Cinema: l’arte è minore. / Cinema: the art is minor.

L’arte è materia effimera: attraverso tendenze e variegati profili è pur presente nella creatività che l’Uomo non può celare, in quanto è esattamente porzione del vissuto, del quotidiano impegno che la vita richiede. In altri termini, l’arte è un tipo di linguaggio dell’umano essere, uno apparentemente speciale oppure differente, se vogliamo essere più precisi; il negare o proibire alla persona di comunicare, in qualunque forma vogliamo definire questa cosa, è esattamente impossibile, perché una specie di ribellione interiore, probabilmente istintiva, non permette l’accettazione di un imposizione simile: la storia conosciuta e riconosciuta dell’umanità, dalla notte dei tempi e fino ad ora, ci dimostra che questa affermazione, piaccia o no, è la semplice verità che non possiamo nascondere.
Come qualunque forma di espressione umana, anche l’arte produce certamente degli eccessi che necessitano di moderazione, di educazione per la sua diffusione, di una sottomissione alle Leggi e normative che vengono imposte dalla società in cui l’artistica espressione viene in somma diffusa.
Per questo articolo, voglio proporre a chiunque abbia la bontà di leggermi, una riflessione verso il Cinema ed in particolare un approccio leggermente differente riguardo i suoi contenuti, i films ovviamente. Se da un lato questa arte (comunemente considerata “minore” rispetto alla Scrittura, alla Pittura, alla Musica eccetera) è stata ottimamente portata a fare cassa dall’industria americana (Hollywood) che produce una ricchezza esagerata per pochi, esiste e rimane ancora in una forma artistica che rispetti questa caratteristica in un limitato numero di produzioni, dove però la distribuzione di queste opere è alquanto scarsa. Hollywood, pressoché per ogni suo prodotto, rappresenta l’arte come una busta di patatine fritte e spesso anche avariate rappresentano un sano nutrimento, facendo sì che una prima censura avvenuta agli inizi del secolo scorso per alcuni lungometraggi, oggi sia divenuta un ossessione in molti Paesi che contrastano (a fatica) la diffusione di queste immagini patinate. L’arte, intesa come espressione umana, in ogni caso, non si può arrestare: anche grandi Paesi come il Pakistan, ad esempio, oppure l’Indonesia e la Turchia, notoriamente Stati molto attenti alle provocazioni ed agli oltraggi in materia religiosa, abbassano la guardia, come si dice in gergo pugilistico; il seguito delle produzioni indiane di “Bollywood” (industria che al giorno d’oggi viaggia allo stesso ritmo di Hollywood) per essere realistici, è enorme e soprattutto in forte crescita, sebbene i contenuti sono ancora non così espliciti come quelli che oggi compongono i films made in USA. Dov’è allora ancora possibile trovare qualche traccia artistica, qualche scorcio di umanità e senza dover supporre o cercare distinzioni che debbano a forza recarci un piacere estetico? Perché negare l’esistenza di questa arte che per qualche motivo asseconda ed affascina l’immaginazione dei nostri giovani? Possiamo o no trovare beneficio attraverso la visione di un buon film e stimolare una sensibilità che stiamo forse già perdendo o peggio tralasciando per nostra noncuranza? Attraverso gli occhi di un altra persona, il film come piccola opera d’arte permette questo fare; se l’effetto di una visione è, potrebbe essere, uno sguardo verso ciò che nella realtà ci viene oscurato dalle nostre frenetiche abitudini egoiste, allora, che Dio mi perdoni, anche un buon film deve essere visto!
Le mie oneste proposte per ora spaziano dall’Europa poco conosciuta (quella dell’Est) alle Lande islamiche dell’Iran di oggi; si passa dai primi anni settanta dove nella fiorente ed in fortissima crescita economica Germania arrivavano i primi emigranti a lavorare, a finire nelle periferie francesi di oggi, dove la vita a fatica scorre ma non si arresta mai. Spaccati di vita, di umanità che soffre ma non demorde, come se si potesse scorgere in questo l’Ordine Supremo, l’Ordine di Dio che sa e meglio sa.

MV5BMzc3OTQxN2QtYWM4Zi00ZWE4LTg2NDUtZTg3OTk3NTlmNDdiXkEyXkFqcGdeQXVyNDgxMDU4NTU@._V1_SY1000_CR0,0,714,1000_AL_
Toata lumea din familia noastra (Romania, Olanda 2012)
81YCV+dLXML._SL1500_
La ragazza senza nome (Belgio, Francia 2016)
61S+20sIJaL._SL1024_
Una separazione (Iran, 2011)
71tcS2GPDTL._SL1114_
La paura mangia l’anima (Germania, 1974)

 

 

 

 

 

 

 

 

LINK IMDB:
https://goo.gl/knahwY
https://goo.gl/g0uaoO
https://goo.gl/ti4u4
https://goo.gl/kECGMi


The art is ephemeral matter: through trends and varied profiles is yet present in the creativity that Man can not hide, because it is exactly portion of the experience, the daily effort that life requires. In other words, art is a human language, a seemingly special or different, if we want to be more precise; to deny or prohibit the person to communicate, in any form we want to define this thing, it is exactly impossible, because a kind of inner rebellion, probably instinctive, does not allow the acceptance of such a tax: the history of humanity known and recognized, the dawn of time and until now, shows us that this statement, like it or not, is the simple truth that we can not hide. Like any form of human expression, even art certainly produces the excesses that need moderation, education for its spread, a submission to the Laws and regulations that are imposed by the society in which artistic expression is widespread in sum.
For this article, I propose to anyone who has the kindness to read me, a reflection towards the Cinema and in particular a slightly different approach to its contents, the films of course. While this art (commonly considered “minor” compared to Scripture, Painting, Music, etc.) has been made by Americans’ capacity translated into cash (Hollywood) that produces an exaggerated wealth for a few, there is still an artistic form which complies with this “human art characteristic” in a limited number of productions, where, however, the distribution of these works is somewhat poor. Hollywood and almost every product produced by this american industry, is art as a bag of rotten potato chips represent a healthy nourishment, causing a first censorship occurred at the beginning of the last century for some feature films, today has become an obsession in many Countries that contrast (with difficulty) the spread of these glossy images. Art, understood as human expression, in any case, can not be stopped: even big countries like Pakistan, for example, or Indonesia and Turkey, notoriously States very attentive to the provocations and insults to religious matters, they lower the guard, as we say in boxing parlance; the result of the Indian productions of “Bollywood” (industry that nowadays produce money at the same rate of Hollywood) to be realistic, it is huge and especially strong growth, although the content is still not as explicit as those who today make up films made in the USA. Where, then, can we still find some artistic track, some glimpse of humanity and without having to assume or seek distinctions that should bring us to force an aesthetic pleasure? Why to deny the existence of this art that somehow favors and fascinates the imagination of our young people? Or, can we not find benefit by watching a good movie and stimulate a feeling that maybe we’re already losing or worse leaving for our carelessness? Through the eyes of another person, the film can do this as a small art; if the effect of a vision is, could be, a look towards what in reality it is obscured to us from our hectic selfish habits, then, God forgive me, even a good movie must be seen!
My honest proposals, for now, ranging from relatively unknown Europe (the East) to the Islamic Landes of Iran’s today; it passes the early seventies where the thriving and strong economic growth Germany the first emigrants came to work, end up in the French suburbs today, where the fatigue life flows but never stops. Slices of life, of suffering humanity but not defeated, as if you could see this in the Supreme Order, the Order of God who knows and does best.

2 pensieri su “Cinema: l’arte è minore. / Cinema: the art is minor.

  1. Great Sir Lucaa ,

    I like your approach in sharing your beautiful thinking.
    Just a Q: why you mention few movies name? I have not seen them but by title they looks romantic or may be some nude scenes in it.
    Do you think you can spread Islam to youngers by talking about movies? What exactly is your intention or mission by making this website…

    Keep moving

    Liked by 1 persona

    • Dear reader, thank you so much for your question and for your time you spent to read the blog; please, do not read any sarcastic word while I am telling you that this is not a movie blog, so four films was highlighted here just because they are the first I had on my mind: of course there are so many interesting films that I hope to add some day, anyway, the most important thing is that these “examples” represent something releated with “human expression”, one kind of language.
      Movies are (like videogames for example eccetera) something that charms our children, from all over the word: to leave them at the mercy of Holly and Bolly movies, where humanity (and God, of course, the humanity’s Master) is often “missing or undefined”, I think it is a danger that today we are witnessing.
      (Do not worry, no pornography).
      Islam (pushed with heart) has no barriers or forms we can say they are not appropriate for it, continuing to talk about movies; the Quranic word
      -better to say than Islam- can (must) support every human activity and wrap on every human activity, Cinema too.
      Can you say this is not true?
      Sorry for the long answer and please, feel free to comment again, especially if this answer does not convince you.
      Take care.
      L.

      P.S. The mission for this website is HERE 🙂

      ***
      Traduzione italiana con l’ausilio di Google Transl. (Italian translation made with Google Transl.)

      D.: Mi piace il suo approccio all’argomento ed il suo bel pensiero.
      Solo una domanda: perché si parla solo di qualche titolo di film? Io non li ho visti, ma in base al titolo sembrano romantici o potrebbero essere incluse alcune scene di nudo.
      Pensi inoltre che si può diffondere l’Islam a più giovani parlando di film? Quale è esattamente la sua intenzione o la missione, rendendo visibile questo sito …
      Continua così.
      R.: Caro lettore, ti ringrazio molto per la tua domanda e per il tuo tempo speso per leggere il blog; per favore, non leggere di sarcasmo, mentre scrivo che questo non è un blog di cinema, quindi quattro film sono stati evidenziati solo perché sono stati i primi che avevo in mente: naturalmente, ci sono così tanti film interessanti che spero di poter aggiungere un giorno, in ogni caso, la cosa più importante è che questi “esempi” rappresentano qualcosa di molto vicino all’espressione umana, un tipo di linguaggio. I film sono (come i videogiochi, per esempio, eccetera) qualcosa che incanta i nostri ragazzi e bambini, di tutto il mondo: lasciarli in balia di Holly e Bolly, in cui l’umanità (e Dio, naturalmente, il Maestro dell’umanità) è spesso “mancante o non definita”, penso sia un pericolo a cui oggi stiamo assistendo. (Non ti preoccupare, non c’è pornografia).
      L’Islam (spinto con il cuore) non ha barriere o forme possiamo dire che non siano appropriate per esso, continuando a parlare di cinema; la parola coranica -meglio dire piuttosto di Islam- può (deve) sostenere ogni attività umana e avvolgere ogni attività umana, Cinema incluso.
      Si può dire che questo non è vero?
      Mi scuso per la lunga risposta e per favore, sentiti libero di commentare ancora una volta, soprattutto se questa risposta non ti convince. Abbi cura di te.
      L.

      Post scriptum: la missione di questo sito è disponibile alla HOME PAGE 🙂

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...