema del componimento su cui argomentare e quindi questione regolamentata dal potere finanziario in qualità di dosatore economico su larga scala, (movimento di sopraffazione, sopruso e barbaro, incivile e maledetto allora come oggi) il partecipare a una logica di mercato con oggetto l’essere umano e/o la sua tratta, (anche non legata allo sfruttamento del lavoro assistendo attivamente alla detenzione e coatta attesa dicasi fermo di una persona in attesa di una collocazione giuridica, ovvero persona privata della libertà nella logica burocratica) fosse anche una semplice retribuzione per un impegno lavorativo che ne legittimi tale energia, non può esser degno di islamica approvazione, a meno a che non trattasi di momentanea e così esattamente definita attività lavorativa, la quale, per uno scopo ben preciso e dichiarato, si avvalga di questo fare per un fine (altrettanto apertamente dichiarato) di remissione del soggetto, di aiuto verso costui che sta subendo tale impositivo trattamento.
Sono innumerevoli oggidì, per esempio, le attività pseudo-commerciali definitesi in “cooperative di servizio sociale”, “associazioni senza profitto”, “onlus umanitarie” eccetera eccetera ed eccetera, le quali, elargiscono compensi e retribuzioni ed emolumenti vari agli addetti (operai e dirigenti) che hanno assunto e consolidato con un fare continuativo questo che è un modo complice per dominare (anche indirettamente attraverso attività di spionaggio o supporto in favore all’inquisizione attiva) giudicando le persone, le quali, non hanno commesso peccato davanti a Dio.

1156642
Islam moderato, Islam non moderato… Islam moderato, Islam non moderato……. (Islam!) / Moderate Islam, not moderate Islam… Moderate Islam, not moderate Islam……. (Islam!)

Escludendo eventuali reati del malcapitato e con le garanzie attenuanti quando previste, (reati penali o infrazioni amministrative essi possano essere) anche svolgere nel continuo e senza scadenza pubblicamente condivisa ed accettata un servizio dicasi prestazione retributiva che forzi negativamente i diritti di esistenza della persona, legittimando in pratica un profitto sulla sua pelle, grande o piccolo, materiale o no sia questo utile, nell’ottica umanista e religiosa presenta gravi anomalie e, in special misura anomalie nel perseguimento delle Leggi coraniche, le quali, sembrano voler estendersi, per questo preciso contesto in esame, come pesante monito nettamente al di sopra delle sovranità degli Stati e delle Leggi, dove il Popolo di Dio è uno e libero!

ACQUISTA IL SAGGIO! (CLICCA QUI PER MAGGIORI INFORMAZIONI, GRAZIE!)


Caritas is a Latin term that translates, in the Christian domain, the ancient Greek “agapas” in the meaning of “love”; the two related words in Greek-Roman culture (agápē and caritas) unite in the Christian age to express a theological virtue, acquiring a much greater and more intimate meaning in the participation of the supernatural condition.

A very painful note, and therefore the obligation of an extermination in close correlation with the lucrative financial activities of our globalized time, extending to ethical and religious principles, refers to “human trafficking”, also emigration or immigration if the look is done from the territory where the desperate people arrive, when a despicable denunciation towards every despicable activity is the object of the commodification of the human being, it should be absolutely automatic, certain and uncontroversial. The Abramic Religions, on principle and without going into the first sinful sinfulness of slavery, recalling that the centuries-old process of abolition of slavery has not yet been fully completed, causing this reasoning to fall into paradoxical terms (in the book this chapter is underlined) the supreme value of life, claiming to itself, albeit with some difference but not substance between Judaism, Christianity and Islam, the incomparable perception of the same, values ​​so closely related to the science of morality.
Strictly in the vagueness of condemnation and even in the rhetorical manifestation of contrition, the slave act and the commodification of human life in all forms of declination, especially today that association exodus and slavery is a culturally accepted imposition when work is the the topic of the argument on which to argue, and hence the issue governed by the financial power as a large-scale economic analyst, (a movement of overwhelming, overwhelming and barbaric, uncivilized and cursed then as it is today) to participate in a market logic with the object of being Human being and/or trafficking (also not related to labor exploitation by actively assisting the detention and the expected waiting for a person to stand for a legal placement, or a private person of freedom in bureaucratic logic) was also a simple remuneration for a work commitment that legitimizes this energy can not be worthy of Islamic approval One, except that it is not a momentary and precisely defined work activity, which, for a well-defined and declared purpose, makes use of this for an end (as openly stated) of the subject’s remission, of aid to him which is undergoing such tax treatment.
There are innumerable such things, for example, pseudo-commercial activities defined in “social service cooperatives”, “unprofitable associations”, “humanitarian onluss”, etcetera and so on, which give compensations and remuneration and emoluments to employees (workers and executives) who have assumed and consolidated with a continuum this is an auxiliary way to dominate (also indirectly through espionage or support activities in favor of active ingestion) by judging people who did not sin in front of God .

1156642
Islam moderato, Islam non moderato… Islam moderato, Islam non moderato……. (Islam!) / Moderate Islam, not moderate Islam… Moderate Islam, not moderate Islam……. (Islam!)

Excluding any offenses of the defendant and with the mitigating guarantees when provided (criminal offenses or administrative offenses they may be) also carry out, in a continuous and unpaid manner, publicly shared and accepted a service which is a remunerative provision that negatively impairs the rights of the person’s legitimacy in practice, a profit on his or her skin, large or small, whether material or not, is useful in the human and religious perspective, it has serious anomalies and, in particular, abnormalities in the pursuit of the Quranic Laws, which seem to be extending to this very precise the context under consideration as a heavy warning well above the sovereignty of States and Laws, where the People of God is one and free!