L’anarchica risposta politica della Umma alle ragioni dell’Islam. Avventato atto sacrificale indotto?/The anarchist politic response to the reasons of the islamic Ummah. Sacrifical reckless act induced?

L’anarchia, movimento ideologico e politico che abbraccia la radicale ed intransigente libertà (politica) come principio, ha delle particolari ragioni; ci sono centinaia di testi e migliaia di studi che raccolgono il pensiero anarchico e la sua applicazione che rifiuta ogni tipo di imposizione ed ordine come Stato, compresa quella di Dio o di qualsiasi divinità.
L’odierno e moribondo capitalismo consumista che impera nel globo terrestre ha le sue spiegate ragioni e soprattutto dimostrate ragioni e modelli che si avvalgono della disfatta
ideologica del socialismo e comunismo che ha combattuto con ogni mezzo, anche vile considerando la supposta ragione di essere la risposta ai problemi delle società moderne e di ispirazione sociale ed assistenzialista (Welfare State). Le religioni abramitiche o monoteiste, contenitore di quasi il 60% degli umani, nel corso della loro millenaria storia hanno per così dire “scelto” di assestarsi in un ideale contesto socio-politico piuttosto preciso e favorevole potremmo anche aggiungere considerando non solamente la possibile efficacia dell’attività di proselitismo da poter usare ma anche quella di rimanere stabilmente presenti e soprattutto tollerati. Riconoscendo un 10% circa di atei nel mondo (perfettamente integrati nel sistema globalizzato), rimane un 30% circa di fedeli che non si riconoscono in Abramo ma che comunque hanno in primissimo piano un ideale di vita compreso nei tratti politici del capitale, sebbene (vedi la Cina) si trovino in una fase di transizione non così esposta al consumo. Questi sono numeri incontrovertibili.
Analizzando anche sommariamente le cifre, sembra possibile riconoscere che ogni essere umano dotato di un minimo di intelligenza e di facoltà di decidere sulla base di sue esigenze, personali o collettive siano queste, rappresentative di un suffragio avvenuto o no, si riconosce in qualche modo all’interno di una società che ha adottato una qualche politica, manifestando le proprie opinioni nell’assenso oppure nel dissenso, nell’adesione a determinate scelte oppure nell’opposizione. Centro di questo ragionamento è quanto accade all’interno delle società in cui “i figli di Abramo” vivono oggi, in particolare riguardo la Umma, contenitore anch’essa degli islamici, il 44,5% circa dei fedeli del Dio unico. Gli Ebrei (non considerando per ragioni strettamente di numero i seguaci della Fede Bahá’í, cioè lo 0,2% del totale della “Gente del Libro”) pur nella modesta cifra che li rappresenta sul totale dei monoteisti (0,4%) ma in virtù della loro potenza industriale ed economica, hanno un circoscritto (discutibile) territorio che li rappresenta e sono insediati nel resto del mondo con politiche assolutamente condivise nei principi, politiche che perseguono con ogni mezzo; i Cristiani, la maggioranza monoteista, (54,5%) nelle differenti Confessioni frutto di scismi anche violenti del passato, oltre ad avere uno Stato rappresentativo (lo Stato Vaticano rappresenta i Cattolici, oltre il 50% dei Cristiani, il 25% dei monoteisti tutti) sono perfettamente integrati nel Pianeta adattandosi in ogni contesto politico e sociale, anche molto distante l’uno dall’altro instauratosi nel tempo, prendendo in considerazione dittature e nazionalismi in contrasto con le democrazie e non dimenticando la permanenza (smorzata) della Chiesa addirittura nelle società socialiste e comuniste. La Comunità mussulmana (Umma) scissa principalmente tra sciismo e sunnismo, oggi, alla luce della “chiamata alle armi” dello “Stato islamico” definito come “Isis“, principalmente perché questo grido violento non è stato raccolto dalle decine di milioni di fedeli del Profeta Maometto (l.P.s.d.L.) stabilitisi in Europa nella misura del 4% circa del totale e nella misura di circa 7 milioni di fedeli tra USA e Canada, non sembra aver decifrato una politica comune sebbene ne invochi un instaurazione o quantomeno una articolata su principi riconoscibili; non sembra riconoscersi nemmeno al suo interno nulla di simile nella costante implosione che consuma questo pseudo Stato islamico nell’assenza di adeguato ed aperto supporto anche dai Paesi in cui la Religione mussulmana è indiscutibilmente una ragione di Stato. Senza cercare argomentazioni e richiami agli avvenimenti e circostanze seguenti la cronaca, pare assai difficile ed anche onestamente impossibile, riconoscere una politica comune che accompagni la Fede islamica; tolta di mezzo la “proposta politica” dell’Isis, (oggi risulta evidente solo una di matrice militare che nelle ultime ore è divenuta guerriglia urbana) rimangono vive alquanto differenti politiche sociali, economiche ed industriali, spesso addirittura in aperto conflitto tra di loro: dal lusso a tratti sfrenato dei Paesi del Golfo che legittimamente attraggono persone dichiaratamente “anti-Islam” per quanto riguarda il codice comportamentale dell’individuo e sostenendo nel contempo una forza lavoro (islamica) con pochissimi diritti, possiamo riconoscere una società islamica che fatica a sopravvivere e che malamente ha inseguito principi socialisti (vedi il Maghreb), una incastonata nella teocrazia (Iran sciita) ed almeno un altra (in crescita) in apparente confusione ideologica che è sparsa in Occidente. (Pakistan, Turchia, Indonesia e pochi altri Stati sovrani sembrano dover dirottare i loro sforzi verso attenzioni di ordine pubblico più che altro). A ben vedere, con una certa approssimazione che non voglio nascondere, sembrano tratti anarcoidi ma, un anarchia più legata al “disordine politico ideologico” che ai sommi principi del russo Michail Bakunin, noto intellettuale, filosofo e rivoluzionario padre del’anarchia moderna vissuto a metà dell’800.

mystc
Rappresentazione mistica dell’Islam

L’Islam è dunque principalmente un movimento mistico personale ed introspettivo del e per l’Uomo? L’Islam non indica una politica per la sua Comunità oppure è l’Uomo talmente imperfetto da non riuscire a praticare l’Islam in un contesto politico moderno sebbene ci siano tutti gli indici per farlo all’interno della Sacra Scrittura dicasi l’inimitabile Sacro e Divino Corano? Ciò che in conclusione, in una delle proposte conclusioni appare chiaro, discutibile ma sempre chiaro nella spietata ed asettica legge dei numeri, è il numero che compone la maggioranza dei fratelli mussulmani formanti una massa enorme e, certamente sproporzionata: un insieme di sottoproletari e poveri esseri umani lasciati di proposito nel marasma dell’ignoranza, ossia la non esplicazione delle proprie capacità sebbene Dio (l’Unico Dio) ha richiesto senza dubbio alcuno di ricercare nella vita la conoscenza attraverso l’istruzione. A seguito di questo, dovremmo condannare la “deriva anarchica disordinata” delle politiche islamiche coincidenti e probabilmente saldanti in un immobilismo di opinione, da una cautela condivisibile per alcune porzioni di ragionamento? Meglio non farsi coinvolgere e rimanere stretti nelle proprie isole tutto sommato più o meno felici?

lxx
Tratteggi di lusso sfrenato (tigre al guinzaglio, auto di oro)

Non tentare un ragionamento politico è -si deve sapere!- molto ma molto pericoloso perché destabilizza poco a poco una società umana dall’interno, società oggi per tanti versi globale, anche nel pensiero. Un alternativa politica anche come espediente è assolutamente necessaria per contrastare le posizioni che adducono insistentemente la Fede di una qualche responsabilità oggettiva che appartiene unicamente all’Uomo: un operaio di origine afghana e fedele di Allah, per un esempio, avrà tutte le ragioni di questo mondo nella scelta di lavorare alla “Volkswagen” piuttosto che in un cantiere edile di Dubai e questa scelta avrà una motivazione politica in ogni caso possibile, nella buona o cattiva o maledetta sorte; il Popolo palestinese, in un altro esempio, riceverebbe un solidale sostegno attivo ed aperto per favorire la necessaria ricerca di stabilità della sua politica di Stato sovrano, politica oggi riconosciuta in primo luogo dalle direttive che le Organizzazioni governative mondiali accordano attraverso organismi come l’O.N.U., ad esempio, carta straccia potremmo ben dire considerando l’assenza di un concetto preciso di politica nazionale della Palestina impegnata a difendersi “casa per casa”.

“Dio ci protegga” è sempre valido viatico per ogni fedele, un esortazione doverosa ma, dobbiamo sempre ricordare che ci è stato imposto di vivere da Dio stesso partecipando attivamente alle “manovre vitali”, usando la lucidità, l’ingegno e la passione oltre la Fede.


The anarchy, ideological and political movement that embraces the radical and uncompromising freedom (political) as a principle, has special reasons; there are hundreds of books and thousands of studies that collect anarchist thought and its application which rejects any form of taxation and order like State, even and including that one of God or any deity.
Today’s moribund consumer capitalism social system that prevails in the globe, has its reasons explained and proven reasons and models that make use of his ideological view defeat of socialism and communism that has fought with every means, even vile considering the supposed reason to be the answer to the problems of modern societies of socialist and welfarist inspiration. The Abrahamic monotheistic religions, container by almost 60% of humans, in the course of their long history, has “chosen” to settle in an ideal socio-political context fairly accurate and favorable we could add not only considering the possible effectiveness the activity of proselytism to be able to use but, also to remain present stably and especially tolerated. Recognizing an about 10% of atheists in the world (seamlessly integrated into the globalized system), remains an about 30% of believers who do not identify with Abraham but who have in the foreground an ideal of life including in the capital political overtones, although ( see China) are in a transitional phase not as exposed to the consumer. These numbers are incontrovertible.
Analyzing also summarily figures, it seems possible to recognize that every human being with a minimum of intelligence and discretion to decide on the basis of its needs, is it personal or collective, representative of a suffrage took place or not, it is recognized in some way to ‘interior of a company that has adopted some policy, expressing their opinions in assent or in dissent, in adherence to certain choices or in the opposition. The core of this reasoning is what happens within the society in which “the children of Abraham” live today, in particular concerning the Ummah, the container also of Muslims, 44.5% of the worshipers of the one God. Jews (not counting for number reasons strictly the followers of the Baha’i Faith, ie 0.2% of the total of the “People of the Book”) despite the modest figure that represents them on the total of monotheists (0.4%), by virtue of their industial and economic power, they have a circumscribed (questionable) territory that represents them and have settled in the rest of the world with absolutely shared policies in the principles, policies pursuing by any means; Christians monotheistics, (54.5%) in different even violent past of the Confessions of schisms, as well as having one representative State (the Vatican State is a Catholict State, more than 50% Christian, 25% of monotheists all) are perfectly integrated into Planet suiting every political and social context, even far from one another, taking into account dictatorships and nationalisms in contrast to democracies, not forgetting that the Church remained (muffled) even in socialist and communist society. The Muslim community (Ummah) split mainly between Shiism and Sunnism, today, focusing to the “calling to arms” made from the “isalmic State” defined as “Isil/Daesh”, mainly because this violent shout was not picked up by the tens of millions of the faithful prophet Muhammad (P.u.H.) settled in Europe (4% of the total) and to the extent of about 7 million members in the U.S. and Canada, it does not seem to have deciphered a common policy invoked by this rough entity and at least one articulated on recognizable principles; it does not seem to even recognize themselves in it constantly implosion because the islamic State does not receive adequate and open support even from Countries where the Muslim Religion is indisputably a reason of State. Without trying arguments and references to the following events and circumstances of the news, it seems very difficult and even impossible to honestly recognize a policy accompanying the Islamic faith; done away with the “proposal Isil policy”, (today is noticeable only like a military matrix that in the last hours has become urban warfare) remain alive only quite different social, economic and industrial one, often in fact in open conflict with each other: from the unbridled luxury one of the Gulf Countries as they required legitimately attraction for the people avowedly “against-Islam” talking about the individual’s behavioral code and while supporting a workforce (islamic) with very few rights, we can also recognize an islamic society that struggles to survive inside badly chased socialist principles (see the Maghreb), or set in a theocracy (Iran Shiite); at least we can see one other (growing one) in apparent ideological confusion that has spread in the West with the forced emigration. (Pakistan, Turkey, Indonesia and a few other sovereign States seem to have to divert their efforts towards public policy attention more than anything else). A closer look, with some approximation that I will not hide, traits seem anarchic, but an anarchy more related to “ideological political disorder” than the russian chief principles’ Michail Bakunin, known intellectual, philosopher and anarchy’s modern revolutionary father lived in the mid of ‘800. 

mystc
Mystical reprentation of Islam


So, Islam is thus mostly a Man and mystic personal movement? Introspective? Islam does not indicate a policy for his Community or is the Man so flawed that he could not practice Islam in a modern political context, although there are all the indexes to make it and written in the Holy Divine Quran?
What at the end, in one of the proposals conclusion seems it is clear, controversial but always clear in the merciless law of numbers, is the number of course, the majority of Muslim brothers that make up a huge and certainly disproportionate mass: a set of proletarians (underclass) and poor human beings purposely left in the chaos of ignorance, that is, no explanation of our capabilities though God (the One) requested no doubt to seek knowledge in life. Following this, should we condemn the “drift disorganized anarchic” of coincident Islamic policies and probably sealing a stagnation of opinion, shared by a caution for some portions of reasoning? Is it the best not to get involved and stay tight in our own happy or not so much happy islands?

lxx
Hatches of unbridled luxury (tiger on a leash, gold car)

Not groped a political reasoning is -you must know!- very, very dangerous, because it destabilizes slowly a human society from within, today so called “global society”, even in thought. A political alternative as an expedient (makeshift) is also absolutely necessary to counter the positions that persistently allege the Faith of some strict liability: a worker of Afghan origin and faithful of Allah, for example, will have all the world’s reasons in, choosing to work at “Volkswagen” rather than on a construction site in Dubai and, this choice will have a political motivation in any case possible, in good or bad or cursed fate; the Palestinian People, in another example, would receive a sympathetic active and open support to encourage the necessary research the stability of its political sovereign State, today primarily recognized policy from the directives that the world agree through U.N. for example, waste paper could we say today, considering the absence of Palestinian’s precise national politics committed to defend themselves “house to house”.

“God, please, protect us” is always a useful summary like viaticum, a dutiful exhortation for the believer, but we must always remember that we have been forced to live by God himself actively participating in the “vital maneuvers”, using intelligence and passion beyond Faith.

10 pensieri su “L’anarchica risposta politica della Umma alle ragioni dell’Islam. Avventato atto sacrificale indotto?/The anarchist politic response to the reasons of the islamic Ummah. Sacrifical reckless act induced?

  1. It’s very Sad; I condemn death of Innocent people yesterday in UK; trust me its nothing to do with Islam or any Religion, I am really tired of explaining this again and again.
    Media; politicians are only for them self? it’s only money; power game…

    Liked by 1 persona

  2. Yes, it is easy to follow your comment in any human reason we know. Anyway, if we do not want to deal with politics, politics takes care of us.
    Thanks for your feedback.

    ***
    Traduzione in italiano grazie a Google transl.:

    D.: E’ molto triste; condanno la morte degli innocenti di ieri in GB; credi, non c’è nessuna relazione con l’Islam ed ogni Religione, sono davvero stanco di spiegare questo ancora ed ancora. I Media, i politici hanno solo risposte per se stessi? E’ una questione di danaro, di “giochi di potere”…
    R.: Certamente, sì: è semplice seguire il tuo ragionamento in ogni prospettiva umana conosciamo. Ad ogni modo, se non ci occupiamo di politica, essa si occupa di noi. Grazie per il commento.

    Mi piace

  3. one Religious Question? if somebody leaves or change their their Religion what should we do with those people? i,am sure cannot judge them its God Job but as a Human living on this earth what,s my responsibility.

    Liked by 1 persona

    • Assalaam J. and thanks so much for the feedback; I hope to read you here as much as you want, first of all. Speak is necessary; a must for humans, like God “forced” us, if we want today find a reasonable modern synonymous with the word “taught”, meaning of knowledge.
      Well, every sane man on Earth has responsibilities. To be more precise, we can not forget that in the act of birth also he (or she, of course) acquires rights: a mother knows before any other person it. It means that those who must judge first, to be a good judge, what each of us would like to find for ourself, must be educated, cultured. Before exercising the right, to him the duty of knowledge must be requested. In politics and social matters in the case, every sovereign State has its laws, its rules. When we make something -we like it or not-we must recognize that there are rules and someone representing the State (we are all the State) that wants and needs to enforce. If represent the State and its rules is difficult, see the Courts, the Lawyers and the Police which necessarily contribute to ensuring that the State excels, talking about Religion, it is more difficoult. Talking about Islam more and more difficoult, because -thanks God, Allah- there is NOT a clerical aspect, a hierarchy with the Ummah. Every human being represent himself (with the help of another human like an Imam, for example… “help” or better to say “assistance”) in front of God; this means we have much more responsibility than anyone: we could be “Lawyer”, Supreme Judge”, “the accusing State”, “the State that absolves”, “the witness” and, (who can say “I’m not! I am a “perfect human being”) unfortunately the accused. Being in the moment all this, immediately we should think how much knowledge we have because Judging puts us for a moment in comparison to God, expecially when we decide on a human life. I’m sorry if I have not (yet) answered as you’d want, but you must admit that a few lines you wrote, raised an issue that deserves much attention; I plan (Inch’Allah) to broaden your intervention in one new article. Thank you so much for reminding proposed. I wait your comment.

      Traduzione in italiano con Google transl./Italian transl. with Google Transl.
      ***
      D.: Una domanda a tema religioso? Se una persona lascia o cambia la Religione, che cosa dovremmo fare con questa persona? Io sono sicuro che è un giudizio che solo Dio ha nelle sue mani ma, come essere umano in Terra quali sono le mie responsabilità…
      R.: Pace J. e grazie tanto per il feedback; spero di leggerti ancora qui, prima di tutto. Parlare è necessario; un dovere per gli esseri umani, come Dio ha “costretto” noi, se vogliamo oggi trovare un moderno e ragionevole sinonimo con la parola “insegnato”, ragionando nei termini di conoscenza.
      Bene, ogni uomo sano di mente sulla Terra ha delle responsabilità. Per essere più precisi, non possiamo dimenticare che nell’atto della nascita anche lui (o lei, naturalmente) acquisisce dei diritti: una madre sa prima di qualsiasi altra persona questo. Ciò significa che chi deve giudicare, per essere un buon giudice, cioè quello che ognuno di noi vorrebbe trovarsi difronte, deve essere educato, colto. Prima di esercitare il diritto, a lui deve essere richiesto il dovere della conoscenza. In politica e per le le questioni sociali, ogni Stato sovrano ha le sue Leggi, le sue regole. Quando facciamo qualcosa -piaccia o no- dobbiamo riconoscere che ci sono delle regole e qualcuno che rappresenta lo Stato (tutti siamo lo Stato), che vuole e deve far rispettare. Rappresentare lo Stato nell’atto del giudicare e farlo nellle sue regole è difficile, vedi i tribunali, gli avvocati e la polizia che contribuiscono necessariamente a garantire l’eccellenza dello Stato; parlare di religione, è più difficile. Parlare di Islam sempre più difficile, perché -Grazie Dio, Allah- non c’è un aspetto clericale, una gerarchia nell’Umma. Ogni essere umano rappresenta se stesso (con l’aiuto di un altro essere umano come un Imam, per esempio … “aiuto” o meglio dire “assistenza”) davanti a Dio; questo significa che abbiamo molta più la responsabilità di chiunque altro: potremmo essere “Avvocato”, supremo Giudice”, ‘lo Stato accusa’,‘lo Stato che assolve’,‘il testimone” e, (chi può dire“Io non sono! io sono un “essere umano perfetto”) purtroppo l’imputato. Essere nel momento tutto questo,
      dovrebbe farci pensare quanta conoscenza abbiamo, perché nell’atto del giudicare ci mettiamo per un attimo in confronto a Dio, soprattutto quando decidiamo su una vita umana. Mi dispiace se non ho (ancora) ha risposto come forse avresti voluto ma si deve ammettere che poche righe che hai scritto, hanno sollevato una questione che merita molta attenzione; ho intenzione (Se Dio Vòle) di proporre il tuo intervento in uno nuovo articolo. Grazie mille per avermi proposto questo tema . Aspetto il tuo commento.

      Mi piace

  4. Mr. Lucaa well said, I personally & strongly believe we means this ( world & Humans ) Needs Good & peaceful people like you in every department of life for example ( police, lawyers , politicians, students teachers even Imams and priests

    Liked by 1 persona

    • Thanks J.
      Let me say: talking about “a better world”, “peace” etc. -unfortunately- today, is not enough: we can fall into rhetoric, indeed. This Land (Planet Earth) is not Paradise; so, we have to fight, sometimes suffer but always with the good intentions inside our heart, where knowledge will set us free. (Allah watches over us)

      ***
      Traduzione in italiano con Google/Italian translation with Google

      D.: Ben detto, signor Lucaa; io personalmente sono fermamente convinto che un significato di questo mondo (gli esseri umani, la vita) è vivere in pace, dove è necessario portare pace ed in ogni settore della vita, ad esempio (polizia, avvocati, politici, studenti docenti anche imam e preti)
      R.: Grazie J.
      Lasciami dire: si parla di “un mondo migliore”, “pace”, ecc. -sfortunatamente- oggi, non è abbastanza: anzi, possiamo cadere nella retorica. Questa Terra (il nostro Pianeta), non è il Paradiso; così, dobbiamo combattere ed a volte soffrire ma sempre con le buone intenzioni all’interno del nostro cuore, dove la conoscenza ci renderà liberi. (Allah veglia su di noi)

      Mi piace

    • “Few people” you mean…
      First of all, in the right context, at the right time (I will -Inch’Allah- pursue this issue) “all” accusations should be heard, also searching some respect for the people they want to kill another human, maybe just to ceck on which power they think to have the right, then, I am sure many things will not come or, they will not done with the same mood. It’s not easy to talk generalizing, I know, like it is not easy -for example- to talk about “car accidents” like they happen in a thousand circumstances, where there are also and often many innocent victims… Stay tuned and please, click on “subscribe” to have an alert about new articles.Thanks so-so much.

      ***
      Italian transl. with Google/ Traduzione in italiano con Google

      D.: Bella spiegazione Lucaa ma, bada bene che ci sono poche persone che dicono di uccidere le persona che cambiano la religione…
      R.: Pace A.
      “Poche persone” Vuoi dire …
      Prima di tutto, nel contesto giusto, al momento giusto (io -S.D.V.- vorrò approfondire questo tema) “tutte” le accuse dovrebbero essere sentite, anche alla ricerca di un po di rispetto (idealistico) per le persone che vogliono uccidere un altro essere umano, forse solo per verificare da dove proviene il potere di acquisire il diritto di uccidere, allora, sono sicuro che molte cose non saranno “scontate” o, non si faranno con lo stesso stato d’animo. Non è facile parlare e generalizzare, lo so, come non è facile -per esempio- parlare di “incidenti stradali”; capitano in mille circostanze, dove ci sono anche molte e spesso vittime innocenti … Resta connesso con questo link per favore, click su “sottoscrivi” per avere un avviso sui nuovi articoli. Moltissime grazie.

      Mi piace

  5. Buon giorno, visto che continua a spoilerare ovunque il suo blog, qui
    http://www.ilfattoquotidiano.it/2017/03/31/bologna-14enne-scuola-con-la-testa-rasata-ha-rifiutato-il-velo-genitori-denunciati-allontanata-dalla-famiglia/3488708/
    sono curiosa di porle io, una domanda.
    Il corano dice SI O NO che il marito può picchiare la moglie e che allah ha creato la donna inferiore all’uomo “di un gradino”? queste cose sono scritte si o no alla sura IV?
    mi risponda, che sono curiosa. E mi dica anche perché mai una donna dovrebbe avere stima di un dio che postula di inferiorità femminile e dà il permesso al marito di picchiare la donna o obbligarla al sesso (REATO in Italia noto come stupro coniugale, un concetto che i musulmani non conoscono…). Mi spieghi un po’ perché mai una donna dovrebbe seguire tale religione, possibilmente evitando di sventolare la minaccia di castighi infernali post mortem per quante abiurano o disprezzano l’islam.

    Tante care cose, signor mashallah.

    Mi piace

    • (NOTE FOR ENGLISH READERS: YOU CAN FOLLOW THIS DIALOGUE -Question and Answer- IN ENGLISH in the most appropriate place for this theme HERE, THANKS)

      Buongiorno Maria e, grazie innanzi a tutto del tempo che ha dedicato per scrivere; spero molto vorrà in seguito continuare a partecipare e, magari iscriversi (tasto subscribe in fondo alle pagine) per avere segnalazione senza AD e spam ecc. di nuovi articoli pubblicati.
      Inizio presentandomi: mi chiamo Lucaa, (ci sono delle informazioni generiche QUI) mentre “Mashallah” è il titolo del libro che vorrei pubblicare; detto questo, vorrei che capisca che -con il permesso a quanto sembra di FQ.it- il mio continuo inserimento di link verso il mio sito/blog è una ragione evidente per cercare e il dialogo (anche critico ovviamente) così come sto facendo con Lei, e la pubblicazione, come ho ben evidenziato in tutte le occasioni.
      Ritengo di avere delle argomentazioni che ad oggi, non sono “pervenute” in Occidente, così come ritengo che le Comunità islamiche le abbiano dimenticate oppure non fatte proprie a causa di ragioni spesso indotte da problemi di carattere di… “sopravvivenza” (per la gran parte) ma anche di cautela ed ignoranza vera e propria. Mi permetta solo di segnare QUESTO LINK che poi è la home page, da dove -se lo ritiene conveniente- può cortesemente iniziare a capire di che cosa sto parlando, non dimenticando di entrare nel BLOG saltuariamente così come sembra ha già fatto.
      Veniamo alla risposta vera e propria:
      “Il Corano dice”… eh bhè, già qua dovrei come dire… “chiederLe di fermarsi un attimo”, nel senso che ciò che dice non è esattamente traducibile come per esempio si usa fare comunemente con “Google”, per esempio; non voglio assolutamente sfuggire alla sua pertinente domanda ma, potrei benissimo dirLe e prima di argomentare, guardi che però… se le conclusioni per una domanda “tradotta” così sono queste, allora il Corano dice anche… esattamente il contrario. Che significa? Piuttosto semplice: i Testi Sacri, tutti i Testi Sacri, anche quelli degli Ebrei e Cristiani tutti, necessitano di una serie di “istruzioni”, di studi scientifici che sono esattamente l’ermeneutica (clik sui nomi per andare su Wikipedia) l’escatologia innanzi a tutto, scienze indispensabili per fare non una traduzione ma esegesi. Mi deve scusare se il tono è un po accademico: mi creda, non voglio dimostrare nulla o farmi passare per nessuno in particolare ma, vorrei apertamente solo essere certo abbiamo ben presente ciò che non può essere non citato per continuare a dialogare seriamente nei termini accettati e condivisi in Occidente. Aggiungo un altra cosa: il Sacro Corano è -per ogni fedele mussulmano, nessuno escluso!- la Parola di Dio: esatta, perfetta, incontrovertibile, eterna. Il Testo Sacro in origine è stato tramandato oralmente e poi a differenza degli altri libri Sacri mai cambiato, dove in tempi remoti è stato poi inscritto in lingua araba. L’arabo non è una lingua e soprattutto scritta semplice: tutt’altro; si esprime “a concetti” ed “incastri”. Per essere più completo e per non “annoiarla” più di tanto con una risposta fiume, rimando a QUESTO LINK, cerchi nel blog l’articolo “Il Corano dice…
      Non sto tergiversando, mi scusi ancora: il tema Religione è alquanto complesso (probabilmente a me) sebbene l’Islam è una “Religione semplice”… ma qua si aprirebbe un altro tema 🙂
      No. La donna non è “un oggetto”. Chiunque non presti le dovute attenzioni ed i riguardi per “questo essere” commette bestemmia. Il ruolo in società della donna è complesso quanto quello dell’uomo, non si creda non sia così; questo non significa che donna e uomo (femmina e maschio) debbano perseguire gli stessi “schemi sociali”, la prima differenza è data dalla natura stessa (Dio comunque per il Fedele) e cioè, “madre” oppure “padre” per il verso maschile. Non sono banali ed ovvie dissertazioni, anche se son temi che iniziano all’asilo. Le società umane nel corso della storia hanno avuto ed hanno ancor oggi un predominio del tutto maschile; se per un solo attimo mettessimo al bando la Religione, rimarrebbero evidenti “i segni” delle violenze sulle donne in ogni Landa conosciuta e, non mi stupirei se le vette di violenza si rivelassero nei “territori latini e del sud”, con picchi che in Italia farebbero rabbrividire. Non voglio accusare nessuno ma, riconoscere che “il problema donna” così come la sua emancipazione che è un dettame controllato dal maschio se pensiamo ad esempio “alle veline” come lo sdoganare la prostituzione a livello concettuale, è universale, un problema che attraversa l’Uomo-essere ma che esenta la Parola di Dio.
      Non voglio addentrarmi ora su quanto la teocrazia ed il monoteismo abbiano a che fare con la “questione donna” ma mi creda quando affermo che l’essere donna ha l’identica valenza dell’uomo maschio davanti a Dio, dove è l’Uomo e l’Uomo-essere solamente che sbaglia. A titolo di esempio: “… Trattatele comunque con gentilezza, perché se le tratterete con disprezzo può darsi che voi disprezziate qualcosa in cui Dio ha posto un bene grande.” (Sura 4:19)
      Per ora mi assesto qua, invitandoLa nuovamente ad approfondire sul “tema donna” leggendo QUESTO ARTICOLO; in verità vorrei “trasferire” il suo gentile commento proprio in quella sezione ma, al momento devo lasciarlo qui perché non so’ come fare :-O (Magari mi “aiuta Lei”, inserendolo nuovamente od aggiungendo qualche passaggio). Un caro saluto!
      AGGIORNAMENTO: In qualche modo l’ho fatto. (CLICK QUI)

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...