La donna (femmina) è un essere umano poco dotato intellettualmente?/Is the woman (female) a human being intellectually not very gifted?

La donna, grazie alla vitale attrazione che emana, è costantemente sotto esame particolareggiato; oggi, nell’evitare il ridicolo e pericolosamente costeggiando il provocatorio sentiero delle assurdità (soprattutto scritte), l’esame si incentra soprattutto nel costume e nell’abbigliamento, scansando e quasi maldestramente quanto è riconducibile al suo comportamento, alla moralità che la contraddistingue all’interno delle società cosiddette civili. Adoperandosi in un ragionamento leggermente e solo leggermente approfondito, potremmo ben dire che queste analisi sociologiche che rimangono confinate in fin dei conti nell’estetica, in realtà sono solamente un escamotage per nascondere e nemmeno troppo bene il controllo esclusivo che l’altro sesso vuole mantenere e mantiene in una forma esclusiva, un controllo che diviene sovente esigenza di dominio verso la persona, dove il vestiario ed il trucco in fondo non sono così interessanti…
Permettendo un rimando ad un passaggio già inscritto in questo sito che gentilmente potreste rileggere QUI, nella sezione “FAQ Temi aperti“, ora e più precisamente andiamo a dare un occhiata all’ultima pseudo sentenza della “CORTE DI GIUSTIZIA DELL’UNIONE EUROPEA“, (pseudo perché in effetti, in Europa, rimangono questi dei “consigli” e poco più, in quanto è la Legislazione del Paese Sovrano che fa testo, in un attività legislativa e giuridica Nazionale che deve prevedere e circoscrivere ogni contesto polemico ed ogni disputa, ogni causa civile e penale, di lavoro eccetera).

http://curia.europa.eu/juris/document/document.jsf?text=&docid=188852&pageIndex=0&doclang=IT&mode=lst&dir=&occ=first&part=1&cid=161094

Cattura
Link diretto alla pagina (https://goo.gl/1YhqeC)

Senza dar atto a polemiche e che possano deviare il tema, ricordo a beneficio di completezza e per capire meglio il potere che la (CVURIA) ha, una delle severe sentenze inflitte (meglio prodotte) e che non sempre o quasi mai vengono recepite dai Paesi portati a giudizio, per esempio quella della recente condanna (retroattiva) che l’Italia ha subito per la “questione degli indennizzi” alle vittime di atti terroristici eccetera.

http://www.ansa.it/europa/notizie/rubriche/giustizia/2016/10/11/giustizia-corte-ue-condanna-italia-su-indennizzi-vittime_d69ef924-dc0b-46a4-966e-89e6d6fb0edc.html

Non è per sminuire la Corte, non è questa una decontestualizzazione della sentenza (per altro non apertamente e pubblicamente documentata e nota a tutti in ogni particolare) verso un quadro adiacente alla scienza dell’antropologia: ciò che è inteso e non sottinteso in questo parziale testo, è una richiesta di personalizzazione della domanda infissa nel titolo di questo passaggio scritto; una lettura appropriata della frase così apposta, una prova di questo genere, viene richiesta con lo scopo di creare una agitazione nel pensiero di chiunque possa leggere questa frase interrogativa.
>>>      Stiamo virtualmente discutendo di un foulard oppure delle centinaia di donne uccise barbaramente ed a sangue freddo in Italia ogni anno? (http://www.corriere.it/cronache/speciali/2016/la-strage-delle-donne/)
>>>          Stiamo parlando di un accessorio di abbigliamento oppure delle migliaia di bambine prostitute che ci aspettano dietro l’angolo? (http://www.irishtimes.com/culture/welcome-to-the-child-sex-capital-of-europe-1.339827)
>>>     E’ una questione religiosa e prettamente religiosa oppure la questione femminile la si può articolare nel miliardario e complesso business mondiale e senza confini della pornografia in cui la regina (ed il re allo stesso tempo) acclamata dal Popolo è l’essere umano privo del pene?


The woman, thanks to the vital attraction she emanates, is constantly under detailed examination; today, avoiding ridicule and dangerously provocative path skirting the absurdities (especially written), the examination focuses mainly in the costume and dress, almost awkwardly dodging what is due to his behavior, morality that distinguishes all ‘interior of the so-called civil society. In striving reasoning lightly and just slightly deepened, we might well say that these sociological analyzes remains confined to early accounts of aesthetics, in fact they are only a ploy to hide, nor too exclusive well control that the opposite sex wants to keep and it maintained in an exclusive form, a control that becomes often need of domain to the person, where the clothing and make-up are not so interesting indeed…
Allowing a reference to a passage already written on this site that you could kindly read HERE, in the “open FAQ Themes“, now more precisely let’s take a look to the last sentence of the pseudo “COURT OF JUSTICE OF THE EUROPEAN UNION” (pseudo because in fact, in Europe, these are “tips” and so on, as it is the legislation of the sovereign Country that makes text, in a National legislative work that needs to predict and circumscribe each legal context and controversy, every civil case from a criminal one, or a job’s dispute etc.)

http://curia.europa.eu/juris/document/document.jsf?text=&docid=188852&pageIndex=0&doclang=EN&mode=lst&dir=&occ=first&part=1&cid=161094

Cattura
Transl.: EU Court: “It is legitimate to ban islamic headscarves -Hijab- in the workplace”

Without giving place to controversy and that can divert the issue, I remind the sake of completeness to better understand the power that (CVURIA) has, one of the severe sentences imposed (better to say produced) and that does not always or almost never are implemented by EU-Countries brought to trial, for example that one of the recent conviction (retroactive) that Italy has suffered to the “question of compensation” to victims of terrorist acts and so on.
This is not to belittle the Court, this is not a de-contextualization of the judgment (for all of us not so openly and publicly documented and known in every particular) towards a framework adjacent to the science of anthropology: what is understood and not supposed in this part text, is a customization request of stuck question in the title of this passage written; an appropriate reading of the sentence on purpose, a test of this kind is required in order to create a stir in the mind of anyone who can read this interrogative sentence.
>>>   Are we virtually talking about a scarf, or the hundreds of women brutally murdered and cold-blooded in Italy each year? (http://www.corriere.it/cronache/speciali/2016/la-strage-delle-donne/) [italian lang. only link]
>>>  Are we talking about a clothing accessory or of the thousands of child prostitutes who are waiting us around the corner? (http://www.irishtimes.com/culture/welcome-to-the-child-sex-capital-of-europe-1.339827)
>>>   Is it a religious and purely religious issue or can it be argued through the world billionaire business (without boundaries) of pornography in which the queen (and king at the same time) acclaimed by the people is the human being penis free?

36 pensieri su “La donna (femmina) è un essere umano poco dotato intellettualmente?/Is the woman (female) a human being intellectually not very gifted?

  1. Inserisco un commento apparso in un altra sezione (senza cancellarlo e modificarlo da quella sede; CLICK QUI PER VERIFICARE) perché ritengo sia molto più adatto ad una discussione seguendo questo articolo specifico: spero la gentile commentatrice non se ne vorrà. (In caso me lo faccia sapere) / ENGLISH READERS, PLEASE SCROLL DOWN AND READ, THANKS
    *****
    Buon giorno, visto che continua a spoilerare ovunque il suo blog, qui
    http://www.ilfattoquotidiano.it/2017/03/31/bologna-14enne-scuola-con-la-testa-rasata-ha-rifiutato-il-velo-genitori-denunciati-allontanata-dalla-famiglia/3488708/
    sono curiosa di porle io, una domanda.
    Il corano dice SI O NO che il marito può picchiare la moglie e che allah ha creato la donna inferiore all’uomo “di un gradino”? queste cose sono scritte si o no alla sura IV?
    mi risponda, che sono curiosa. E mi dica anche perché mai una donna dovrebbe avere stima di un dio che postula di inferiorità femminile e dà il permesso al marito di picchiare la donna o obbligarla al sesso (REATO in Italia noto come stupro coniugale, un concetto che i musulmani non conoscono…). Mi spieghi un po’ perché mai una donna dovrebbe seguire tale religione, possibilmente evitando di sventolare la minaccia di castighi infernali post mortem per quante abiurano o disprezzano l’islam.
    Tante care cose, signor mashallah.

    La risposta (come sopra)

    Buongiorno Maria e, grazie innanzi a tutto del tempo che ha dedicato per scrivere; spero molto vorrà in seguito continuare a partecipare e, magari iscriversi (tasto subscribe in fondo alle pagine) per avere segnalazione senza AD e spam ecc. di nuovi articoli pubblicati.
    Inizio presentandomi: mi chiamo Lucaa, (ci sono delle informazioni generiche QUI) mentre “Mashallah” è il titolo del libro che vorrei pubblicare; detto questo, vorrei che capisca che -con il permesso a quanto sembra di FQ.it- il mio continuo inserimento di link verso il mio sito/blog è una ragione evidente per cercare e il dialogo (anche critico ovviamente) così come sto facendo con Lei, e la pubblicazione, come ho ben evidenziato in tutte le occasioni.
    Ritengo di avere delle argomentazioni che ad oggi, non sono “pervenute” in Occidente, così come ritengo che le Comunità islamiche le abbiano dimenticate oppure non fatte proprie a causa di ragioni spesso indotte da problemi di carattere di… “sopravvivenza” (per la gran parte) ma anche di cautela ed ignoranza vera e propria. Mi permetta solo di segnare QUESTO LINK che poi è la home page, da dove -se lo ritiene conveniente- può cortesemente iniziare a capire di che cosa sto parlando, non dimenticando di entrare nel BLOG saltuariamente così come sembra ha già fatto.
    Veniamo alla risposta vera e propria:
    “Il Corano dice”… eh bhè, già qua dovrei come dire… “chiederLe di fermarsi un attimo”, nel senso che ciò che dice non è esattamente traducibile come per esempio si usa fare comunemente con “Google”, per esempio; non voglio assolutamente sfuggire alla sua pertinente domanda ma, potrei benissimo dirLe e prima di argomentare, guardi che però… se le conclusioni per una domanda “tradotta” così sono queste, allora il Corano dice anche… esattamente il contrario. Che significa? Piuttosto semplice: i Testi Sacri, tutti i Testi Sacri, anche quelli degli Ebrei e Cristiani tutti, necessitano di una serie di “istruzioni”, di studi scientifici che sono esattamente l’ermeneutica (clik sui nomi per andare su Wikipedia) l’escatologia innanzi a tutto, scienze indispensabili per fare non una traduzione ma esegesi. Mi deve scusare se il tono è un po accademico: mi creda, non voglio dimostrare nulla o farmi passare per nessuno in particolare ma, vorrei apertamente solo essere certo abbiamo ben presente ciò che non può essere non citato per continuare a dialogare seriamente con termini accettati e condivisi in Occidente. Aggiungo un altra cosa: il Sacro Corano è -per ogni fedele mussulmano, nessuno escluso!- la Parola di Dio: esatta, perfetta, incontrovertibile, eterna. Il Testo Sacro in origine è stato tramandato oralmente e poi a differenza degli altri libri Sacri mai cambiato, dove in tempi remoti è stato poi inscritto in lingua araba. L’arabo non è una lingua e soprattutto scritta semplice: tutt’altro; si esprime “a concetti” ed “incastri”. Per essere più completo e per non “annoiarla” più di tanto con una risposta fiume, rimando a QUESTO LINK, cerchi nel blog l’articolo “Il Corano dice…”
    Non sto tergiversando, mi scusi ancora: il tema Religione è alquanto complesso (probabilmente a me) sebbene l’Islam è una “Religione semplice”… ma qua si aprirebbe un altro tema 🙂
    No. La donna non è “un oggetto”. Chiunque non presti le dovute attenzioni ed i riguardi per “questo essere” commette bestemmia. Il ruolo in società della donna è complesso quanto quello dell’uomo, non si creda non sia così; questo non significa che donna e uomo (femmina e maschio) debbano perseguire gli stessi “schemi sociali”, la prima differenza è data dalla natura stessa (Dio comunque per il Fedele) e cioè, “madre” oppure “padre” per il verso maschile. Non sono banali ed ovvie dissertazioni, anche se son temi che iniziano all’asilo. Le società umane nel corso della storia hanno avuto ed hanno ancor oggi un predominio del tutto maschile; se per un solo attimo mettessimo al bando la Religione, rimarrebbero evidenti “i segni” delle violenze sulle donne in ogni Landa conosciuta e, non mi stupirei se le vette di violenza si rivelassero nei “territori latini e del sud”, con picchi che in Italia farebbero rabbrividire. Non voglio accusare nessuno ma, riconoscere che “il problema donna” così come la sua emancipazione che è un dettame controllato dal maschio se pensiamo ad esempio “alle veline” come lo sdoganare la prostituzione a livello concettuale, è universale, un problema che attraversa l’Uomo-essere ma che esenta la Parola di Dio.
    Non voglio addentrarmi ora su quanto la teocrazia ed il monoteismo abbiano a che fare con la “questione donna” ma mi creda quando affermo che l’essere donna ha l’identica valenza dell’uomo-maschio davanti a Dio, dove è l’Uomo e l’Uomo-essere solamente che sbaglia. A titolo di esempio: “… Trattatele comunque con gentilezza, perché se le tratterete con disprezzo può darsi che voi disprezziate qualcosa in cui Dio ha posto un bene grande.” (Sura 4:19)
    Per ora mi assesto qua, invitandoLa nuovamente ad approfondire sul “tema donna” leggendo QUESTO ARTICOLO; rimango in attesa di un gentile riscontro. Un caro saluto!

    ___________________________________________________________________________________________
    Q.: Good morning, I saw you that continues to spoil your blog here
    http://www.ilfattoquotidiano.it/2017/03/31/bologna-14enne-scuola-con-la-testa-rasata-ha-rifiutato-il-velo-genitori-denunciati-allontanata-dalla-famiglia/3488708/
    I am curious, so I want to ask a question.
    The Koran says YES OR NO that the husband can beat his wife and that Allah has created the woman inferior to man “one step”? These things are written yes or no to the sura IV? Answer me, I am curious. Tell me also why a woman should have estimates of a God who posits female inferiority and gives permission to her husband of beating her; the woman and force her to sex (CRIME in Italy known as marital rape, a concept that Muslims do not know … ). Tell me a little ‘why a woman should follow this religion, possibly avoiding wave the threat of punishments of hell after death for as many abjure or despise Islam.
    So many things dear Mr. Mashallah. Maria

    A.: Hello Mary, thanks for the time you dedicated to write; hopefully you will later continue to participate and perhaps sign up (subscribe at bottom of pages) button for reporting without AD and spam about my news published articles.
    I start introducing myself: I’m Lucaa, (there are generic information HERE) and “Mashallah” is the title of the book that I would like to publish; having said that, I would understand that -with permission apparently FQ.it- of my continued inclusion of links to my site / blog is an obvious reason to try and dialogue (also critical of course) as well as I’m doing with you, and publishing, as I have stressed on all occasions.
    I think I have the arguments that now, are not “received” in the West, as I believe that the Islamic communities they have forgotten, or its not made due to reasons often induced by the character … “survival issues” (for the most part) but also of caution and true ignorance itself. Let me just to score the home page, where -if deemed convenient- can you please start to understand what I’m talking about, do not forget to enter the BLOG from time to time as it seems has already done.
    Let’s go to the real answer itself:
    “The Koran says” eh … well, here I should already tell you… “to ask you to stop for a moment”, in the sense that what Quran “says” is not exactly translated as, for example, we can use commonly with “Google”, for example; I definitely do not escape your pertinent question, but I might as well tell you, and before you argue, but … if you look at the conclusions to a question “translated” in “google way”, these sentences are then also “said” in the Quran … just the opposite. What does it mean? Pretty simple: the Holy Scriptures, all sacred texts, even those of the Jews and Christians all, need a set of “instructions”, the scientific studies that are exactly hermeneutics eschatology first of all, necessary to do science not a translation but exegesis. (CLICK ON WORDS MEANS TO JUMP ON WIKIPEDIA’s SITE) I must apologize if the tone is a bit academic: believe me, I do not want to prove anything or let me go to no one in particular but, I would like to openly just to make sure we have in mind what can not be cited for not continue to dialogue seriously in the “Western common way”. I add one other thing: the Holy Quran is -for every faithful Muslim, bar none! – the Word of God: exact, perfect, unquestionable, eternal. The Sacred Text was originally passed down orally and then unlike the other sacred books never changed, where in ancient times was then inscribed in Arabic. Arabic is not a simple language, and especially writing simple: anything; It expresses “a” and “joints” concepts. To be more comprehensive and not to “bore” all that much with an answer so so long, refer to BLOG and circles blog article “The Koran says …”
    I’m not stalling, I’m sorry again: the theme Religion is quite complex (probably for me) although Islam is a “simple Religion” … but here it would open another theme 🙂
    No. Woman she is not “an object”. Anyone not paying due care and regard for “this being” commits blasphemy. The role of women in society is as complex as that of the man, believe me. This does not mean that women and men (female and male) should pursue the same “social schemes”, the first difference is in the nature (God anyway for the Faithful), namely, the “mother” or “father” for toward men. There are trivial and obvious dissertations, although issues are starting kindergarten. Human societies throughout history have had and still have a dominance of the all-male; if for a moment we put a ban religion, remain obvious “signs” of violence against women in every Lands known, and I would not be surprised if the violence peaks prove in “Latin territories and South”, with peaks in Italy would cringe. I do not want to accuse anyone, but to recognize that “the woman problem” as its emancipation which is a dictate controlled by the male if we think of as “the tissue, the TV shows” which then are one “clear prostitution” in concept, is “universal” , a problem that crosses the Man but exempting the Word of God.
    I will not go into now of the theocracy and monotheism have to do with the “woman question” but believe me when I say that being a woman has the same value of man (male) in front of God, where is the Man and the ‘Man (human being) only erring”. For example: “… Treat them (women) with kindness, however, because if you treat with contempt may be that you despise something in which God has placed much good.” (Surah 4:19)
    For me now settles here, inviting you again to deepen the “woman issue” reading this article. Take care.

    Mi piace

  2. SALAAM & PEACE to Everyone
    Men & Woman and Everything on this Earth, planet & beyond that, in another words literally all things created by one God ALLAH
    Unfortunately when people who do not have knowledge about Religion & never read Quran or Holy Books by themselves can easily misunderstood the Real Message what God wants to convey to Mankind. Honestly Speaking I don,t blame all of them why because they think & speaks what they Saw everyday. believers not practicing religion or disobey teachings of God, politicians (law makers) in the name of war killings innocent people just for money & power, Media is also responsible for spreading hate against mankind particularly against Islam & Muslims this kind of atmosphere can makes things confusing & destructive.
    Nations who don,t respect their females never earn respect & Success i,am not talking about money or worldly Success, I meant Success for the both worlds. REMEMBER: Never Judge anyone Judgement belongs to God & oneday we all will receive what he did in this life actions are very important so please do Good deeds which can beenefits us & others please don,t take the words out of Context or Asking for the Answer in Yes or No only For example:if while playing my children’s start fighting with my neighbor kids I must stop my children’s from fighting & warn them if i see this kind of behavior again i will punish you please behave yourself. nobody can call this act bad or forcing kids depending on the situation. similarly husband cannot beat his wife its not allowed is Islam, if you read its talking about the Subject when wife is unfaithful & having relation with other Men. Remember first you need 4 witness who can confirm this kind of indecency behavior, than you can warn her and stop sleeping with her until she repent and realize it was wrong act but if she insists and keep doing the same behavior than husband can hit her without harming or damaging any body parts including her face. another words beating is not allowed where wife feel pain it is only expression of unhappiness or registering his protest against her wife. Remember final punishment or reward is only in the hand of one God. before ending just want like everyone to think once again with open and fair mind why we have police soldiers, courts jails, schools, hospitals & church & mosque????? why because we have all kind of people with different kind of mentality and upbringing and we need to learn and educate our self first than share the beautiful teachings with others,
    Trust me no Religion teaching to speak lie , stealing or killing people infect it comes to stop this kind of bad act not by force but with reasons and logic & practical good examples. There is no compulsion in Religion we have choice & freedom either go on Right path or wrong path but at the end we have to face the consequences according to our intention, believes & most importantly actions. This life is full of Tests by God thanks to God , Enjoy & live every day with love happiness and good health.
    God Bless Everyone , Peace for all Hate for None

    Mi piace

    • Wa Alaikum Assalam, A.
      Thanks for being here again…
      I think -honestly- that what you wrote is not a “question”; it’s a very good opinion you have acquired from your life, from “the street you are walking” with us, all of us, I mean. So, I could not add anything over your thought, just only support it.
      Leaving a moment by this thought, but keeping in theme, I have to remember, however, and myself also, that there are many and always too many situations and events where reality is cruel and and women are often used as slaves, as if they were relegated beings destined to have children mechanically. Unthinking beings. This unfortunately happens in every society and crosses all religions, without excluding the secular world. The Ummah, in my opinion, has to say something more, especially since there are Holy Verses (among other things that you mentioned) that, if read without a thorough study, read with the heart full of resentment, etc., may lead to exactly the opposite meaning to what you have fell. Thanks. Take care.

      _______________________________________________________________________________________
      Traduz. in italiano con Google/Italian transl.: made with Google

      D.: Pace a tutti. Uomini e donna e tutto su questa Terra, pianeta e oltre a questo, tutte cose create da Dio ALLAH.
      Purtroppo quando le persone che non hanno conoscenze sulla Religione e mai letto il Corano o libri Sacri possono facilmente fraintendere il Messaggio reale e che Dio vuole trasmettere al genere umano. Onestamente io non do colpa a tutti loro perché pensano e parlano ciò che hanno visto tutti i giorni: credenti non praticare la Religione o non rispettare gli insegnamenti di Dio, politici (i legislatori) in nome di omicidi di Stato, guerre e persone innocenti trucidate e solo per i soldi ed il potere. I media Occidentali sono anche responsabili della diffusione di odio contro il genere umano in particolare contro l’Islam ed i musulmani; questo tipo di atmosfera può rendere le cose confuse e distruttive. RICORDA: mai giudicare nessuno: il giudizio appartiene a Dio ed uno giorno, tutti noi riceveremo per quello che abbiamo fatto in questa vita; le azioni sono molto importanti quindi per favore fare buone azioni. Si prega di non prendere le parole fuori contesto o richiedere risposta in Sì o No per questo esempio: se durante la ricreazione dei miei figli li vedo a combattere con i figli dei vicini devo fermare i miei bambini dal combattimento e avvertirli se vedo questo tipo di comportamento di nuovo io li punirò pregandoli di comportarsi bene. Nessuno può chiamare questo atto cattivo o costrittivo a seconda della situazione.
      Allo stesso modo il marito non può battere la moglie; non è consentito nell’Islam; se leggete la Sura, quando la moglie è infedele e ha rapporti con gli altri uomini, ricordate prima è necessario avere 4 testimoni che possano confermare questo tipo di comportamento indecente; si possa avvertirla e smettere di dormire con lei fino a quando lei si pente e rendersi conto che era un atto sbagliato, ma se lei insiste e continuare a fare lo stesso comportamento, il marito la può colpire senza nuocere o danneggiare parti del corpo, tra cui il suo viso. un altro pestaggio dice che non è ammessa punizione quando la moglie sente dolore o solo mantiene un espressione di infelicità. Ricordate punizione finale e l’eventuale ricompensa è nelle mani di un solo Dio. Prima di concludere voglio solo con tutti voi pensare ancora una volta con la mente aperta e leale perché abbiamo nel bene e nel male soldati, polizia, tribunali, carceri, scuole, ospedali e Chiese e Moschee? Perché siamo tutti persone con diversi tipi di mentalità e di educazione ed abbiamo bisogno di imparare ed educare noi stessi prima di condividere le belle insegnamenti con gli altri…
      L’insegnamento della Religione con un parlare ed atto di menzogna, oppure rubare od uccidere le persone è un infezione virale; si tratta di fermare questo tipo di cattiva azione non con la forza ma con ragioni e la logica e pratici buoni esempi. Non c’è costrizione nella religione; abbiamo la scelta e la libertà di andare sulla strada giusta o sulla cattiva strada, ma alla fine dobbiamo affrontare le conseguenze, in base soprattutto alle azioni.
      Questa vita è piena di prove da Dio, grazie a Dio, gioite e vivete ogni giorno con amore felicità e tenete buona salute. Dio vi benedica tutti, la pace per tutti odio per nessuno.
      R.: Pace a te, A.
      Grazie per essere qui di nuovo …
      Penso -onestamente- che ciò che hai scritto non è una “domanda”; è una buona opinione che hai acquisito dalla tua vita, dal tuo cammino che hai percorso con noi, tutti noi; quindi, non ho potuto aggiungere nulla sopra il tuo pensiero, mi basta solo sostenerlo.
      Lasciando solo per un attimo ma rimanendo in tema, devo ricordare, tuttavia che ci sono molte e sempre troppe situazioni ed eventi dove la realtà è crudele e le donne sono spesso usate come schiave, come se fossero state relegate ad esseri destinati ad avere figli meccanicamente. Esseri non pensanti. Questo accade, purtroppo, in ogni società e attraversa tutte le religioni, senza escludere il mondo laico. L’Umma, a mio parere, ha da dire qualcosa di più, specialmente perché ci sono dei Sacri Versetti (tra l’altro anche quello che hai citato) che, se letti senza uno studio approfondito, letti con nel cuore astio eccetera, potrebbero indurre esattamente ad un significato opposto a quanto tu hai inteso. Grazie. Stammi bene.

      Mi piace

  3. Lo inserisco anche qui, visto che ha spostato la discussione:

    “ll Sacro Corano è -per ogni fedele mussulmano, nessuno escluso!- la Parola di Dio: esatta, perfetta, incontrovertibile, eterna.”
    Bene. Allora visto che nel corano, alla sura IV, testualmente c’è scritto:

    34-“Gli uomini hanno sulle donne autorità per la preferenza che il Dio ha concesso al maschio sulla femmina e a causa di ciò ch’essi hanno speso per loro delle sostanze proprie. Le femmine che si rispettano sono sottomesse, gelosamente custodiscono l’onore in assenza del marito in cambio della protezione che il Dio ha concesso loro. Temete l’infedeltà di alcune d’esse?ammonitele,relegatele sui loro giacigli in disparte, picchiatele: ma se tornano a miti sentimenti d’obbedienza, allora basta, va bene così. Il Dio è altissimo e grande in verità.”

    dovremmo tutti (e tuttE) credere che:
    1) gli uomini maschi hanno autorità perché dio li ha preferiti
    2) le femmine che si rispettano (e che quindi non vanno pestate) sono sottomesse
    3) le femmine si possono ammonire, relegare in disparte e picchiare.
    4) se obbediscono, allora si può evitare di pestarle

    e questo è giusto e giustissimo, anzi, sacrosanto, perché dio lo ha rivelato, tizio l’ha scritto e caio lo divulga anche oggigiorno. Per cui ne dobbiamo dedurre che questo dio, che di se stesso parla al maschile plurale, per tutto il corano, ha come desiderio che la femmina stia sottomessa e che il marito la possa pestare (“senza lasciare lividi sul viso”, ovviamente, tutto il resto è lecito, però…)

    Mi corregga se ho sbagliato qualche punto dell’esegesi e dell’ermeneutica islamica, e, detto chiaramente, io non sono né cristiana né ebraica né induista. Sono femminista, e pertanto valuto le religioni col metro di giudizio della femminilità e della dignità di questa femminilità calpestata da cristiani, ebrei, musulmani, induisti e compagnia. e temo proprio che tutte le religioni (ad eccezione della wicca, religione che ha come sua credenza quella di una Dea) sono decisamente maschiliste e misogine e assolutamente non adatte alle donne, tanto che non si capisce perché mai una donna dovrebbe avere fede in questa moltitudine di Dei e profeti maschili misogini. Quindi eviti di dire che cristianesimo ecc. anche quelli sono maschilisti, già lo so da me e come tali sono stati rifiutati, diversi anni fa, quando ho deciso di studiare bene le religioni. Come anche conosco qualche singola frasucola carina del corano (sura della Luce, per esempio) e conosco altrettanto bene i commenti che sono stati fatti da tanti su quel passaggio della sura IV che io ho riportato ma che Lei ha glissato in questa sua risposta. Sarà stupito di sapere che conosco anche le risibili traduzioni di quel “picchiatele” fatte da alcune “teologhe islamiche femministe”. Traduzioni che fanno ridere i polli, ma tant’è. Per cui ora mi aspetto, se Lei vorrà mostrare la gentilezza (del resto, Il Gentile è uno dei nomi del vostro dio, no? che strano, però che nei 99 nomi non ci sono nomi al femminile… nessuna Al Malika, eh?) di rispondere a questo mio preciso intervento, senza divagare citandomi frasettine prese da altri contesti più “digeribili” in un contesto di democrazia occidentale del 2017, che possono convincere chi il corano non l’ha letto. Non è il caso della sottoscritta, che il corano l’ha letto, in traduzione edita dal Bausani e da Hamza Roberto Piccardo (2015) oltre che altre edizioni di commenti editi da Pallavicini e Virginia Vacca. Insomma, come vede, di commenti coranici ne ho letti un bel po’.

    Mi piace

    • Salve Maria e, bentornata!
      Come ha potuto verificare, il suo primo messaggio/intervento l’ho spostato mantenendolo in tutti e due gli articoli: a seguito del primo e cioè dove Lei lo ha postato e nel secondo (ricopiandolo pari pari) cioè qui, perché ritengo sia più pertinente in quanto l’argomento, il tema che ci vede in discussione è, appunto, la donna.
      Noterà e deve notare che questo sua nuovo e gradito intervento è però solo qui, in quanto mi sembra un doppione inutile lasciarlo anche a seguito dell’altro articolo in cui il tema è un altro, quindi, cortesemente, proseguiamo sempre e solo qui se dovessimo continuare a discutere di “donna ed Islam”. Grazie.
      Nella mia prima risposta ho scritto chiaramente che traduzioni letterali senza necessaria esegesi sono praticamente inutili. Ho anche aggiunto di leggere il mio articolo nella sezione FAQ- la questione donna nell’Islam- (clikkando si aprirà automaticamente; scorrendo si trova l’articolo in questione) per cercare di comprendere che ancora più difficile è tentare esegesi su traduzioni italiane dall’arabo.
      Detto questo nuovamente, leggo che Lei cita Sure con una disinvoltura ammirevole per certi versi ma, mi lasci dire ed anzi dubitare, abbia davvero ben compreso il senso e di quanto auspicavo potesse farla riflettere attraverso le “prime indicazioni” e, abbia davvero percepito il significato (i significati) delle Sure, comprese quelle in questione ovviamente. (Ad ogni modo, non voglio avere ragione a tutti i costi, sebbene rimango dubbioso sull’effettiva conoscenza esegetica Lei abbia acquisito attraverso studi specifici, laddove e comunque sono pronto a “cospargermi il capo di cenere”, sia chiaro…)
      Sebbene sono convinto Lei non si accontenterebbe mai di una risposta che possa farLe intendere che non basta “leggere le traduzioni di Piccardo” eccetera ma, serve “una vita per comprendere una Sura” perché nell’Islam è “il cuore, il tuo cuore che ti apre la conoscenza” senza mai avere necessità di intermediari a differenza di Ebraismo e Cristianesimo che sono sì l’origine dell’Islam, voglio cimentarmi ancora una volta e tutte le volte che sarà possibile al dialogo con Lei, Maria “la femminista” 🙂
      Fuori da ogni dubbio: le Religioni monoteiste (abramitiche), quelle che abbracciano circa 5 miliardi di umani in Terra, si fondano su dogmi.
      L’atto di Fede prevede l’accettazione del dogma e, del Mistero. Se una Persona insiste a non volerlo accettare come principio, leggilo anche come inizio, bhè… potremmo anche chiudere qui e, aspettare la nostra fine (della carne) che arriverà prima o poi.
      Ho scritto -riportando la citazione mia che ha postato- certamente che la Parola di Dio è incontrovertibile ed accettata dal fedele ma, nel principio, nella padronanza che nessuno in Terra può pensare di non dover avere e cioè nella padronanza della conoscenza, dello studio, quello che in Occidente chiamiamo appunto (semplificando) esegesi, ermeneutica escatologia. Non significa dobbiamo essere dei “Dottori in teologia e filosofia eccetera” ma, dobbiamo saper almeno fare “verifica”. (Analisi di coscienza o Jihad)
      Se una Sura dice di non uccidere mentre un altra -ad esempio- esorta ad uccidere, è una contraddizione? Se un altra indica la donna come l’essere da rispettare perché “è di Dio” ed un altra scrive di “batterla”, è un altra contraddizione? La Parola di Dio non si contraddice; la Parola di Dio -in quanto Dio!- è perfetta e, non si ripete: se noi non ci spieghiamo certe contraddizioni significa che siamo noi (ancora) non giunti all’altezza di comprenderla e quindi siamo come dire… “in attesa di verifica”.
      Siamo d’accordo: oggi, anno 2017, abbiamo “aperte” molte questioni (contraddizioni) e, siamo ancora d’accordo che letture e, mi lasci dire “sterili letture” come leggo da quanto ha riportato poco sopra, (decontestualizzazioni, mi permetta) personalmente mi avvicinano alle sue conclusioni ma, non sono certo Lei, per questo contesto abbia assoluta e tutta proprio tutta la ragione, infatti se in vece contestualizzo, provo a “far verifica”, faccio cioè esegesi eccetera, (Jihad!?) mi ritrovo ad argomentare rimanendo “in attesa”. Quanto devo attendere? Una vita? La mia vita?
      Sono certo che miracoli e Profeti non ci saranno più in Terra; sono certo dovessi vedere con i miei occhi e sentire di barbarie e violenze contro donne (ma anche uomini) non resterei con le mani in mano. Sono certo delle mie imperfezioni; di quelle umane, siano maschili o femminili. Non devo a forza convincere nessuno ed anzi: se mi dibatto, se oso far critica, devo farla nella mia Comunità così come in quella degli altri ricercando comunque un punto di incontro che è l’essenza umana, quella che non ha genere.
      Quindi Lei ha ragione. Io ho ragione. Noi abbiamo ragione.
      Torti, in vece sono quelli degli altri, quelli che nell’atto concreto sbagliano nel momento che sbagliano. (Noi, alle volte, siamo “gli altri”).

      *******
      Trad. in inglese con Google (automatica)/Automatic translation made with Google

      Q.: “The Holy Quran is -for every faithful Muslim, bar none! – the Word of God: exact, perfect, unquestionable, eternal.”
      Good. So since in the Koran, the Sura IV, textually reads:
      34- “Men have authority over women’s preference that God has granted to male on the female, and because of that which they have spent on them of their substance. The females who respect are subservient, jealously guard the honor in the absence of her husband in exchange for the protection that God has given them. Do you fear the infidelity of some of them? Admonish them, relegatele upon their beds apart, beat them; but if they return to obedience myths feelings, just then, that’s fine. The God is the highest and largest in truth. ” You should all (and all) believe that:
      1) male men have authority because God has preferred them
      2) females who respect (and therefore not to be crushed) are subject
      3) females can admonish, relegated to the sidelines and beaten.
      4) if they obey, then you can avoid crush them
      and this is right and just, indeed, sacred, because God has made him, the guy wrote and-so it abroad even today. So are we to assume that this god, who himself speaks in the masculine plural, throughout the Koran, has as its desire that the female is submissive and that the husband can beat ( “without leaving bruises on his face,” of course, everything the rest is permissible, but …)
      Correct me if I’m wrong somewhere Islamic exegesis and hermeneutics, and said clearly, I am neither Christian nor Jewish nor Hindu. I am a feminist, so I evaluate religions with the yardstick of femininity and dignity of this femininity trampled by Christians, Jews, Muslims, Hindus and companionship. and I’m afraid that all religions (except wicca, religion that has as its belief that of a Goddess) are decidedly sexist and misogynistic and absolutely not suited to women, so that you do not understand why a woman should have faith in this multitude of gods and misogynistic male prophets. So avoid saying that Christianity etc. even those are sexist, I already know from me and as such they were rejected, several years ago, when I decided to study well religions. How well I know some pretty single frasucola the Koran (sura of Light, for example) and I know just as well the comments that have been made by so many of the passage of the fourth sura which I reported but You glossed over in this answer. You will be amazed to know that I know even ridiculous translations of that “beat them” made by some “Islamic feminist theologians”. Translations that are funny chickens, but so be it. So I expect now, if you want to show kindness (after all, the Gentile is one of the names of your gods, no? How strange, however, that the 99 names there are no names for women … no Al Malika, eh?) My answer to this specific intervention, without digressing citing frasettine taken by other more “digestible” contexts in a western context of democracy in 2017, which can convince the Koran not read. There is the case of the undersigned, that the Koran has read, in translation published by Hamza Roberto Piccardo and Bausani (2015) as well as other editions of comments published by Pallavicini and Virginia Vacca. So, as you see, the Koranic comments I’ve read a lot ‘.
      A.: Hi Mary, and welcome back!
      Like you see, your first message I moved it, keeping it in both articles: following the first, and that is where you posted it, and in the second (copied) that is here, because I think it is more relevant as the subject, the subject which we are questioning is precisely “the woman”.
      You will notice, and should be noted that this new speech, however, is only here, because it seems to me an unnecessary duplication leave even after the other article in which the theme is another, then, politely, we continue always and only here if we were continue to discuss “women and Islam.” Thank you.
      In my first answer I clearly wrote that literal translations without necessary exegesis are virtually useless. I also added to read my article in the FAQ -the question of women in Islam- (just clicking will open automatically, scrolling is the article in question) to try to understand that it is even more difficult groped on exegesis Italian translations from Arabic.
      That said again, I read that you cite Sure with admirable aplomb in some ways, but let me say and indeed doubt, you really understood the meaning and how I expressed the hope might make my think through the “early indications” and you have really felt the meaning (meanings) of the Suras, including those concerned of course. (However, I will not be right at all costs, although I remain doubtful on the actual exegetical knowledge you have acquired through specific studies, wherever and however I am ready to “keep ash on my head”, mind you …)
      Although I am convinced you will never settle for an answer that will let you understand that not just “read the Piccardo” etcetera translations but serves(we need) “a life to understand a chapter” in Islam because it is “your heart, your heart that opens your knowledge “without ever having the need for intermediaries, unlike Judaism and Christianity that are so Islam’s origin, I will still try my hand once, and every time it will be possible to dialogue with you, Mary “the feminist” 🙂
      Beyond any doubt: the monotheistic religions (Abrahamic), those spanning about 5 billion people on Earth, are based on dogmas.
      The act of faith involves acceptance of dogma and of Mystery. If a person insists on not wanting to accept as a principle also read it as a beginning, well … we might as well close here and wait for our end (the end of the meat) that will come sooner or later.
      I wrote certainly that the Word of God is incontrovertible and accepted by the faithful but, in principle, in the mastery that no one on Earth can think of not having to have and that is in the mastery of knowledge, the study, precisely what we call in the West (simplifying) exegesis, hermeneutic eschatology. It does not mean we have to be one “Doctors of theology and philosophy and so on” but we must at least know how to do “verification.”
      If Sura says not to kill while another -for example- urges to kill, is a contradiction? If another indicates the woman as being to be respected because “it is of God” and another writes of “beat”, is another contradiction? The Word of God does not contradict Himself; -the Word of God as He is God!- it is perfect and does not repeat itself: if we do not explain certain contradictions means that we are (still) do not come up to understand it and then we like to say … “waiting for verification”.
      We agree: today, the year 2017, we “open” many issues (contradictions), and we’re still on that reading and, let me say “sterile readings” as I read from what reported above, (decontextualization, I let) me personally close to its conclusions, but are certainly not you, for this context has absolute and throughout its whole reason, in fact if, instead, try to “to verify,” that is, I do exegesis etc., (Jihad !?) I find myself arguing remain “on hold”. How long should I wait? All long the life? My life?
      I am sure that miracles and Prophets there will be no longer in Earth; I am sure If I had to see with my own eyes and feel of barbarism and violence against women (and men) I would not stay with my arms folded. I am sure of my imperfections; than human, whether male or female. I do not have strength to convince anyone and even if I struggle, if I dare to criticism, I have to do it in my community as well as in that of others still seeking a meeting point which is the human essence, one that has no gender.
      So you’re right. I’m right. We have reason.
      Injustices, instead are those of the others, those who practice the act wrong when they are wrong. (We, at times, we are “the others”)

      Mi piace

  4. Lunga risposta, che non spiega nulla e pretenderebbe di farmi accettare la sura IV e farmi credere che l’islam è dalla parte delle donne solo perché il signor Lucaa risponde gentilmente a una donna.
    Le richiedo nuovamente, pregandoLa di rispondere schiettamente e centrando il punto:
    1) nel corano (in arabo, e di conseguenza nella traduzioni in altre lingue, anche se allah predilige solo l’arabo…) c’è scritto si è o no che la femmina è inferiore al maschio, perché allah ha scelto così?
    2) nel corano c’è scritto si o no che la femmina deve obbedire e può essere battuta?
    3) ne corano tale dio si rivela si o no sempre e solo al maschile (plurale, delle volte)?
    Non mi scriva che la parola di dio non può contraddirsi, perché io non credo a tale dio, perciò la sua “onnisapienza” o meno sui messaggi rivelati (per bocca maschile, che combinazione…) è irrilevante; ma ad ogni modo, se tale dio esiste, le sue sole affermazioni misogine sono talmente scandalose che io rivendico il mio diritto a rinnegarlo. Questo fa di me una Kafir, più che non una femminista, forse… ma esattamente come Iblis (tanto per restare in tema islamico) io non mi prostro a un dio misogino. lui non si prostrò ad adamo, vicario di tale dio allah (a proposito, come mai allah non ordina agli angeli di prostrarsi di fronte anche alla femmina eva? come mai ci si deve prostrare solo nei confronti del maschio adamo? come mai solo lui è vicario, e la femmina non è vicariessa? o vicaria? esisterà mai il termine femminile di vicario?), io non mi prostro a un dio misogino, chiamato dio, cristo, allah, geova, javè che sia.

    Signor Lucaa, mi risponda a questo. Se comunque vuole saggiare la mia conoscenza teologica, prego, mi faccia delle domande. So bene che in quanto femmina, secondo il dio del corano, io sono deficiente di intelletto, rispetto a un uomo, perché il tale profeta rivela che le donne hanno una mancanza di intelligenza, rispetto ai maschi, ma chissà che non sia il suo profeta, e il suo dio, ad essersi sbagliato, a proclamare così, quando una donna le sa rispondere per filo e per segno, e in più, le sa anche demolire certi presupposti che solo femmine prive di intelletto (loro sì) possono accettare come “decreto immutabile” quando è così evidente e palese che tali “decreti immutabili” spacciati per Vox Dei non sono altro che voce maschile arrogante, spacciata per volere di dio. Per esempio, già il fatto che tale dio si sia rivelato con un profeta maschile, è già un limite alla sua efficacia, visto che io sono femmina, e non si capisce perché devo “pendere da labbra maschili” e seguire acriticamente quanto mi viene detto. e detto tra noi, anche pregare un dio “che sta assiso sul suo trono, che stava sull’acqua ma che è anche sorretto da angeli” che si rivela al maschile, e si sdegna che i pagani meccani gli attribuiscano una moglie e/o tre figlie “al Gharaniq” non è decisamente un qualcosa che sento di dover fare. Forse sono meglio le tre Gharaniq, temo che mi piacciano di più. Anzi, temo anche di preferire il termine Allat, al posto di allah. In quanto femmina, lo trovo più consono alla mia femminilità, che tale dio monoteista nelle sue tre versioni sdegna e umilia.

    Mi piace

    • Salve Maria;
      mi deve perdonare se rispondo con fare piuttosto crudo e forse lapidario: ho letto e bene le sue lunghe “domande” ma ritengo di ripetere quanto ho già detto, nonostante cercherò altre parole. Vede, la Fede ed in genere, gli atti di Fede in quanto tali, necessitano di accettare il dogma.
      Detto questo, deve sapere che io non ho nessunissima intenzione di convincere nessuno e men che meno Lei ad accettare una Sura, figuriamoci una Religione!
      Il sito che ci ospita (curato da me) è focalizzato alla ricerca di un Editore che possa pubblicare il mio saggio; “Mā shāʾ Allāh (XXI century schyzoid man)” è un testo critico (positivo e costruttivo) verso la società contemporanea che accoglie la Comunità islamica, trascurando volutamente confini territoriali e Stati sovrani. Io -l’ho ripetutamente scritto- non faccio proselitismo attraverso la mia scrittura. Spero sia chiaro questo.
      Certamente, amo dialogare e soprattutto riguardo i temi che propongo e ripropongo nel contesto del mio saggio, dove tra tanti temi c’è naturalmente anche quello “femminile”.
      Dico un altra cosa al riguardo, se permette: perché deve voler pensare che Lei in quanto femmina sia “inferiore” a me che sono maschio? Se approfondisce un attimo il mio scritto (non nel libro che purtroppo per ora non è disponibile ma nel “FAQ”) vedrà che il titolo che ho usato è alquanto provocatorio. Del resto, una società dovesse come dire… darLe 100% ragione, pensa sia o sarebbe oppure può o potrà essere perfetta? Non lo credo affatto. Anche -per altro esempio- società “laicizzate” o “declericalizzate” hanno
      seri problemi di coscienza, pensiamo all’eutanasia… All’accettazione dei matrimoni ed adozioni omosessuali e, forse sono società in cui Lei, magari, oggi, vorrebbe elevare ad esempio, no? Sbaglio?
      Voglio dire… i problemi sono e rimangono “a cura dell’imperfezione umana”, dove il presunto riscatto femminile non deve per forza abbattersi contro l’Islam o le Religioni abramitiche, no? In questo istante, ci sono circa 1 miliardo di donne islamiche nel Pianeta che stanno vivendo: immagino in ogni contesto sociale, di ogni età e di differenti etnie eccetera: sono tutte frustrate e sottomesse in schiavitù? Davvero Lei pensa questo?
      Mi spiace se ora non sono qua a fare esegesi insieme a Lei, mi creda, lo vorrei fare ma, sarebbe come distrarre le mie intenzioni ora che sono e devono essere precise.
      “Non c’è costrizione nella Religione” è un altro dogma potremmo ben dire da assimilare, forse principio meglio dire: perché non dovrei accettarlo?
      (Continuo all’altra domanda… grazie davvero e come sempre di partecipare!)

      ***
      Automatic translation made with Google/ Traduzione automatica di Google

      Q.: Long answer, which explains nothing and claim to make me accept Sura IV and make me believe that Islam is on the side of women only because Mr. LucÃa responds kindly to a woman.
      The I request once again, begging her to answer frankly and centering the point:
      1) in the Quran (in Arabic, and as a result the translations into other languages, although only Allah prefers Arabic …) it says it is or not the female is smaller than the male, because Allah has chosen you?
      2) in the Koran it says yes or no that the female must obey and can be beaten?
      3) they Koran that God is revealed or not is always and only the men (plural of the time)?
      Do not write me that the word of God can not contradict itself, because I do not believe in such a god, so his “onnisapienza” or less on the revealed messages (male mouth that combination …) is irrelevant; but either way, if that god exists, its sun misogynistic statements are so outrageous that I claim my right to deny him. This makes me a Kafir, more than a feminist, maybe … but exactly how Iblis (to stay in the Islamic theme) I prostrate myself to a misogynistic God. he does not bowed to Adam, vicar of that god allah (by the way, why Allah does not order the angels to prostrate themselves before even the female eva? why we must bow down only to the adam male? why only he vicar, and the female is not vicariessa? or vicarious? never exist the female end of vicar?), I prostrate myself to a misogynistic God, called God, Christ, Allah, Jehovah, Jave it.

      Mr. Lucaa, answer me this. If you still want to test my theological knowledge, please, do me any questions. I know that as a female, according to the god of the Koran, I am deficient in intellect, as compared to a man, because the Prophet reveals that women have a lack of intelligence, than males, but who knows it is his prophet and his God, for he was wrong, to proclaim that, when a woman know how to respond to word for word, and in addition, also knows demolish certain assumptions that only females without intellect (they do) may accept as ” immutable decree “when it is so obvious and blatant that such” immutable decrees “passed off as Vox Dei are nothing but arrogant male voice, touted by the will of God. For example, the very fact that God has revealed with a male prophet is already a limit to its effectiveness, because I am female, and can not understand why I have to “hang from male lips” and follow uncritically what I am told . and by the way, also pray to a god “who sits on his throne, he was on the water but it is also supported by angels” who reveals to men, and is indignant that the pagan Meccans attribute a wife and / or three daughters “to Gharaniq” is definitely not something that I feel I must do. Perhaps the three Gharaniq are better, I’m afraid that I like more. Indeed, I also fear it prefers the term Allat, instead of allah. As a female, I find it more in keeping with my femininity, that monotheistic God in its three versions indignant and humiliated.
      A.: Hi Mary;
      You must forgive me if I answer with making rather crude and perhaps succinctly: I read well your long “questions” but I repeat what I said, though I will try other words. You see, Faith and in general, acts of Faith as such, need to accept the dogma.
      That said, you should know that I have no intention to convince anyone, never to force you to accept a Sura, or a Religion!
      The hosting site (edited by me) is focused in search of a publisher who would publish my essay; “Mā shā’ Allāh (XXI century schyzoid man)” is a critical text (positive and constructive) to contemporary society that welcomes the Islamic Community, deliberately neglecting territorial boundaries and sovereign States. I -repeatedly written- I do not proselytize through my writing. I hope this is clear.
      Of course, I love to talk and especially about the topics that I propose and propose again in the context of my book, where among the many issues there is of course also the “feminine themes.”
      I say one other thing about it, if you please, why must you want to think that you as a female are “inferior” to me male? If deepens a moment my writing (not in the book that unfortunately is not available now but in the “FAQ”) you will see that the title I used is quite provocative. Moreover, a society would like to say … give to you 100% right, would you think is or can or will be perfect? I do not believe at all. Also-another example- “secularized” or “no Religion” societies have
      serious problems of consciousness , try to think of euthanasia … or… by accepting homosexual marriages and adoptions, maybe societies where you maybe, today, would like to raise for example, no? Am I wrong?
      I mean … the problems are and remain “by human imperfection” where the alleged female liberation is not about to fall hard against Islam or the Abrahamic Religions, no? At this moment, there are about 1 billion Muslim women in the Planet they are living: I guess in every social context, of all ages and of different ethnic groups and so on: are they all frustrated and submissive to slavery? You really think that?
      Now I’m sorry if I’m not here to do exegesis together with you, believe me, I would do it, would be as distracting now that my intentions are and must be precise.
      “There is no compulsion in Religion” is another dogma we might well say to assimilate, perhaps principle rather: why should I not accept it?
      (I keep the other question to the other question you made… thank you very much and thanks to participate!)

      Mi piace

  5. Sono andata a leggermi la F.A.Q e colgo occasione per riportarle il termine esatto visto che Lei ha gentilmente linkato questo sito molto utile: https://quran.com/4/34
    non riesco a fare il copiancolla del testo in arabo, riporto solo la traduzione in inglese:
    “Men are in charge of women by [right of] what Allah has given one over the other and what they spend [for maintenance] from their wealth. So righteous women are devoutly obedient, guarding in [the husband’s] absence what Allah would have them guard. But those [wives] from whom you fear arrogance – [first] advise them; [then if they persist], forsake them in bed; and [finally], strike them. But if they obey you [once more], seek no means against them. Indeed, Allah is ever Exalted and Grand.”
    quel termine “strike them”, è segnato sul sito con la parola in arabo specifica, e in inglese è tradotto come “strike” o anche “beat”:
    http://www.webalice.it/pvmantel/Commenti/Sura%204,%20Le%20Donne,%20Versetti%2017-34.html, si trova l’esatta parola, che questa volta posso copiare anche qui:
    وَاضْرِبُوهُنَّ,
    e le relative traduzioni:
    Pickthall: “and scourge them” cioè “e frustatele”
    Yusuf Ali: “(And last) beat them (lightly)” cioè “(E infine) battetele(leggermente)”
    Al-Hilali/Khan: “(and last) beat them (lightly, if it is useful)” cioè “(e infine) battetele (leggermente, se fosse utile)”
    Shakir: “and beat them” cioè “e battetele”
    Sher Ali: “and chastise them” cioè “e punitele severamente”
    Khalifa: “then you may (as a last alternative) beat them” cioè “poi potete (come ultima alternativa) batterle”
    Arberry: “and beat them” cioè “e battetele”
    Rodwell: “and scourge them” cioè “e frustatele”
    Sale: “and chastise them” cioè “e punitele severamente”
    Asad: “then beat them” cioè “e battetele”
    [Piccardo: “e battetele” (N.d.T.)]
    [Guzzetti: “e battetele” (N.d.T.)]
    [La radice Araba DaRaBa significa colpire, picchiare, ma non molto delicatamente, tanto che “daraba âunuqahu” = colpire il collo di qualcuno, significa “decapitare” (N.d.T.)]

    Ora, mi sa spiegare come mai questo dio allah vi dà questo permesso, a voi uomini, e come mai io (che sono femmina) dovrei aver fede in un dio che dà a un maschio (“mio marito”) il permesso di picchiarmi “se non obbedisco” (sorvolando che so anche molto bene cosa intende la mentalità islamica con “donna che disobbedisce e viene maledetta dagli angeli”, eufemismo per parlare di stupro coniugale)? e più in generale, visto che viviamo in Italia, come mai quella pagina del corano viene permessa, visto che in Italia è reato picchiare una donna? ne dovremmo dedurre che l’islam è anticostituzionale (comunque non creda che faccio preferenze, sostengo la stessa identica cosa anche per la bibbia ebraica e il cristianesimo…). Ora, sa farmi un’esegesi o un’analisi coranica (o quello che vuole) per cercare di difendere questa pagina vergognosa? ah, ma è parola di dio, allora pertanto è veridica, verace, indubitale, sacrosanta, immutabile, ben scritta, perfetta… guarda un po’, che combinazione, un dio con tutte queste belle qualità, qualità che servono ai maschi per mettere le mani addosso alle donne…

    Detto questo, le ribadisco che il corano lo conosco da diversi anni, non giorni, ma anni. Credo di avere una discreta conoscenza dell’ambiente pre islamico e islamico, credo anche di avere una discreta conoscenza di questo o quel commento (pure femminile e moderno) in generale al corano, e nello specifico, nell’unica pagina che mi interessa porre alla Sua attenzione. Anche perché – mi perdoni la schiettezza – ma credo che sia l’unica pagina sulla quale si debba disquisire, quando si parla di islam. I discorsi sugli angeli, sulle montagne, sulle navi, sulla luce, sui giuramenti su stelle e lune, sulle tavole bandite e sui cammelli e il resto che si trova citato non è di mio interesse, in tutta onestà. Lessi a mio tempo questi passaggi, peraltro neanche scandalosi (non più di tanto, se escludiamo le famigerate sure che esortano ad uccidere oppure le minacce del fuoco eterno), e molto più scorrevoli delle noiose vicende bibliche antico-testamentarie che sono lunghe il quintuplo… se non altro il corano è più scorrevole, in tal senso.

    Se rifiuto il suo dio è perché il suo dio trova piacevole quei versetti che umiliano le donne e danno ai maschi il potere di pestarle, se lo rifiuto è perché è inaccettabile che io dia la mia fede/cuore/anima a un dio del genere, che ha stabilito così, non si sa bene su quali motivi logici e fondati, che trova edificante quella parolina ( وَاضْرِبُوهُنَّ) che la rivela a un profeta maschio, che la fa trascrivere qualche tempo dopo.

    Per cui, scelga Lei se rispondermi o meno, con giustificazioni sensate, se riesce a difendere tale dio dalle accuse di misoginia… e senza tirare in ballo altre cose, su cui voi islamici riuscite a districarvi, tipo poligamia o velo o età per i matrimoni… a me interessano proprio quelle poche righe della sura IV, e già che c’è, come spiegazione finale, mi interesserebbe anche sapere come mai il suo dio dichiara il ciclo mestruale impurità e sporcizia (per usare il termine che si trova nell’edizione tradotta dal Bausani), in base a quali motivi il suo dio dichiara così, tra le altre cose.

    Detto questo (perché in fondo le risposte le conosciamo già entrambi, signor Lucaa) apprezzo comunque che mi abbia concesso il diritto di parola e replica, anche se temo che risulterò sgradita dal momento che non svendo la mia dignità femminile “per un giardino del paradiso” e sono molto schietta nell’affermare i motivi che mi hanno portato a negare l’islam (insieme a tante altre religioni fondate da maschi, stia tranquillo, non sono una di quelle che sbraita di “radici cristiane” per andare contro ai musulmani, io non tollero il sessismo a prescindere da dove e da chi sia originato).

    Mi piace

    • …continuo quanto ho scritto in precedenza nell’altra “risposta”.
      Ripeto anche qua: Lei non deve pensare che qualcuno “a forza” vuole farLe accettare qualcosa, men che meno una Religione che già chiaramente prescrive di non costringere nessuno a credere. Lei non può certamente pensare che io voglia “fare a Lei un esame” e quindi si senta assolutamente libera di esprimere tutte le perplessità eccetera, mi raccomando.
      Non trattandosi di un fare “moderato” (questo lo si può leggere in un articolo che ho espresso QUI (clikka!) come sia una deriva Occidentale di pensiero o presupponenza) rimane questo un pensiero piuttosto “personale” e che appunto nasce e cresce fino a divenire il saggio che sono qui a cercare di pubblicare. Lei dirà… o potrebbe a questo punto dire: ma che razza di Islam Lei (io) va a diffondere?
      Ecco un altro punto: l’Islam non prevede classi gerarchiche e clero, quindi non esiste “capo” od una persona “da seguire”; questo non significa “l’anarchia pura” ma un fare molto “dedicato” e, speciale. Del resto questo “spiega” (anche) di “pazzi” che urlano “Allah Akbar” e si rifacciano a “sette” di “neri come razza di supremazia” (la purtroppo cronaca di questi giorni) i quali assassinano gente inerme: sì, accade anche questo ma, solo una “lettura superficiale” e, dettata da una visione Occidentale, farebbe come fa indicare un responsabile che è l’Islam. Mi permetta: anche Lei ragiona ed esegue dei meccanismi di ragionamento (anche la lettura coranica…) su basi strettamente Occidentali, interessanti, non per questo da giudicare ma, incompleti, come se manchino di un qualche cosa.
      Penserà che stia sfuggendo alle sue “richieste” ma Le assicuro che non è così anche se non mi metto a fare l’esegesi necessaria.
      Sono certo che “comunque” e finché non avvertirà una “predisposizione” (di pensiero) che Lei e solo Lei dovrà riconoscere, nulla io possa poter dire Le risulterà “interessante”…
      (Ad ogni buon modo, l’esegesi prevede tra l’altro e le tante cose, di “contestualizzare” anche il periodo storico, per cui “battere una donna” potremmo anche riprendere oggi nella nostra epoca come “riprendere una donna” ma, ripeto, non è così con questo fare semplicistico che arriveremmo ora e qui da qualche parte). Ad ogni modo io la aspetto e, sarà certamente gradito il suo intervento se nei termini e toni che ha tenuto fino ad ora. Grazie ancora.

      ***
      Translated with Google/ Tradotto con Google

      Q.: I went to read your F.A.Q and I take the occasion to bring them back the right word because you have kindly linked this site very useful: https://quran.com/4/34
      I can not do copy and paste of the Arabic text, carry only the English translation:
      “Men are in charge of women by [right of] what Allah has given one over the other and what they spend [for maintenance] from Their wealth. So righteous women are devoutly obedient, guarding in [the husband’s] absence what Allah would have them guard. But Those [wives] from-whom you fear arrogance – [first] advise them; [Then if they persist], forsake them in bed; and [finally], strike them. But if they obey you [once more] Relevant, seek no means against them. Indeed, Allah is ever Exalted and Grand. ”
      the term “strike them”, it is marked on the site with the specific word in Arabic, and English is translated as “strike” or “beat”:
      http://www.webalice.it/pvmantel/Commenti/Sura%204,%20Le%20Donne,%20Versetti%2017-34.html, it is the right word, that this time I can also copy here:
      واضربوهن,
      and translations:
      Pickthall: “and scourge them” ie “and frustatele”
      Yusuf Ali: “(And last) beat them (lightly)” ie “(Finally) beat them (lightly)”
      Al-Hilali / Khan “(and last) beat them (lightly, if it is useful)” ie “(and lastly) beat them (lightly, if it was useful)”
      Shakir: “and beat them” ie “and beat them”
      Sher Ali: “and chastise them” ie “and severely chastise”
      Khalifa: “then you may (as a last alternative) beat them” that is, “then you can (as a last alternative) beat them”
      Arberry: “and beat them” ie “and beat them”
      Rodwell: “and scourge them” ie “and frustatele”
      Sale: “and chastise them” ie “and severely chastise”
      Asad: “then beat them” ie “and beat them”
      [Picard, “and beat them” (N.d.T.)]
      [Guzzetti: “and beat them” (N.d.T.)]
      [The root Arab Daraba means hitting, beating, but very gently, so that “daraba âunuqahu” = hit someone’s neck, means “beheading” (N.d.T.)]
      Now, I can explain why this allah God gives you this permission, you men, and why I (who are female) I have faith in a God who gives to a male ( “my husband”) permission to hit me ” if I do not obey “(flying that I know very well what he means Islamic mentality” woman disobeys and is cursed by the angels “, a euphemism to speak of marital rape)? and more generally, given that we live in Italy, how come that the Qur’an page is permitted, since in Italy is a crime beat a woman? We should be inferred that Islam is unconstitutional (though I do not believe that preferences, argue the exact same thing even for the Hebrew Bible and Christianity …). Now, he knows me or analysis Koranic exegesis (or whatever you want) to try to defend this shameful page? ah, but it is the word of God, so therefore it is truthful, veracious, indubitale, sacred, immutable, well written, perfectly … looks a bit ‘, that combination, a god with all these fine qualities, qualities that serve to males to put hands on women …
      That said, I repeat that the Koran known him for several years, not days, but years. I think I have a fair knowledge of Islamic and Islamic pre, I also have a working knowledge of this or that comment (pure feminine and modern) in general to the Koran, and that interests me specifically, one page to ask His attention. Also because – pardon my bluntness – but I believe it is the only page on which you have to quibble when it comes to Islam. I talk about angels, the mountain, the ships, the light, the oaths of stars and moons, banned on tables and on camels and the rest that is mentioned is not of interest to me, honestly. I read in my time these steps, however, even scandalous (not much, if we exclude the notorious sure that urge to kill or threats of eternal fire), and much more slides boring old-testamentary biblical events that are long five times … if nothing else the Koran is more sliding, in this sense. If he refuses his god is because his god is pleasing those verses that humiliate women, and give to men the power to crush them if they refuse it because it is unacceptable for me to give my faith / heart / soul to a god like that, which has thus established, no one knows on what logical and reasonable grounds, that is uplifting that little word (واضربوهن) that reveals a male prophet, that makes transcribing some time later.
      So, choose you if you answer me or not, with sensible justification, if he can defend such a god by accusations of misogyny … and not bring up other things, on which you Muslims managed to extricate yourself, polygamy type or veil or age for marriage … I just affect those few lines of sura IV, and while there, as a final explanation, I would be interested also to know why her god.
      A.: … I keep what I have written previously in the other “answer”.
      I repeat here too: You should not think that someone “by force” wants to let you accept something, much less a religion that already clearly prescribes not to force anyone to believe. You certainly can not think I want to “do to you an exam” and therefore feel absolutely free to express any concerns so on, please.
      Since it is not a doing “moderate” (this can be read HERE in an article that I expressed as either a drift Western thinking or presuppositional) is this a thought rather “personal” and that precisely is born and grows up to become the wise I’m here to try to publish. She’ll say … or it could at this point to say what kind of Islam She (me) going to spread?
      Here’s another point: Islam does not provide hierarchical and clergy classes, so there is no “boss” or a person “to follow”; This does not mean “pure anarchy” but a lot to do “dedicated” and special. Besides this “explains” (also) of “crazy” screaming “Allah Akbar” and refer back to the “seven” of “blacks as a race for supremacy” (the sadly news these days) who assassinate defenseless people: Yes, this also happens, but only a “cursory reading” and dictated by a Western vision, would indicate how does a manager who is Islam. Allow me: She also thinks and executes the reasoning mechanisms (including the Koranic reading …) on a strictly Western bases, interesting, why not to judge, but incomplete, as if lack of something.
      He’ll think he’s getting out his “demands” but I assure you it is not as though I do not put me on the exegesis required.
      I am sure that “anyway” and until we experience a “predisposition” (thinking) that you and only you will have to recognize, anything I may be able to say The “interesting” …
      (In any way, exegesis provides among other things, and other things, to “contextualize” also the historical period, so “beat a woman” could also resume today in our era as “resume a woman” but, I repeat, it is not so with this simplistic to do that now, and we would come here somewhere). Either way I will wait for your next question. Thanks again.

      Mi piace

  6. Signor Lucaa, vedo ancora una lunga risposta inconcludente. La questione è molto semplice, è già la terza o quarta volta che la ripeto: nel corano (“parola sacra e immutabile e vera di dio ecc. ecc. ecc.” c’è scritto si o no che gli uomini sono preposti alle donne e che si può picchiare una donna?
    Si o no? risponda chiaramente con un si o con un no.
    ora non citi, per sviare il discorso, qualche sura carina. Le ho fatto domande precise, con riferimenti precisi, non renda il discorso fumoso, pieno zeppo di rimandi a cose che non c’entrano niente (adozioni gay??) con la mia richiesta. Io sono venuta qui per chiederLe se nel corano in arabo e in traduzione in tutte le lingue c’è scritto si o no che una moglie la puoi pestare se ti disobbedisce. Vorrei anche chiederle, peraltro, in cosa consisterebbe tale disobbedienza, ma temo che dato l’andazzo, anche qui Lei glisserà.
    Le ho chiesto di eva e del vicario di allah adamo a cui tutti gli angeli dovevano prostrarsi. le ho chiesto perché eva non viene adorata allo stesso modo. le ho chiesto cose precise, le ho dimostrato che conosco molto bene (e talune parti, persino a memoria) il corano e i commenti di Bausani, Pallavicini, Vacca che sono tra i più accreditati e “classici” in Italia, oltre che il movimento “femminista islamico” alla Mernissi et similia.
    Lei ha un blog, lo ha sponsorizzato in giro, nel disinteresse totale degli italioti; ha trovato una donna che ha interagito con Lei, su un passaggio preciso del corano. Ha citato esegesi e interpretazioni, supponendo che io non le conoscessi. Io le ho dimostrato, anche se non mi conosce, che me ne intendo altrettanto bene. Le ho anche chiesto cosa significa affermare, per rivelazione divina di questo vostro dio, che il ciclo mestruale è una sporcizia. Le ho citato “le maledizioni degli angeli” se la moglie, scusi il termine becero, “non la dà” quando il marito esige e non c’è l’impedimento del ciclo. Le ho citato anche brevemente qualche nota sul politeismo pre-islamico. Le ho chiesto come può una religione fondata da un maschio, con direttive misogine, e che rivela un dio di linguaggio mascolino avere la pretesa di “riferirsi e legiferare e dare diritti alle donne”. per cui, se vuole rispondere, io leggerò le sue obiezioni, integrazioni, commenti, e risponderò a mia volta, argomentando. Se preferisce glissare nuovamente e mettersi a parlare di argomenti come la musica country, Renzi, chi ha vinto al Grande Fratello, se è più buona la pizza o la lasagna e roba del genere, pur di sviare il discorso se nel corano c’è scritto si o no che la femmina è inferiore perché tale dio ha decretato così, nella sua giustizia, temo che non avrò più tempo e voglia di leggerla. A me interessa parlare con un islamico, su questo tema della sura IV. se l’islamico in questione vuole parlare di alieni, di che tempo farà domani, se è meglio il Milan o l’Inter, io non posso davvero stare qui a leggere argomenti sui quali non sono interessata.
    Del resto, dovrebbe essere contento di aver trovato pane per i suoi denti, signor Lucaa. Non credo che capiti di frequente, nell’italiota di oggi, trovare una donna che mastica così bene il corano, e a voi musulmani, dedicando tanto tempo a voi. Per cui non offendi la mia intelligenza e il mio studio coranico, ignorando le mie domande precise e piene di riferimenti precisi.

    Mi piace

    • Salve Maria, eccomi qui nuovamente a risponderLe…
      Prima di tutto devo chiederLe di permettermi di rivolgerLe una domanda anch’io e, prima di iniziare a discutere; ecco qua: per favore, potrebbe considerare almeno per il sensato “rapporto” che ci vede civilmente discutere, di smettere di pensare e di scrivere descrivendomi come “Voi”… “Voi che avete…” e di fare accostamenti tra atti di violenza (anche morale) di cui Lei ha informazione (che non contesto tra l’altro in generale) per cui dovrei costantemente difendermi come se fossi “il responsabile” di tutte le miserie umane? Potrebbe per un attimo continuare a discutere con me senza supporre il mio pensiero? (Lei continua velatamente ad inserirmi nel contesto come quella persona che supporta i bruti che disprezzano le donne, uno che incita a picchiarle e via dicendo, se legge bene cosa aggiunge tra le sue righe…)
      Potrebbe cercare di pensare che, alla luce dei lunghi scambi che intercorrono tra noi su questo sito almeno, io non mi considero superiore a Lei perché donna e non devo dover “giustificare” ogni qualvolta me lo ripete che non ho mai inteso offenderLa?
      Bene… Spero bene e tutto il bene…
      Cerchiamo di argomentare partendo da qua, grazie e, grazie per voler intendere che “dietro al PC” ed alle parole scritte c’è un essere umano, anzi due, siamo in due, con le nostre gioie ed i nostri dolori ed ovviamente insistiamo a vivere con le nostre convinzioni, consci però dell’imperfezione che regna sulla Terra quale opera umana al 100%.

      Concordato questo proviamo a discutere ma, se dovessi leggere in seguito od intuire che non intende “sottoscrivere” quanto appena scritto ed evidenziato poco sopra, non mi rimarrebbe che pensare non ci sia molto più da dire per questo argomento tra di noi.
      Dunque: se capisco bene, Lei dice che questo “nostro” dialogo è una specie di “straordinario evento” nell’italietta distratta ed ignorante; potrei anche concordare in linea di massima, mi creda, aggiungo però che questa straordinarietà è un interessante (per me lo è senza dubbio!) ed opportunità e per me e per Lei, dove porsi sullo stesso piano per argomentare è davvero un atto speciale, nonostante abbiamo idee, ideologie eccetera contrapposte. Questo è un primo grande problema che attanaglia la e le Comunità islamiche, si sappia: esse sono costantemente costrette a difendersi, ad essere in somma interrogate come imputati in Tribunale come ogni nefandezza di questa Terra provenga comunque dal Credo islamico e, di conseguenza venga alimentato da ognuno dei miliardo e sette e passa di esseri umani che stringono un Patto di Fede.
      Si deve sapere e cerchi di capire bene che il Credo (l’Islam) è una cosa, i fedeli e cioè gli esseri umani (Umma) sono un altra e separata cosa in linea di principio; dico questo perché le “responsabilità” sono sempre umane (la Sura di apertura del mio sito/blog non l’ho ripetuta ed apposta “per caso”) dove la perfezione è e rimane divina.

      Significa che “comunque” ogni atto in Terra è responsabilità di chi lo compie, dove la Religione dell’Uomo (essere umano) viene in soccorso e cioè “dopo”, sebbene “prima e dopo” non sono quei termini di tempo che il fare prammatico dello studio umano intende, in quanto nella Fede, ci sono concetti quali “Infinito” eccetera che hanno speciali descrizioni che si possono rilevare studiano teologia e materie filosofiche sui generiis.
      Lei parla con una certa stizza (nei miei confronti almeno…) di esegesi fatta, di letture approfondite eccetera: mica voglio negare Lei abbia tutte queste competenze sa? Purtroppo mi pare di capire Lei insista a ricercare una sorta di responsabilità nell’Islam e nelle Fedi abramitiche ma… pure alla scienza umana che vede (lo scrivo come paradigma) l’Uomo come maschio anche per intendere l’essere umano, l’Uomo appunto e non “la Donna”, unico imputato di vessazioni e danni verso le femmine, barbarie queste hanno subìto e subiscono ancora.
      Senza divagare, ritornando sulla “questione religiosa”, se Lei non accetta il dogma, potremmo finire qua: provi per esempio a bussare a tutte le Chiese di Roma, quelle Cattoliche certamente e, voler discutere con il prete di voler come donna sapere perché non può Lei celebrare la Messa, nonostante abbia compiuto studi eccetera: se troverà qualcuno che avrà la pazienza di ragionare, comunque alla fine Lei NON celebrerà mai la Messa. Punto.
      Questa è un accettazione che bisogna fare, un atto di Fede per partecipare -in questo esempio alla Comunità Cattolica- attivamente nella Parrocchia eccetera.
      In somma, le Religioni presuppongono certi atti è quasi ovvio: l’Islam essendo un “evoluzione” di Ebraismo e Cristianesimo ne incorpora anch’esso (oppure essa se diciamo in italiano “la Religione islamica” :)) e, per approfondire che cosa è esegesi alla quale mi permetta non si “accede” leggendo 1000 testi e dopo una dimostrazione di avere radicato il pensiero Occidentale come l’unico determinante all’analisi, consiglio vivamente di ascoltare la domenica mattina su RAI 3 (radio) un ottimo programma di teologia Ebraica e Cristiana con qualche “assaggio” di Islam di tanto in tanto.
      Io, qua, potrei anche provare a farla insieme a Lei e specificatamente per la IV Sura che le interessa così tanto ma, questo -come ho già scritto- provocherebbe “distrazione” alle mie intenzioni che sono le più variegate e non focalizzate nell’aspetto della “donna e Islam” solamente, sebbene Le dico che più dettagliatamente ho scritto al riguardo nel saggio che sto promuovendo e, finché non verrà pubblicato (mi aiuti!) devo rispondere anche ad altri temi.
      Invitandola a criticare anche su altri temi, comunque cercherò di scrivere di più a risposta dell’altra sua domanda, poco sotto o poco sopra…
      A presto.

      ***
      Traduzione in inglese automatizzata da Google (Nota: essendo una scrittura piuttosto lunga e, caratterizzata da un tema già disponibile in altre domande-risposte, a causa di tempo la traduzione non verrà controllata da umana pazienza, pertanto è possibile sia a tratti poco comprensibile eccetera: la tecnologia per ora è questa). / Automated English Translation by Google (Note: Being a long writing and featuring a topic already available in other questions-answers, due to time, the translation will not be controlled by human patience, so it is possible at times to be unobvious and so on : technology for now is this).

      Q.: Mr. Lucaa, I still see a long inconclusive answer. The question is very simple, it is already the third or fourth time I repeat it: in the Qur’an (“sacred and immutable word and god truth etc. etc ..” it is written whether or not that men are responsible for women And can you beat a woman?
      Yes or no? Answer clearly with one yes or with no.
      Now do not cite, to mock the speech, some cute sura. I asked him precise questions, with precise references, does not make the smoky talk, full of references to things that have nothing to do (gay adoptions) with my request. I came here to ask you if in Arabic and translation in all languages ​​there is written whether or not a wife can beat her if she disobeyed you. I would also like to ask you, however, what such disobedience would consist of, but I’m afraid that given the shit, here too you will glow.
      I asked her for eva and vicar of Allaah to whom all angels had to bow. I asked her why she is not worshiped the same way. I asked her for precise things, I showed her that I know very well (and some parts, even by heart) the choir and the comments of Bausani, Pallavicini, Vacca who are among the most accredited and “classical” in Italy, as well as the ” Islamic feminist “at Mernissi et al.
      You have a blog, sponsored it around, in the total disinterest of the italics; She found a woman who interacted with her on a precise passage of the coral. He cited exegesis and interpretation, assuming I did not know them. I have shown them, even if they do not know me, that I mean just as well. I also asked you what it is to say, divine revelation of your god, that the menstrual cycle is a dirt. I quoted it as “angel curses” if the wife, apologize for the nickname, “does not give it” when her husband demands and there is no impediment to the cycle. I have also briefly mentioned some notes on pre-Islamic polytheism. I asked her how a religion founded by a male with misogical directives, and reveals a god of masculine language to have the claim to “refer to and legislate and give women rights.” So if he wants to answer, I will read his objections, integrations, comments, and I will answer, arguing. If you prefer to glimpse again and talk about arguments like country music, Renzi, who won the Big Brother, if it is better pizza or lasagna and stuff like that, Whether or not the female is inferior because that god has decreed so, in his justice, I fear that I will not have time and desire to read it. I am interested in talking to an Islamist on this subject of Sura IV. If the Islamic in question wants to talk about aliens, what time will it be tomorrow, if it is better for Milan or Inter, I can not really stand here to read arguments that I’m not interested in.
      Besides, she should be glad to have found bread for her teeth, Mr. Lucaa. I do not think that you often find in today’s palace to find a woman who mastresses so well the Koran, and to you Muslims, dedicating so much time to you. So do not hurt my intelligence and my coranic study, ignoring my precise questions and full of precise references.
      A.: Hello Mary, here I am here to answer you again …
      First of all, I have to ask you to let me ask you a question and before you start discussing; Here you can: please consider at least the meaningful “relationship” that sees us civilly discussing, stop thinking and writing describing me as “you” … “You who have …” and to do The links between acts of violence (even morality) that you have information (which I do not context, among other things in general) why should I constantly defend myself as if I were “the leader” of all human miseries? Could it be for a moment to continue to argue with me without assuming my thoughts? (She continues to fit me in the context as well as the person who supports the bad guys who despise the women, one who urges them to beat them and so on, if she reads what she adds among her lines …)
      Could you try to think that in the light of the long trade between us on this site at least I do not consider you superior to her as a woman and I do not have to “justify” every time she repeats that I never intended to offend you? Strong> Well … I’m hoping and all the good …
      Let us argue from here, thank you and thank you for wanting to understand that “behind the PC” and the written words there is a human being, in fact two, we are in two, with our joys and our pains and of course we insist on Live with our convictions, however aware of the imperfection that reigns on Earth as a 100% human work.

      Agreed we try to argue, but if I read later or to guess that you do not intend to “subscribe” as just written and highlighted above, I would not think that there is much more to say about this topic among us.
      So, if I understand you, you say that this “our” dialogue is a kind of “extraordinary event” in the distracted and ignorant tradition; I might also agree in principle, believe me, but I add that this extraordinaryness is an interesting (for me it is no doubt!) And opportunity and for me and for you, where to stand on the same floor to argue is really a special act, Even though we have ideas, ideologies, and so on. This is a first major problem that attracts both the Islamic communities and the Islamic communities. They are constantly constrained to defend themselves, to be summoned as questioned in the Tribunal as any disadvantage of this land comes from the Islamic Creed, and consequently fueled From each of the billions and seven and passes of human beings that make a Pact of Faith.
      One must know and try to understand correctly that the Faith (Islam) is one thing; the faithful, that is, human beings (Umma) are another and separate thing in principle; I say this because the “responsibilities” are always human (the opening Sura of my site / blogs I did not repeat it and apposed “by chance”) where perfection is and remains divine.

      It means that “anyway” every act on Earth is the responsibility of the one who does it, where the Religion of Man (human being) comes to the rescue, that is, “after”, though “before and after” are not those terms of time Pragmatic of the human study, as in the Faith, there are concepts such as “Infinite”, and so on that they have special descriptions that can be found studying theology and philosophical subjects on generiis.
      She speaks with a certain statement (to me at least …) of exegesis made, in-depth readings and so on: why do I deny you have all these skills know? Unfortunately, it seems to me you understand that you insist on seeking a sort of responsibility in Islam and Abramitic Faiths … but also in human science that I see (I write it as a paradigm) man as a male also to mean human being ‘Man just and not’ the Woman, ‘of harassment and harm the females have suffered and are still suffering.
      Without wandering, returning to the “religious question,” if you do not accept dogma, we might end here: try, for example, knocking on all the Churches of Rome, the Catholic ones, and, of course, wanting to discuss with the priest wanting to know why he can not You celebrate the Mass despite having completed studies and so on: if you will find someone who will have the patience to reason, nevertheless in the end you will never celebrate the Mass. Point.
      This is an acceptance that must be done, an act of Faith to participate – in this example to the Catholic community – actively in the parish and so on.
      In sum, religions presuppose certain acts is almost obvious: Islam being an “evolution” of Judaism and Christianity also incorporates she (if we say in Italian “Islamic Religion”) and, to find out what is exegesis Which allows me to “not access” by reading 1000 texts “and after a demonstration of having rooted Western thought as the only determinant of the analysis, I strongly recommend listening to Sunday morning on RAI 3 (radio) one or An excellent program of Jewish and Christian theology with some “tasting” of Islam from time to time.
      Here, I could also try to make it together with you and specifically for the Fourth Sura that interests you so much, but, as I have already written, it would cause “distraction” to my intentions that are the most varied and not focused in appearance of “woman and Islam” only, although I tell you that in more detail I wrote about it in the essay I’m promoting and, until it’s published (help me!), I have to answer other issues as well.
      Inviting you to criticize other issues, anyway, I will try to write more in response to your other question, little or little below.
      See you soon.

      Mi piace

      • Vedo ora questo Suo messaggio precedente (……………………….)
        Moderato -come sopra- dall’Autore del Blog/sito)

        Mi piace

      • ..ecco vede, cara Maria?! (!)
        Come volevasi dimostrare: Lei in questo momento è molto stizzosa (se si dice così) e specie nei miei confronti anche se non personalmente e va bene; intendo dire che sembra abbia ora trovato uno per cui “scaricare” tutte le sue frustrazioni e, appunto quel “ora ho letto…” è chiaro. “Lei parte in quarta…” (Come si dice).
        Quindi di nuovo Le dico che ho moderato il lungo testo perché è “lo stesso” come sempre. (Purtroppo il mezzo è questo, mi spiace… la composizione…l’inglese…)
        Il Testo Coranico fatta esegesi (e Lei non è in questo momento in grado, mi lasci dire…) NON prevede violenza giustificata verso le donne perché donne.
        C’è tutto un discorso di cultura, tradizione, costume eccetera sottaciuto se non si entra nei particolari. Questo ovviamente e purtroppo non significa che nessuno picchia le donne… lo sappiamo, no? Le ripeto: Lei pensa che tra il miliardo e seicentomilioni e passa e cioè nella parte femminile ipotizzando un po di più della metà, ci siano schiave? Oddio, se Lei fa una battaglia per azioni specifiche eccetera: ci sto, ci può anche stare ma, così come ora Lei si propone non va bene, è inconcludente per principio. Io sarò qui a darLe ascolto sempre -almeno l’intenzione è questa- ma, bisogna a questo punto “semplificare”; analizzare con calma. Mi rendo conto che non potendo leggere il mio saggio Le manchino molti appigli di ragionamento ma… che devo dire? Speriamo bene. Se ha “casi specifici” li segnali: se posso darei una mano volentieri.
        (Umanamente parlando, ovvio, no?) Grazie…

        ***
        Traduzione automatica con Google / Automated Google’s translation

        Q.: I now see your previous message (……………………….)
        Moderate – as above – from Blog author / site)
        A.: Here you go, dear Maria ?! (!)
        LIke I told before, to prove: At this moment it is very strenuous (if you say so) and kind of to me even if not personally and okay; I mean, it seems to have now found one to “download” all of its frustrations, and precisely that “now I read …” is clear. “You’re in fourth …” (As it is said in automotive language).
        So again I tell you that I moderated the long text because it is “the same” as ever. (Unfortunately the medium is this, I’m sorry … the composition … the English …)
        The Coranic text made exegesis (and you are not at this moment able, let me say …) DO NOT foresee violent justification for women because women.
        There’s all a talk about culture, tradition, costume, and so on, unless you get into details. This obviously and unfortunately does not mean that nobody knocks women … we know it, do not we? I repeat: Do you think that between the Billion and the Sixty Million and that is, in the female part, hypothesizing a little more than half, are there all slaves? I pray, if you do a battle for specific actions, and so on: there you are, there may also be, but as you now propose is not good, it is inconclusive at first. I will be here to listen to you always-but the intention is this-but, at this point, “simplify”; Analyze calmly. I realize that by not being able to read my essay you miss many arguments but … what do I have to say? We hope well. If he has “specific cases” signals them: if I could give a hand willingly.
        (As human being speaking, of course, no?) Thank you …

        Mi piace

  7. “battere una donna” potremmo anche riprendere oggi nella nostra epoca come “riprendere una donna”. Con questa scappatoia allora ci si può scatenarsi in gare di interpretazioni fantasy (che peraltro insulterebbero il suo dio, perché lui ha rivelato ben diversamente…), giungendo pure a riconoscere che in realtà quel “battere la moglie” si riferisce a “battere la moglie nel gioco degli scacchi o ad una partita a tetris”, secondo questa interpretazione:
    http://www.treccani.it/vocabolario/battere/

    “Sconfiggere: gli Austriaci furono battuti a Goito; e più efficacemente, b. in breccia (propr., centrare il fuoco in una breccia). Con sign. attenuato, vincere, superare nel gioco, in una gara, in una competizione sportiva: b. un concorrente, un avversario; l’ho battuto a briscola; nelle corse su pista li batte tutti; l’Inter ha battuto la squadra avversaria per due a zero; in geografia nessuno della mia classe mi batte; i prezzi della nostra ditta battono ogni concorrenza; b. un primato (più corretto conquistare).”

    Suvvia, signor Lucaa, non si burli così di me, ma neppure dei commentatori (italiani o arabofoni) che hanno commentato quelle chiarissime paroline della sura IV. è chiarissimo, il corano, lo sappiamo entrambi. Anche se mi pare di capire che Lei, rispetto a me, ha timore di dire le cose come stanno.

    Non vorrei avere l’ardire di giudicarLa, ma è davvero convinto che avere scritto: “battere una donna” potremmo anche riprendere oggi nella nostra epoca come “riprendere una donna”, renda il suo dio soddisfatto del suo comportamento, signor Lucaa? Credo che il suo dio intenda tutt’altro, col verbo “battere” ( وَاضْرِبُوهُنَّ) e non certamente “battere la moglie ad una partita a tetris”.

    Divertente paradosso: sembra che una kafir sia più capace di dire le cose come stanno, sulla volontà e “decreto immutabile” di tale dio, che non i suoi seguaci odierni che paiono imbarazzati a commentare quel وَاضْرِبُوهُنَّ

    Mi piace

    • Eccomi qua, dunque…
      Non si sforzi di insultare la sua intelligenza, mi lasci francamente dire: Lei mostra apertamente di avere un interesse verso l’esegesi (assolutamente -lo ricordiamo- necessaria per “tradurre” i Testi Sacri) e poi però… “casca”… con termini quali “gare fantasy” eccetera? Non sono i termini ma, essi dimostrano in questo caso che quanto non intende voler comprendere, non è un suo problema mentre lo è il Testo stesso o chi lo vuole portare in un “altra luce” per cui risulti comprensibile od almeno degno di una discussione più approfondita.
      Questi sono inequivocabili segni di stizza che comprendo, mi creda: lo dimostra ancora ripetendo (troppo) spesso… “donna e kafir”… “burla(ta)”… eccetera.
      Detto questo, proviamo a fare qualche cenno “nuovo”, perché l’esegesi, l’escatologia e l’ermeneutica sono materie di studio che si EVOLVONO costantemente, mai “fisse”, ancorate; interessano tra le altre cose anche il tempo, l’epoca in cui viviamo, le società, scienze che potremmo definire semplificando “antropologia”. Occidentale.
      Sì, ribadisco “Occidentale”, dove il suo rimando a “Treccani.it” è…
      L’Islam è una Religione che ha tratti evidenti “non Occidentali” e, in questo caso mi riferisco soprattutto alle logiche di pensiero, alla non radice greca filosofia nella quale l’Occidente in vece si fonda più o meno. Alle volte, discorrendo con Lei, e per uscire un attimo dalla Religione, mi vien in mente un libro molto interessante del “Castaneda”, quelle “lezioni dallo stregone” e precisamente dove, in un passaggio, c’è l’insistente personaggio “quasi Occidentale” che vuol capire (ma non capisce e forse non capirà mai in fondo) quale è il “posto giusto” per sedersi ed ascoltare e, si dimena, insiste, domanda ma non riceve risposta; non vede assolutamente nessun appiglio, ragione prammatica o meno per il quale debba essere ricercato quel benedetto o maledetto “posto giusto”. Solo al suo risveglio, dopo un attesa lunghissima che lo vede crollare dalla stanchezza e dal sonno, “capirà” che dove si era addormentato era… “il posto giusto”. Ora, non mi giudichi male per questo (quasi) assurdo accostamento ma, era e rimane “un idea”, mi segue?
      L’Islam NON prevede clero e questo Lei lo sa: significa che nessuno ma proprio nessuno in Terra, chiamiamolo Imam, grande Imam, o come vuole, scrittore di 10 o 1000 od un milione di Libri avrà un valore superiore dell’ultimo “senzatetto” che si china davanti alla Volontà di Allah. No Papi, Re eccetera sono previsti.
      L’Islam pertanto vive e si rigenera nelle epoche, negli Uomini e Donne che vivono la vita nell’epoca che essi la vivono: significa che se “ieri” erano le carrozze oggi sono i treni monorotaia eccetera.
      L’esegesi deve prevedere questo. Tutto questo: anche le parole delle scritture umane possono cambiare e, devono cambiare anche nel significato.
      Rimangono gli sbagli, gli errori umani, laddove nessun atto deve o meglio dire dovrebbe (il peccato esiste anche e soprattutto per il Fedele!) andare in contrasto con La Legge di Dio. Personalmente nei miei 50 e più anni di vita non ho mai toccato una donna per farle volontariamente male. Questo -se inizia a comprendere quanto ho scritto anche in precedenza- “basterebbe” e “basta” per scansare l’Islam da ogni assurda accusa.
      Certamente conosco centinaia e forse migliaia di uomini maschi che si sono comportati come me e, immagino anche “meglio di me”. Capisce? Lei però come “l’apprendista del racconto” vuole sapere di più, giusto?
      Ebbene, che cosa è che vuol sapere? Se c’è una scrittura coranica precisa che preveda “punizioni corporali alle donne” e solo alle donne? Lo vorrebbe sapere da me? Devo rispondere per quanto ho vissuto fino ad ora? “Le accuse” che Lei porta a discussione io non le rigetto ma, vorrei contestualizzarle e con fare esegetico (per me, anche “il Pallavicini”… “Il Bausani” -con rispetto e senza offesa- sono uguali a me e, se non dialogano con me pur sapendo io esista -il mio sito almeno, il mio saggio- sono in questo contesto anche meno informati di me oppure arroccati in un impresa (di vita) a tratti sbagliata e lo scrivo apertamente QUI -clik per accedere-) e con i fatti concreti, nomi e cognomi e date eccetera in cui sono accaduti i fatti.
      Potremmo anche proseguire aggiungendo di che cosa Lei intenda per “avallare vessazioni sulla donna e la condizione femminile”, laddove non sarà difficile -purtroppo- trovare responsabili in ogni società anche cosiddetta “civile”, pensiamo al “femminicidio” che piega “l’Italia di Renzi&Berlusconi” per esempio: con questo fare dovremmo negare di principio ogni tipo di società, senza esclusione alcuna. L’Islam di più? Quell’Islam che per un altro esempio “permette” in Iran un Parlamento composto da molte più donne di quello che l’Italia prevede e conta? Dovremmo forse non segnalare la condizione femminile dei milioni di madri, sorelle e figlie mussulmane che oggi sono costrette loro malgrado sotto le “bombe militari del tutto maschili”? Non è questo un quadro di “demagogia”, mi creda, sono condizioni umane che esistono “nonostante” le Religioni. Non ci sono nemmeno “soluzioni” immediate ma forse e probabilmente ci sono delle priorità. Io la individuo nella redistribuzione del reddito, nella equità sociale che è un “pilastro” (segno questo termine di proposito)islamico piuttosto sottaciuto per vari interessi.
      Io penso (c’è scritto nel mio saggio…) che le società islamiche abbiano delle grandi responsabilità per questi atteggiamenti; non maggiori di altre società e tutte le società anche laiche, ammesso esistano davvero. (Ho vissuto nel Comunismo ed anche in quel contesto, in cui Dio “non esisteva”, la donna……)
      Dove vogliamo parare? La “questione donna” è una lunga questione che si evolve; si evolverà pure nell’Islam, laddove “costumi e tradizioni” dovranno (Se Dio Vòle, mi permetta) certamente cambiare. Se mi leggerà avanti, se diffonderà le mie parole e soprattutto il mio saggio in cui ci sono paragrafi dedicati alla “Musica”, “abbigliamento”, “alimentazione” eccetera anche Lei contribuirà a questo cambiamento ma, non si aspetti “premi” in quanto donna e, da nessuno. Grazie ancora, mi raccomando… (il “nostro accordo”, senza scordarsi mai che Le voglio bene perché Lei è comunque mia sorella in questo mondo difficile come lo è sempre stato e lo sarà sempre per chi vive e si interroga. Dio è anche quella risposta che ora Lei non vuol accettare ma un giorno è molto possibile vorrà cercare, me lo lasci dire questo Maria :-))
      Lucaa

      ***
      Traduzione in inglese automatizzata da Google (Nota: essendo una scrittura piuttosto lunga e, caratterizzata da un tema già disponibile in altre domande-risposte, a causa di tempo la traduzione non verrà controllata da umana pazienza, pertanto è possibile sia a tratti poco comprensibile eccetera: la tecnologia per ora è questa). / Automated English Translation by Google (Note: Being a long writing and featuring a topic already available in other questions-answers, due to time, the translation will not be controlled by human patience, so it is possible at times to be unobvious and so on : technology for now is this).

      Q.: “Beat a woman” could also be resumed today in our time as “resuming a woman”. With this loophole, then, you can jump into fantasy interpretations (which would otherwise eradicate his god, because he revealed very differently …), even recognizing that in fact that “beat his wife” refers to “beat his wife In the game of chess or in a game of tetris, “according to this interpretation:
      http://www.treccani.it/vocabolario/battere/

      “Defeat: the Austrians were beaten to Goito; And more effectively, b. Breaching (probe, focusing the fire in a breach). With sign. Attenuated, winning, overcoming in the game, in a race, in a sports competition: b. A competitor, an opponent; I beat her up; In the races on the track they beat them all; Inter beat the opposing team for two to zero; In geography none of my class beat me; The prices of our company beat every competition; B. A primacy (more correct to conquer). ”

      Now, Mr. Luca, do not be so foolish to me, but not even commentators (Italians or arabophones) who commented on those very clear words of Sura IV. It is very clear, the Koran, we both know. Although it seems to me that you, with respect to me, are afraid to say things like they are.

      I do not want to have the courage to judge you, but you are really convinced that writing “beat a woman” could we resume today in our era as “resuming a woman”, makes her god satisfied with her behavior, Mr. Lucaa? I believe his god does not mean anything else, with the verb “beat” (واضربوهن) and certainly not “beat his wife at a tetris game”.

      Funny Paradox: It seems that a kafir is more capable of saying things as they are, of the will and “immutable decree” of that god, than his present followers who seem embarrassed to comment on that واضربوهن
      A.: Here I am, so …
      Do not insult your intelligence, let me say frankly: You openly show an interest in exegesis (absolutely – we remember – necessary to “translate” the Sacred Texts) and then … “you fall” … with Terms such as “fantasy races” and so on? They are not the terms but, in this case, they demonstrate that what you do not want to understand is not its problem as it is the Text itself or who wants to bring it to “another light” for which it is understandable or at least worthy of a discussion more detailed.
      These are unmistakable signs of understanding I understand, believe me: it is still showing (often too often) “woman and kafir” … “burla (ta)” … and so on.
      That being said, let’s try to make a “new” nod, because exegesis, eschatology and hermeneutics are subjects of study that EVOLVE constantly, never “fixed”, anchored; They also affect the time, the age in which we live, the societies, the sciences we can define by simplifying “anthropology” among other things. Western.
      Yes, I repeat “Western”, where her referring to “Treccani.it” is … Islam is a Religion that has obvious “non-Western” traits, and in this case I refer mainly to thinking logic, Strong> no Greek root of philosophy from which the West itself is based more or less. Sometimes, talking to you, and for a moment to come out of Religion, I remember a very interesting book of “Castaneda”, those “lessons from the sorcerer” and exactly where, in a passage, there is the insistent character ” Almost Western “who wants to understand (but he does not understand and maybe he will not understand at the bottom) what is the” right post “to sit down and listen and dim, insist, ask but receive no answer; He sees absolutely no point, pragmatic reason or not, about what the blessed or damned “just place” should be. Only after his awakening, after a long wait waiting for him to fall from fatigue and sleep, “he will understand” where he had fallen asleep … “the right place.” Now, do not judge me bad about this (almost) absurd approach but, was it and remains “an idea,” follows me?
      Islam does not foresee clergy and this you know: it means that no one but just anyone in the earth, imam imam, great imam, or as you want, a writer of 10 or 1000 or a million books will have a higher value than the last homeless “Who is bowed down to the Will of Allah. No Papi, King, and so on.
      Islam therefore lives and regenerates in the ages, in the men and women who live their lives in the time they live: it means that if “yesterday” were the carriages today are monorail trains etc.
      Exegesis must foresee this. All this: even the words of human scriptures can change, and they must also change in meaning.
      There are mistakes, human mistakes, where no act must or should say (sin exists, especially for the Faithful!) Go against the Law of God. Personally, in my 50 years of life I never touched a woman to volunteer them badly. This – he begins to understand what I have already written – “enough” and “enough” to get rid of Islam from every absurd accusation.
      Of course I know hundreds and maybe thousands of male men who have behaved like myself and, I also think, “better than me.” Do you understand?
      But you like “the apprentice of the story” wants to know more, right?
      Well, what is it you want to know? If there is a strict Qur’anic writing that includes “corporal punishment for women” and only for women?
      Would you like to know from me? Do I have to answer as far as I have lived so far? “The accusations” you bring to my discussion I do not reject them but, I would like to contextualize them and make esegetic (for me, even “Pallavicini” … “The Bausani” – with respect and without offense – are the same to me and, If they do not talk to me, even though I know that I exist – my site at least – I’m even less aware of this in this context, or I’m caught up in a company at times wrong and writing it openly HERE -click to access- ) and with the concrete facts, names and surnames, dates etc where the facts have occurred.
      We could also go on adding what you mean to “endorse harassment on women and the status of women”, where it will not be difficult to find responsible in any so-called “civil” society, think of the “feminicide” that bites “Italy Of Renzi & Berlusconi “for example: by doing so we should deny in principle every type of society, without any exclusion. Most Islam? That Islam who for another example “allows” in Iran a parliament made up of many more women than what Italy expects and counts? Should we perhaps not point out the feminine condition of the millions of Muslim mothers, sisters and daughters who today are forced into them under the “completely male military bombs”? This is not a picture of “demagogy”, believe me, are human conditions that exist “despite” the Religions. There are not even “immediate” solutions but perhaps and probably there are priorities. I the individual in the redistribution of income, in social equity, which is a “pillar” (sign this term of intent) Islamic rather overwhelmed for various interests.
      I think (there is written in my essay …) that Islamic societies have great responsibilities for these attitudes; Not bigger than other companies and all the lay societies, admittedly exist really. (I lived in Communism and also in that context where God “did not exist”, the woman ……)
      Where do we want to parry? The “woman question” is a long-standing issue that evolves; It will also evolve in Islam, where “customs and traditions” will have to (If God Volo, allow me) will certainly change. If he will read me, if he will spread my words, and especially my essay where there are paragraphs dedicated to “music”, “clothing”, “food”, and so on, you will contribute to this change but do not expect “prizes” Woman and no one. Thank you again, I commend you … (our “agreement” without ever forgetting that I love you because you are my sister in this difficult world as it has always been and will always be for those who live and wonder. Even that answer that you do not want to accept but one day it is very possible you will want to look, let me tell you this Maria :-))
      Lucaa

      Mi piace

  8. Mi spiace deluderla, ma io non cerco alcun dio, perché semplicemente ho già una religione che adora Dee, (……….)
    Dal punto di vista femminista radicale, tutte le religioni create da voi maschi si ridimensionano ai minimi termini, e senza molta fatica.

    Buona giornata.
    (Lettera mod. dall’Autore del blog/sito)

    Mi piace

    • ..salve Maria.
      Come Le avevo gentilmente scritto in precedenza, mi vedo costretto a “tagliare” la sua lunga lettera perché ripresenta sempre le stesse perplessità eccetera nonostante Le avevo chiesto di ragionare “oltre” e di “aderire” e concordare un patto tra noi, uno molto civile tra l’altro. I toni che ripresenta però (è un suo diritto ma…) e, le “richieste”, sono sempre gli stessi e le stesse. (Non ho cestinato, mi creda, solo che non reputo più interessante riproporre la stessa questione, per altro nemmeno leggermente differenziata in questa parte del blog; io tuttavia la conservo e, ovviamente, l’ho letta).
      Le sue convinzioni sono chiarissime: nessuno le vuole forzatamente rimuovere per quel che mi riguarda: “la sua società ideale” e/o “idealizzata” semplicemente non esiste ma non nei termini e nei termini di privacy che ognuno sostiene all’interno della sua casa, per dire, non esiste nel principio, come se un mondo femminile e fatto da dee sia di principio migliore e perfettamente migliore. “Il mondo è nato così”: miglioriamolo se vuole ma, non mi indichi ancora ed insistentemente come l’uomo maschio islamico che dovrebbe pagare tutti i mali del mondo maschile. Io penso che anche se Le dicessi non sono religioso, solo perché maschio (nato maschio… che devo fare?!) per Lei sarei un responsabile. Davvero.
      Le ripeto: Lei ora ed in questo momento finché non troverà un poca di “pace” non è in grado di fare esegesi, potesse anche leggere 1000 libri od un milione. Non s’offenda: accade e, accade a molti… anche maschi. (Accade anche a me). Se troverà un poca di pazienza rilegga quanto Le ho scritto in precedenza: ci son passaggi molto interessanti e specie nell’articolo originale cha ha dato via a questa discussione per capire o, iniziare a capire, capirci. Finisco: NO! Non ho mai fatto violenza contro le donne: non ho conosciuto persone l’abbiano fatta ma, non escludo perché mi documento ci siano moltissimi e sempre troppi casi. In ogni ambito, in ogni società, laica, comunista oppure Religiosa avvengono queste brutte cose. E NO ancora: l’Islam di principio non incita la violenza ma la prevede: verso i maschi e femmine in quanto esseri umani. Le mogli degli islamici hanno gli stessi problemi di quelle dei Cristiani e così via. La Umma, la Comunità islamica ha delle responsabilità, anche grandi. Dovremmo -con l’aiuto di Dio- superarle. Se Lei darà una mano sarà la benvenuta, se no… tante buone cose.
      Ora ragioni e non se ne vada; sarebbe una prova molto intelligente e Le farebbe onore. Grazie.

      ***
      Traduzione con Google automatica / Automated Google’s translation.

      Q.: I’m sorry to disappoint you, but I do not seek any god because I just already have a religion worshiping Dee, (……….)
      From a radically feminist point of view, all the creations created by you guys are resized to the lowest terms, and without much effort.
      Good day.
      (Modes letter from blog / site author)
      A.: Maria.
      As I kindly wrote before, I see myself forced to “cut” your very long letter, because you always recurs to the same perplexity, even though I asked you to reason “beyond”. And to “adhere” and agree a pact between us, one very civil by the way. The tones that re-emerge (however, its your own right) and “requests” are always the same. (I did not bother, believe me, just that I did not think it was more interesting to repeat the same question, even slightly different in this part of the blog. I still keep it and, I read it).
      Your beliefs are clear: nobody wants to forcibly remove it for me: “Your ideal society” and / or “idealized” simply does not exist but not in the terms and privacy terms that each person maintains within his home, to say, does not exist in the beginning, as if a female world and made of goddesses is in principle better and perfectly better. “The world is born like this”: let’s do it better if you want, but do not point me as insignificantly as the Islamic male man who would pay for all the evils of the male world. I think even if I tell you I’m not religious, just because male (born male … what do I have to do?!) for you I would be responsible. Really.
      I repeat: You now and at this moment until you not find a little “peace” is not able to do exegesis, you could even read 1000 books or a million. It does not bother you: it happens and happens to many … even males. It also happens to me. If you find a little patience, read what I wrote earlier: there are very interesting passages to understand or, to begin to understand, understand. I finish: NO! I never did violence against women: I did not know people have done it but I do not rule out because I document myself there are many and always too many cases. In every places, in every society, lay, communist or religious. NO again: Islam in principle does not incite violence but predicts it: towards males and females as human beings. The wives of the Islamic people have the same problems as those of Christians and so on. The Umma, the Islamic community has great responsibilities too. We should – with God’s help – to overcome them. If you give it a hand will be welcome, if not … so many good things.
      Now, do not leave; It would be a very smart test and would honor you. Thank you.

      Mi piace

  9. scusi, ma che senso ha censurare o omettere il lungo ragionamento che ho fatto, sul perché in generale le religioni androcentriche non vanno bene per le donne?
    complimenti per la capacità argomentativa. Basta tirare fuori due concettini di analisi femminista radicale, a questo o quel dio, ed ecco che tutto viene censurato, dai maschi vassalli di tale dio.
    Va bene signor Lucaa, censuri pure quello che vuole. Me ne vado via direttamente, senza più infastidirla. Lei può anche cancellare e censurare (di modo che chi vedrà i messaggi neanche capirà al 100% la mia critica, visto che lei l’ha censurata e ha lasciato 4 misere frasi), sta di fatto che Lei difficilmente potrà dimenticare che una donna le ha tenuto testa, parlando di islam ed è stata anche capace di mostrarle come una donna può distruggere tutti i postulati maschili, semplicemente facendo notare che lei è donna, e non deve dipendere da idee maschili, quali che siano. Mi consolo almeno di questo.

    Buona giornata.

    Mi piace

    • Salve ancora e, mi scusi ancora:
      Lei non vuol leggere, non mi sta a sentire; NON HO CENSURATO NULLA LEGGA BENE! Lei non mi ha mai infastidito: MAI fastidio lo ho scritto più volte anche IN OGNI POST! (Che legge alla svelta per dire…) Lei però NON VUOLE ragionare e ripropone sempre la stessa cosa.
      Lei insiste a trovare in me “il responsabile” delle nefandezze umane e maschili. Islamico, tra l’altro.
      Ad onor di cronaca, ci sono tutte le lunghe sue lettere ed anche tradotte in inglese! Le ultime 2 SEBBENE LE TENGO PER ME sono la ripetizione delle altre: le sue perplessità son chiare deve saperlo! Ma… vuole che dica a forza qualche cosa? Vuole che abiuri le Religioni e bestemmi in nome della donna? Vuole questo da me? Siamo seri: discutiamo ma deve anche comprendere che NON può avere tutte le ragioni di questo mondo. Vuole essere il simbolo dell’emancipazione femminile che odia (lo dice spesso sa!) il genere maschile? E dai… legga bene e ritorni: è sempre la benvenuta.

      ***
      Traduzione con Google / Google translation
      Q.: I apologize, but what is the meaning of censoring or omitting the long reason I have done, why in general androcentric religions are not good for women?
      Congratulations for the argumentative capacity. Just pull out two concepts of radical feminist analysis, to this or that god, and here everything is censored by the vassal males of that god.
      It’s okay Mr. Lucaa, censoring what he wants. I go away directly, without bothering me anymore. You can also delete and censor (so that those who will see the messages will not even understand my criticism 100%, as she has censured it and has left 4 misleading phrases) is in fact that you will hardly forget that a woman He held his head talking about Islam and was also able to show her how a woman can destroy all male postulates simply by pointing out that she is a woman and that she should not depend on male ideas, whatever they are. Always console me at least.
      Good day.
      A.: Hi still and, again, I’m sorry,
      Yu don’t want to read, you don’t want hear me, I DO NOT CANCEL ANY COMMENT! You never bothered me: I did not bother I wrote it several times even at every post! (You read quickly to say …) But you DO NOT WANT to reason and always repeat the same thing.
      You insist on finding in me the “responsible” of human and masculine ills. Islamic, among other things.
      To chronicle, there are all your long letters and also translated into English! The last 2 even that I HAVE FOR ME are the repetition of the others: your perplexities are clear you must know! But … you want me to say something to you? Do you want me to abandon the Religion(s) and blame me on behalf of the woman? Do you want this from me? We must be serious: we discuss but must also understand that you can not have all the reasons for this world. Do you want to be the symbol of female emancipation that hates (you say it often, do you knows?!) male gender? And from … Please, read well and come back: you are always welcome.

      Mi piace

  10. e inoltre non mi ero affatto ripetuta, perché avevo citato anche maria, il discorso della gravidanza “per volontà di dio”, che poi ho collegato anche alla cultura classica politeistica alla zeus e le mille altre cose che le ho scritto, avendoci messo più di un’ora di pomeriggio per scriverlo. Va bene, ma censuri quello che vuole. Fossi in Lei, censurerei la pagina del corano, passandoci sopra lo sbianchetto (http://www.matitaemouse.it/prodotti/upload/it_33647_1_std.jpg) su quelle frasi coraniche che incitano a pestare le donne disobbedienti, che sono VERGOGNOSE E INFAMI e come tali le denuncio. Ma mi rendo conto che è più facile (e piacevole) censurare una femminista radicale che non dipende da profeti e Dei maschili, che non quelle frasette coraniche a cui Lei pretende di far dire che “le donne non si pestano” quando il verbo usato (وَاضْرِبُوهُنَّ) è CHIARISSIMO. Lo sa Lei, lo so io, lo sapeva maometto, lo sapeva al ghazali, ibn arabi, lo sanno i talebani e via dicendo, e soprattutto lo sa il suo dio, che avvalora tutto ciò. e il verbo è quello. وَاضْرِبُوهُنَّ
    وَاضْرِبُوهُنَّ
    وَاضْرِبُوهُنَّ
    وَاضْرِبُوهُنَّ
    e tale resta, e resterà, anche se Lei scrive 2000 libri che vorrebbero farci credere che l’islam non dica di pestare le donne.

    Buona giornata!

    Mi piace

    • ..ecco vede (ancora?!)
      Di nuovo sull’esegesi, sebbene Le avevo chiesto di capire che NON SONO D’ACCORDO si possa fare così ed in questo contesto.
      Provi a cercare di capire che NON E’ LA TRADUZIONE (Occidentale) che sarà utile. Provi a cercare di capire che potremmo anche essere d’accordo se parliamo di casi specifici e che questo sito ha un proponimento NON DI FARE PROSELITISMO ISLAMICO ma di dare una lettura aperta “ai due mondi” oggi molto distanti.

      (CIRCA 800 MILIONI DI DONNE SONO ISLAMICHE E, NON SONO SCHIAVE… sebbene in questo numero ci sono mille problemi come in ogni Comunità umana…)
      ***
      Traduz. con Google / Google transl.

      Q.: And I did not repeat it at all, because I also mentioned maria, the talk of pregnancy “by God’s will”, which I then linked also to classical politeistic culture to the zeus and the many other things that I wrote, having put more than An hour in the afternoon to write it down. All right, but censure what he wants. I cried in you, I would censure the page of the Koran, passing over the whiteness (http://www.matitaemouse.it/prodotti/upload/en_33647_1_std.jpg) on ​​those Qur’anic phrases that incite the disobedient women who are VERGOGNOS AND FAMILY And as such denunciations. But I realize that it is easier (and pleasant) to censor a radical feminist who does not depend on prophets and men, than those Qur’anic phrases you claim to say “women do not weep” when the verb used ( واضربوهن) is AWESOME. You know, I know, I know it, Mohammed knew it to ghosts, ibn Arabs, the Taliban know it, and so on, and most of all, knows his god, who knows all this. And the verb is that. واضربوهن
      واضربوهن
      واضربوهن
      واضربوهن
      And that remains, and will remain, even if you write 2000 books that would make us believe that Islam does not say to pest women.
      Good day!
      A.: ..you see?! (still ?!)
      Again on exegesis, although I had asked you to understand that I AM NOT AGREED to do so and in this context.
      Try to understand that IS NOT THE TRANSLATION (Western) that will be useful. Try to understand that we might also agree if we talk about specific cases and that this site has a proposal NOT TO DO ISLAMIC PROSELITISM but to give an open reading “to the two worlds” today very distant.

      (800 MILLION WOMEN IS ISLAMIC AND NOT SLAVES … Although there are many problems in this issue as in every human community …)

      Mi piace

  11. e poi, almeno lasci passare (sennò sembra che difendevo cristiani e compagnia non islamica) che nel mio lunghissimo commento io denunciavo anche cristiani, e le ho citato anche l’esempio degli antichi cinesi (che islamici e cristiani non erano) come i moderni Padaung. Quindi non dica che “io penso che il maschio islamico causi tutti i mali” perché nei miei commenti, che lei ha censurato, io denunciavo anche cristiani e religioni asiatiche, per quanto ho messo brevi citazioni.
    Forse non ha ancora capito che studio le religioni da decenni, TUTTE, da quelle animiste africane a quelle tribali a quelle oceaniane a quelle monoteiste o induiste. Ma pensi pure che io critico solo i maschi musulmani. Almeno però per correttezza intellettuale, lasci passare che io nei miei commenti criticavo anche le altre religioni maschili.

    Mi piace

    • Guardi che ciò che pensa Lei è molto chiaro.
      I suoi studi elevano la sua intelligenza. Mi lasci dire però che l’Islam -ad esempio- si apprende non dai libri innanzi a tutto ma, aprendo il cuore. Lei, mi permetta (ancora) non lo ha aperto. Non lo prenda come rimprovero: anzi. Sarà Lei a sapere quando e perché. (Non esterni nulla, faccia analisi da sé ma non dimentichi che “la società ideale” anche all’infuori delle Religioni NON ESISTE).

      ***

      Google transl. / Trad. con Google

      Q.: And at least let it pass (though it seems that I defended Christians and a non-Islamic company) that in my long comment I also denounced Christians, and I also mentioned the example of ancient Chinese (that Islamic and Christian was not) like the modern Padaung . So do not say, “I think that the Islamic male causes all the ills” because in my comments that you censured, I also denounced Christians and Asian religions, as long as I put short quotes.
      Perhaps he has not yet understood that he has studied religions for decades, ALL, from African animists to tribal ones to oceanic ones to monotheistic or hinduism. But think that I only criticize Muslim males. At least, however, for intellectual correctness, let me pass that in my comments I also criticized other male religions.
      A.: Look: what you think is very clear.
      Your studies raise your intelligence. Let me say, however, that Islam – as an example – learns not from books in front of everything but opening the heart. You -let me say- do not open (again) it. Do not take it as a reproach; indeed. You will know when and why. (Do not outserve anything, do self-analysis, but do not forget that “the ideal society” even with the exception of religions DOES NOT EXIST).

      Mi piace

  12. ..dopo questo scambio ed anche concitato devo dire per alcuni momenti con Maria, mi preme scrivere “due righe” ancora ma senza ovviamente strumentalizzare i suoi ragionamenti (le risposte che ho dato sono eloquenti?), considerando anche e la sua pazienza (per essere qui) e la sua voglia di esprimersi anche con veemenza probabilmente perché “l’occasione” di avere un uomo maschio che scrive di Religione apertamente era… come dire… per lei… femminista convinta, ghiotta. Spero di rivederla qua ma con un poca di più calma e serenità in cuor suo, questo sì.
    Dunque a forza di ripetermi:
    – questo sito non vuole fare proselitismo;
    – è un sito che vorrebbe e vuole spingere un saggio di natura teologica esistenziale; (non è indirizzato per l’esegesi)
    – trattasi di un saggio in cui l’Islam è protagonista laddove lo svincolo dalle azioni umane della Fede è l’unica maniera di intraprendere un dialogo tra chi “nonostante tutto”, vive;
    – rifiuta (la mia tesi, in genere…) un interpretazione dell’Islam su basi Occidentali come queste debbano comunque plasmarlo per oscuri o poco oscuri fini: l’Islam è Uno (dell’Uno) Dio Unico.

    Detto questo, rimangono le “miserie umane” leggi anche l’imperfezione umana in Terra e rimane sempre un confronto tra esseri umani che, come in questo caso, siedono dietro ad un Personal Computer, con le loro sofferenze, con le loro gioie.
    Andiamo avanti.
    _____________________________________________________________________________________________
    …after this exchange and even excited exchange of writings with Maria, I have to say I’m writing again “two lines” yet but, without obviously exploiting her reasoning, (Are the answers I have given eloquent?) considering also her patience (to be here) and her desire to express herself also most likely because the “opportunity” of having a male man who writes of Religion openly was/is … how to say … for her … feminist convicted, applauded. I hope to see her again but with a little more calm and serenity in her heart, yes.
    So I must repeat myself:
    – this site does not want to do proselytizing;
    – it is a site that would like and want to push a wise essence of theological nature; (it is not addressed to exegesis)
    – is an essay in which Islam is the protagonist where the release from the human actions of the Faith is the only way to engage in a dialogue between those who “despite everything” lives;
    – I reject (my thesis, in general…) an interpretation of Islam on Western bases like these, however, must be plotted for obscure or obscure ends: Islam is One (The One) One God.

    That being said, “human miseries remain” also read human imperfection on Earth and, there is always a confrontation between humans who, as in this case, sit behind a Personal Computer with their sufferings with their joys.
    Go on.

    Liked by 1 persona

    • “è un sito che vorrebbe e vuole spingere un saggio di natura teologica esistenziale; (non è indirizzato per l’esegesi)” Benissimo, se Lei preferisce l’approccio filosofico alla questione, modello “Kierkegaard che analizza il cristianesimo”… non c’è problema, se l’esegesi Le va stretta. E tuttavia, sarò ripetitiva, ma dato quel termine “esistenziale”, che rimanda alla nostra miserabile vita su questo miserabile mondo, Le voglio ricordare che i generi sessuali umani sono il maschile e il femminile (+ tutta una serie di altre variabili personali di orientamento, ma sorvoliamo, teniamoci pure la dualità), e che sarebbe buona cosa se il maschile evitasse di parlare e di esprimersi anche per il femminile e su quello che il femminile è o dovrebbe essere e fare (soprattutto in rapporto al maschile…), come purtroppo avviene da 2000 anni. E sarebbe anche interessante analizzare un po’, nel suo saggio filosofico, quanto, come e perché il linguaggio mascolino viene usato per rivelare dio e cosa questo implichi (inclusi i difetti e gli ostacoli, di tale modo di fare). Dubito che Lei preghi un “Mia Regina”, di tanto in tanto, o sbaglio?

      Ad ogni modo, se mai il suo saggio verrà pubblicato, lo leggerò volentieri, ho già letto diversi autori islamici, oltre che autrici. La mia mail ce l’ha, mi tenga informata.
      Una lettrice l’avrà senz’altro.

      Liked by 1 persona

      • Salve ancora!
        Ecco, un post leggermente “diversificato” e, forse -lo spero- interessante anche al di fuori di noi due che abbiamo rasentato toni personali in precedenza e quindi non troppo pertinenti con “la missione” che mi sono preposto per questo sito internet.
        Grazie per “l’augurio” della pubblicazione: non sarà facile perché lo scritto preme dei punti molto sensibili e per la Società Occidentale e per quella “neo-Occidentale” incentrandola sui milioni di nuovi cittadini provenienti (anche di seconda ed oramai terza generazione) da Paesi alquanto differenti per cultura, tradizione e, Religione.
        Non preferisco l’approccio filosofico: è l’unico modo per iniziare a dialogare; l’esegesi deve trarre (anche) ispirazione da questa base di partenza. (Nel saggio ci sono ampie tracce per iniziare questo percorso obbligato!). Il sito internet che vede, spinge alla pubblicazione dello stesso proponendo miei articoli sempre come “rimando” al testo in qualche maniera; cerco di non entrare nella cronaca o, se lo faccio la rasento, come può certamente leggere ed ha letto.
        Le posso dire (semplificando al massimo) che Dio (Allah) non ha genere e comprende “ogni genere” se il nostro pensiero tenta un avvicinamento al tutto.
        Solo la matrice Cristiana ed in particolare quella Cattolica offre una rappresentazione (l’Islam tra l’altro rifiuta categoricamente le immagini in questo senso: Islam è Religione -Lei mi insegna- iconoclasta!) del maschio barbuto come Dio in Terra rigorosamente razza bianca caucasica eccetera…
        Se Lei nota un “mio linguaggio mascolino” è perché sono maschio; questo non significa che voglio la supremazia per la mia scrittura. Lei è femmina e quindi scrive “al femminile”, giustamente… Per ora mi fermo. Grazie di cuore.

        *******

        Traduzione con Google / Google’s translation aut.

        Q.: “It is a site that it would like and wants to push a wisdom of existential theological nature; (It is not addressed to exegesis) “Well, if you prefer the philosophical approach to the question, model” Kierkegaard that analyzes Christianity “… no problem, if exegesis needs to be narrowed. And yet, I will be repetitive, but given that “existential” term, referring to our miserable life on this miserable world, I want to remind you that human sexual genres are male and female (+ a whole range of other personal variables of orientation But let’s overtake, let’s keep duality too), and it would be good if the male avoided talking and expressing himself for the female and what the female is or should be and do (especially in relation to the male …) as Unfortunately it has been happening for 2000 years. And it would also be interesting to analyze a little, in his philosophical essay, how, how and why masculine language is used to reveal God and what this implies (including defects and obstacles, such a way of doing). Do you doubt that you pray for a “My Queen”, from time to time, or am I wrong? Anyway, if your essay is published, I will read it, I have already read several Islamic authors, as well as authors. My mail has it, keep me informed.
        A reader will certainly have it.
        A.: Hi there again!
        Here is a somewhat “diversified” post, and perhaps even interesting outside two of us that we have previously personalized tones and therefore not too relevant to the “mission” I have set for this website.
        Thanks for the “wish” of the publication: it will not be easy because the book puts very sensitive points on both the Western Society and the “New West”, focusing on the millions of new citizens coming (both second and third generation) from somewhat different Countries for culture, tradition and Religion.
        I do not prefer the philosophical approach: it is the only way to start dialogue; Exegesis must also draw (also) inspiration from this base of departure. (In the essay, there are ample traces to begin this compulsory journey!). The web site that you see, pushes to the publication of the same by always suggesting my articles as “referring” to the text in some way; I try not to get into the news or, if I do, I read it with caution.
        I can tell you (by simplifying to the maximum) that God (Allah) has no gender and understands “every kind” if our thinking attempts to approach everything .
        Only the Christian matrix and especially the Catholic one offers a representation (Islam, among other things, categorically rejects the images in this sense: Islam is Religion – You teach me – Iconoclast! ) of bearded male as God in the Earth strictly white Caucasian breed etc …
        If you notice a “my masculine language” is because I am male; this does not mean that I want supremacy for my writing. You are female and therefore writes “like female”, rightly … For now I stop. Thank you so much.

        Mi piace

  13. (…) io non sono venuta qui a criticare il signor Lucaa e il suo blog (e scritti). Io sono venuta qui a chiedere a un uomo che si proclama islamico di commentare la sura IV in quella frase che le ho scritto e che è presente da secoli in tutti i corani e le traduzioni. Lei preferisce avere un’interpretazione fantasiosa all’islam? (…)
    LETTERA TRONCATA DAL MODERATORE DEL SITO, NONCHE’ AUTORE (…) PER LE RAGIONI GIA’ ESPRESSE PRECEDENTEMENTE E CHE RINNOVO…

    Mi piace

    • Ancora salve Maria; Come Le avevo scritto in una risposta poco sopra e, ripetuto ancora una e probabilmente due volte, le sue argomentazioni sono sempre le stesse e si ripetono: Lei pretende risposte e senza leggere o meglio leggendo in tutta fretta ciò che dico. Si evince ed è visibile a tutti perché insiste a fare delle domande a cui ho già risposto e, ad onor di cronaca, ho anche messo nuovamente in questa sezione (poco sopra!) un paio di punti che probabilmente grazie a Lei sono o sembrano necessari, al fine di evitare equivoci. Bene: io penso che quanto ho riportato ad esempio proprio ora (lo stralcio della sua lettera “domanda”) dal suo ultimo intervento sia eloquente! Ad ogni modo Lei si sbaglia: io le critiche le accetto e ben volentieri ma, Lei già mi giudica come uomo maschio e autoproclamatosi islamico e, questa non è una critica. Vuole un esegesi a tutti i costi (la IV Sura) dopo che Le ho spiegato e rispiegato che non è questo il luogo perché questo è un sito che cerca di propagandare una ricerca di Editore per il saggio. Il saggio che ovviamente (non certamente una colpa… non è disponibile!) non ha letto e potuto leggere e dove troverebbe anche un “indizio” per “decifrare” la IV Sura. (C’è un indirizzo per l’esegesi che l’Occidente potrebbe necessitare, c’è un indirizzo per cui la Umma potrebbe ricavarne una “nova”).
      Sì, non lo mai nascosto: ho tagliato (ma letto bene) le 2 ultime sue lettere ed anche questa: ritengo “inutili” perché non portano nulla a chi potrebbe voler leggere di questa sezione. Che dire… forse ora e qui, io, sono “l’uomo sbagliato” per la sua sete di “giustizia” per la sua voglia di sapere; questo sito non è -lo dico nuovamente- un sito per commentare il Corano, capisce? Di certo ho gradito e gradisco ancora (è vero, mi creda) di leggerla ma, non deve pensare che chi non ha le risposte immediate alle sue domande, per forza la odia. Se ne faccia una ragione perché se dovessi darle “tutta la ragione di questo mondo”, saremmo due persone contro il mondo, se ne rende conto? Dico -e finisco- questo perché Lei non accetta (di principio credo e… spero!) le Religioni abramitiche, nemmeno quelle basate sulla famiglia in cui l’uomo maschio ha una posizione di rilievo (diciamo il “vecchio capofamiglia”) e nemmeno le società comuniste e…non so’.
      Ecco, mi dica Lei: quale è la sua società modello? Come lo vede Lei il mondo nostro in cui esistono relazioni uomo e donna? Boh, forse sono io il “neaderthaliano”? Devo correggermi secondo Lei? Va bene, suvvia… andiamo avanti. Brevemente ed “a tema”, cercando di rispettare la linea editoriale che ho voluto per questa iniziativa però, senza far sì diventi questo uno scambio epistolare iper-personale. Grazie.
      P.S. Rimango convinto che qualora con un poca di calma andasse a rileggersi le nostre ultime lettere e l’articolo ed i “FAQ” nella sezione “donna”, certamente (tralasciando l’esegesi) qualche prima risposta la avrebbe. Ci pensi.

      ***
      Google’s translated / Trad.con Google

      Q.: (…) I did not come here to criticize Mr. Lucaa and his blog (and writings). I came here to ask a man who proclaims Islamic to comment on the sura IV in that sentence I have written and that has been present for centuries in all the Qur’an and translations. Do you prefer to have a fantasy interpretation of Islam? (…)
      LETTER SHORTED BY THE MODERATOR OF THE SITE AND ALSO AUTHOR (…) FOR REASONS THEN REPRESENTED AND RENEWING …
      A.: Mary I salute you again; as I wrote to you in a short answer, and again one and probably twice, your arguments are always the same and they repeat: you are asking for answers and without reading or reading what I wrote in a hurry most of what I say. It is visible and visible to everyone because you insist on making some of the questions I have already answered and, on record, I have again put in this section a couple of points that are probably due to or appear to be necessary in order to avoid misunderstandings. One, I think, is what I reported for example right now, since its last intervention. Wrong: I criticize you very much and gladly but, you already judge me as a male and self-proclaimed Islamic man and this is not a criticism. You want an exegesis at all costs (the IV Sura) after I explained and explained that this is not the place because this is a site trying to propagate a publisher search for the essay. The essay (obviously not your fault … is not available!) you have not read and there you could read and find a “clue” to “decipher” the IV Sura. (There is an address to the exegesis that the West might need, there is an address for which the Umma could derive a “new”).
      Yes, I did not ever hide it: I cut (but well read) the last 2 letters from you and also this: I think they are “useless” because they do not bring anything to anyone who would like to read this section. What to say. .. maybe now and here I am “the wrong man” for his thirst for “justice” for your will to know; this site is not – I say again – a site to comment on the Koran, you understand? Of course I have liked it and still like it (it is true, believe me) to read it but do not think that anyone who does not have the immediate answers to your questions does hate you. If there is a reason why if I should give it “all the reason for this world,” we would be two people against the world, do you realize it? I say – and I’m fine – this is because you do not accept (in principle I believe and … I hope!) Abramitic religions, not even those based on the family in which the male man has a prominent position (say “old head of household”) Communist societies and … I do not know.
      Here, tell me, what is your model society? How do you see your world in which man and woman relationships exist? Hey, may I be the “primitive man”? Do I have to correct me? All right, then … let’s go. Briefly and “themed” though, trying to respect the editorial line I wanted for this initiative thoughwithout having to become a hyper-personal exchange. Thanks.
      P.S. I remain convinced that if with a little bit of calm you go back to our last letters and the article and the “FAQs” in the “woman” section, surely (omitting exegesis) some first answer would have it. Think about it.

      Mi piace

  14. Signor Lucaa, è molto semplice la questione, e non c’è bisogno di censurare (messaggi costati un’ ora al pomeriggio di scrittura dove spiegavo bene anche la MIA visione religiosa, che infatti non è “abramitica”. Le avevo messo il link con spiegato suppergiù a cosa appartenevo, ma ovviamente ha censurato, come censura tutti i riferimenti a una divinità non maschile) se questo suo sito NON parla di islam io (…………..)
    p.s è già la seconda volta che tira fuori il comunismo, quando io non ho mai accennato a nessuna ideologia politica: nego anche quelle, signor Lucaa, tutte, essendo state create e postulate dai maschi. Pertanto, non dipendo neanche da ideologie politiche maschili (e il comunismo è maschile, come è maschile il fascismo, il marxismo ecc. ecc.). A scanso di equivoci, (……..)
    LETTERA TRONCATA DAL MODERATORE DEL SITO, NONCHE’ AUTORE (…) PER LE RAGIONI GIA’ ESPRESSE PRECEDENTEMENTE E CHE RINNOVO…

    Mi piace

    • Maria! Se legge con un poca di pazienza questa sezione e, i nostri interventi pubblicati anche molto lunghi, Le dovrà una volta per tutte balzare in mente che quando TRONCO il post (NON CENSURO!) è perché è ripetitivo il testo nella formulazione delle “domande” ed anche perché Le è già stato risposto in tal senso!
      Come vede, quando Lei scrive (il post vicino a questo) in vece articolando e senza ripetere cose già scritte insistendo per delle risposte che già ha avuto (in particolare sull’esegesi che qua non si fa, non si può fare eccetera…) eccoci a discutere civilmente.
      Ma, ancora una volta mi lasci dire: leggo tutto e con piacere: nessuna censura, la lettera rimane interamente nel mio archivio! (Grazie del tempo che dedica, lo dico davvero…) Inoltre dico apertamente che la questione “sociale e politica” di un Paese e, nello specifico una “società comunista” (oggi praticamente inesistente…) è stata citata per contrapporre una concezione di “organizzazione sociale umana” senza Dio o divinità. Perché? Per farLe capire o meglio ragionare, che l’accento maschilista è esistito, esiste (accento per non iniziare ora e qui…) in ogni società umana. Potremmo discutere che cosa si intende per “accento” ma… non ora, per favore. Ciò che però voglio sottolineare è che la Religione (tralasciando piccole sette che numericamente non possono contare, giusto?) ha sì “responsabilità” ma come ogni altro “aggregatore” sociale. (L’Islam “deve rientrare” in questo parametro nel pensiero comune). Ho generalizzato al massimo… semplificato ma…
      Rinnovo il grazie per la disponibilità sua di leggermi anche in futuro: ripeto, non sarà facile. Forse sono alquanto “scomodo” o, non so ancora bene. Cerco anche il suo aiuto alla diffusione del sito, non lo posso e voglio nascondere. Grazie ancora.
      P.S. C’è anche un aspetto tecnico da considerare e che forse non ho ancora considerato: dovrebbe esserci la possibilità di “accorciare” le lunghe lettere rendendole “invisibili” in parte a video e, solo cliccando si potrà aprire “la tendina” per farla apparire completa. Ci sto lavorando… (Rappresenta una piccola soluzione).

      ***
      Automated Google’s translation / Traduzione automatica con Google

      Q.: Mr. Lucaa, the question is very simple, and there is no need to censor (messages that were spent an hour in the afternoon of writing where I also explained my MIA religious vision, which is not “abramitic.” I had put the link with I explained what I belonged to, but obviously censured, as censorship all references to a non-male deity) if this site does NOT speak of Islam I (………… ..)
      For example, it is the second time that it has put out Communism, when I have never referred to any political ideology – but also those, Mr Luca, all of them being created and postulated by males. Therefore, not even relying on male political ideologies (and communism is masculine, as is male fascism, Marxism, etc., etc.). To avoid misunderstandings, (…… ..)
      LETTER Shortened BY THE MODERATOR OF THE SITE AND ALSO AUTHOR (…) FOR REASONS THEN REPRESENTED AND RENEWING …

      A.: Maria! If you read this section with little patience and about our very long published posts, you will have to once again remind yourself that when I SHORT the post (NOT CENSUS!) it is because the text is repetitive in the formulation of “questions” and also because I have already responded to it!
      As you can see, when you write (the post next to this) by articulating and not repeating things that are already written by insisting on the answers you have already had (especially on the exegesis that is not done here, I can not do it here… ) here we are discussing civilly.
      But, once again let me say: I read it all and with pleasure: no censorship, the letter remains entirely in my archive! (Thank you for the time you have dedicating, I say it really …) I also openly say that the “social and political” issue of a country and specifically a “communist society” (now virtually non-existent …) has been cited to counter a conception of “human social organization” without God or divinity. Why? Because to make or understand better, the male accent has existed ( accent not to start now and here …) in every human society. We could discuss what is meant by “accent” but … not now, please. But what I want to point out is that Religion (by omitting small seven that numerically can not count, right?) Has yes “responsibility” but like any other “social aggregator”. (Islam must “fall within” this parameter in common thinking). I generalized at maximum … simplified but …
      I renew my thanks for your readiness to read me again in the future: I repeat, it will not be easy. Maybe I’m somewhat “uncomfortable” or, I do not know yet. You also try to help me spread the site, I can not and want to hide this hope. Thanks again.
      P.S. There is also a technical aspect to consider and perhaps I have not yet considered: there should be a chance to “shorten” long letters by making them “invisible” partly to video and, just by clicking, you can open the “full” to make it appear complete. I’m working on it … (It’s a small solution).

      Mi piace

      • va bene, ho capito. Dunque Lei, per difendere/scagionare la sura IV (dato che ha anche detto che Lei non fa esegesi, che strano, sulla sura IV si tirano tutti indietro, quando c’è da commentare, esegeticamente o meno… sarà una coincidenza…) mi e ci fa sapere semplicemente e con molto candore che anche nelle società non religiose c’era misoginia e maschilismo, stupri e violenze. ottimo, davvero, non lo sapevo. Ora mi sento illuminata di immenso.

        P.s ovviamente anche in una società “con religioni femminili” (non metto i link, tanto li omette…) ci sarebbero stupri e violenze, dei singoli individui malati mentalmente (visto che la malattia mentale è diffusa ovunque, a prescindere che si stia parlando di tizio e caio). Quello che cambierebbe, forse, è che determinate modalità di crimini non ci sarebbero. Mi pare ovvio: se il burqa è usato dai talebani islamici, mi pare che in una società non islamica talebana non ci sarà il burqa come forma di oppressione. Mi pare altamente improbabile che in una società non integralista indù ci sia un’epidemia di roghi di vedove, come altresì mi sembra improbabile che in una società non cattolica integralista modello qualche secolo fa siano organizzati roghi contro chi nega la perpetua verginità a maria ante, in, post partum. Ovviamente questo non significa che in una società non islamica talebana, non indù integralista, non cattolica integralista non ci sarebbero crimini. Ci sarebbero ancora, forse in minor numero e non con queste modalità, tipiche solo di queste realtà. ma soprattutto, signor Lucaa, le sfugge che in un’ipotetica società senza le ideologie maschili-centriche di cui sopra che colonizzano i cervelli feminili, di donne plagiate e asservite a tali ideologie, le donne la smetterebbero di fare le vittime e di subire, come invece succede nelle nostre società perché “bisogna perdonare/Allah ha decretato così nella sura IV/i Purana dicono di fare così”.

        Mi piace

      • Salute Maria;
        No; è nuovamente ed insistentemente “fuori strada”. (Mi pare oramai quasi inutile sottolineare che la “non esegesi” disponibile in questo sito è per ogni Sura, non per la IV e solamente la quarta. Basta leggere quanto ho cercato di esporre in almeno 5 “risposte” che Le ho già dato. Non c’è nessuna intenzione di scagionare nulla. Se in vece teniamo buono il termine “difesa”, è ovvio: ogni Sura viene assolutamente “difesa” e, ci mancherebbe, è la Parola di Dio… Che s’aspetta che iniziamo a bestemmiare?! in ogni caso, così come per tutte le 114 anche la quarta è naturalmente accettata anche se, qua, e per ora, non ci sarà esegesi da parte mia: questo non vuol dire che non si possa discutere ma non vorrei ripetermi per l’ennesima volta. Ritengo che le letture delle domande e risposte in questa sezione siano ampiamente esaurienti. Nello stesso tempo, mi rendo conto che quanto Lei si aspetta ancora e nonostante Le ho scritto e riscritto, non potremmo analizzare con fare esegetico la Sura che Le sta tanto “a cuore” perché -lo ripeto ancora!- bisognerebbe prima leggere il mio saggio completamente per entrare nelle prospettiva mentale assistita che l’Occidentale persona come Lei necessiterebbe per utilizzare l’esegesi stretta. Grazie per la pazienza).

        ***

        Tradotto con Google tradutt. automaticamente / Automated translation made with Google

        Q.: Okay, I understand. So you, in order to defend / break the sura IV (since you also said that you do not exegesis, that strange, on the sura IV you pull all back, when there is to comment, exegetically or not … will be a coincidence …) me And it simply and very clearly tells us that even in non-religious societies there was misogyny and masculine, rape and violence. Great, really, I did not know. Now I feel enlightened to immense. Ps: obviously even in a “women’s religion” society (I do not put links, you omit them…) there would be rapes and violence, of individual mentally ill individuals (given that mental illness is widespread everywhere, regardless of whether they are talking about Guy and dude). What would change, perhaps, is that certain types of crimes would not exist. It seems obvious to me: if the burqa is used by the Islamic Taliban, it seems to me that in a non-Islamic Taliban society there will be no Burqa as a form of oppression. It seems highly unlikely that in an Hindu non-fundamentalist society there is an epidemic of widows robbers, as it also seems unlikely that in a non-Catholic integralist model a few centuries ago, robbers are organized against those who deny perpetuous virginity to maria ante, In, post partum. Obviously this does not mean that in a non-Islamic Taliban, non-Hindu, integralist, non-Catholic integralist there would be no crimes. There would still be, perhaps in a smaller number, and not with these modes, typical of only these realities. But above all, Mr. Lucaa, escapes that in a hypothesic society without the above-mentioned male-centered ideologies that colonize feminine brains, plagiarized women and enslaved to such ideologies, women would stop making the victims and suffer, As it happens in our societies because “we must forgive / Allah has decreed so in the Sura IV / i Purana say they do this”.
        A.: Hi Maria;
        No; you are again and insistently “off-road”. (It seems to me now almost useless to point out that the “non-exegesis” available on this site is for every Sura, not for IV and only for the fourth. Just read what I tried to expose at least 5 “responses “I have already told you, there is no intention of breaking anything, but if we hold the term” defense “good, it is obvious: every Sura is absolutely” defended” and, it would be useless, it is the Word of God … What do you expect from us: to blame?! Anyway, as well as for all 114, the fourth is naturally accepted even though, here, and for now, there will be not exegesis on my part: this does not mean that you can not discuss but I would not repeat myself for the other time. I think the questions and answers in this section are broadly exhaustive. At the same time, I realize that what you expect yet and despite I wrote it and I rewritten it, we could not analyze it by exegeticizing the Sura that stands so much “to your heart” because -I repeat it again- you should first read my essay completely to get into the mental perspective that the Western Person as you are, would need to use the narrow exegesis . Thanks for your patience).

        Mi piace

  15. Risposta a “Salve ancora!
    Ecco, un post leggermente “diversificato” e, forse -lo spero- interessante anche al di fuori di noi due” (non vedo il “reply”, le rispondo qui)

    1) So molto bene che il dio coranico non si è mai incarnato, quindi non ha una sessualità umana (invece il dio cristiano ce l’ha). Ma so altresì che il dio coranico pur non essendosi incarnato in nessun corpo, non può essere appellato al femminile. Mi corregga se sbaglio… a Lei risulta (voglio nomi precisi di teologhe e teologi… nel caso dei maschi, sarei doppiamente curiosa) che in teologia islamica sia possibile usare ANCHE il femminile, per riferirsi al vostro dio? Mi risponda con un sì o con un no.
    Per esempio, Lei, signor Lucaa, lo userebbe il femminile, per rivolgersi a questo dio coranico? Rabba al posto di Rabb? Malika al posto di Malik? Allat al posto di Allah?
    2) Il dio coranico non ha corpo; benissimo. Ma però ha prediletto profeti maschili, che lo rivelassero. Come mai nessuna profetessa? E non mi citi “maryam la veridica” perché a parte la gravidanza e “aver creduto ed essere un segno” non ha rivelato alcunché.
    Come mai questa esclusione, delle femmine, dalla rivelazione coranica?
    non erano attendibili, come profetesse perché “mancanti di intelletto almeno in parte”?
    3) Il problema non è se il signor Lucaa usa il maschile, per parlare di sé, ma quando un’intera società costruita da maschi (e da donne docili a loro sottoposte e quasi completamente incapaci di vedere la dominazione psichica) usano esclusivamente un linguaggio androcentrico per parlare di dio o della realtà (es: quando si parla di “Uomo”, alludendo al genere umano tutto)
    4) Ho scaricato e letto i suoi pdf. La cosa più interessante era l’analisi quasi ecologista/animalista sui maiali e animali da allevamento per accontentare “gli umani carnivori”. Tutto sommato, un’analisi interessante e non ovvia, che non avrei mai pensato di leggere in tema islamico. Ma non ho trovato l’argomento che più mi sta a cuore…

    Convinta che ometterà di nuovo tutto il mio messaggio perché i termini femminili danno fastidio, vado a riposare… la mia curiosità, in verità, si spingerebbe anche a chiederle di altre questioni, per esempio il destino che aspetta i miscredenti dopo la morte, e molto altro, anche con confronti con altre religioni note e meno note, ma temo che come al solito Lei sarebbe refrattario. E pensare che a me piace così tanto studiare l’islam e dedicargli ore e ore della mia vita. Non escludo che ci passo più tempo io, dietro certe cose, che non tanti che si dichiarino islamici o islamiche… chissà…

    Mi piace

    • Maria….
      Mi vien quasi da sorridere: Lei ha scaricato le pagine che ho permesso di inserire nel download 🙂 e praticamente il 3% o forse il 4% del saggio! E’ una mia scelta che forse cambierò; spero comunque sia sufficiente perché un Editore possa pensare di pubblicarmi… La ringrazio di aver già trovato qualche cosa di interessante e spero che nel restante 94% circa del saggio (quando e se pubblicato) troverà argomentazioni ancor più interessanti!
      Come vede non ometto nulla anche stavolta; sto anche cercando di rimettere quanto ho “tagliato” (mai cancellato definitivamente!) se riesco a utilizzare quella tecnica di “stringere a video i lunghi post” ed “aprirli con un clik”. Detto questo, Le dico qualche cosa senza una logica predeterminata, sebbene senza cercare confusione: Dio-Allah non è nemmeno lontanamente possibile immaginarlo con “i riferimenti” (leggi, allusioni, illusioni, pensieri eccetera) che l’essere umano incarna e proietta dal suo inconscio/sogno. “Femmina e Maschio” sono generi umani. Nella preghiera di donna (c’è tutta una letteratura metafisica ed oltre “araba” a partire dalla lingua…) usando non “il pensiero” ma “il cuore”, la donna prega non “Dio -maschio”, ma… Dio! Nella preghiera di uomo, la preghiera non è al Dio-maschio ma… a Dio! (Allah).
      Adesso però mi devo fermare qui, sennò… che faccio: “riscrivo il saggio”? 🙂

      ***

      Traduzione con Google automatica / Automated Google’s translation

      Q.: Here is a somewhat “diversified” post, and perhaps “interesting also outside of us two” (i do not see the “reply”, i say it here)
      1) I know very well that the Koranic god has never incarnated, so does not have human sexuality (instead the Christian god has it). But I also know that the coranical god, even though not incarnate in any body, can not be appealed to the female. Correct me if I’m wrong … to you it turns out (I want precise names of theologians and theologians … in the case of males, would I be curiously curious) that in Islamic theology you can also use the female to refer to your god? You answer me with a yes or a no. For example, would you, Mr Lucaa, use the female to address this god of godmother? Rabba instead of Rabb? Malika in place of Malik? Allat in place of Allah?
      2) The coranic god has no body; very well. But he has a favorite male prophets who reveal him. How come no prophetess? And do not call me “maryam the veridika” because apart from pregnancy and “having believed and being a sign” did not reveal anything.
      How is this exclusion of females from Qur’anic revelation? Were not trustworthy, as prophetesses because they “lack the intellect at least in part”?
      3) The problem is not whether Mr. Lucaa uses the male to talk about himself, but when an entire society built by males (and by docile women who are subject to them and almost completely unable to see psychic domination) use only a language Androcentric to talk about god or reality (eg when talking about “Man”, alluding to humanity all)
      4) I downloaded and read its pdf. The most interesting thing was the almost ecological / animalistic analysis of pigs and farm animals to satisfy “human carnivores”. All in all, an interesting and unequivocal analysis that I never thought about reading on Islamic matters. But I did not find the subject that I’m thinking about …
      Convinced that will omit all my message again because the feminine terms annoy me, I go to rest … my curiosity, in truth, would also push her to ask her for other issues, such as the destiny waiting for the unbelievers after death, and much Other, even in comparison with other known and lesser known religions, but I fear that as usual you would be refractory. And to think that I love studying Islam so much and dedicating it to hours and hours of my life. I do not rule out that I spend more time behind certain things than not so many who declare Islamic or Islamic … who knows …
      A.: Maria ….
      You almost come to me like a smile: you downloaded the pages I allowed to download in the download 🙂 and pretty much 3% or maybe 4% of the essay! It is my choice that I may change; I hope, however, it is enough for a publisher to think about publishing… I thank you for having found something interesting and I hope that in the remaining 94% of the essay (when and if published) you will find even more interesting arguments!
      As you can see I do not cut anything this time; I’m also trying to put as much as I’ve cut (never permanently deleted!) if I can use that technique to “tighten long videos” and “open them with a clik”. That said, I tell you something without a predetermined logic, although without looking confused: God-Allah is not even remotely possible to imagine with “references” (laws, allusions, illusions, thoughts etc) that the human incarnates and projects from the unconscious/dream. “Female and Male” are human genres. In the woman’s prayer (there is all a metaphysical literature and beyond “Arabic” from these arguments…) using not “thought” but “heart”, the woman prays not “God-masculine” but .. God! In man’s prayer, prayer is not to God-male but … to God! (Allah).
      But now I have to stop here, though … what should I do: “Should I rewrite the essay”? 🙂

      Mi piace

      • Sì Signor Lucaa, l’avevo capito che erano pochi estratti, e tuttavia li ho letti perché leggo tutto, relativamente all’islam. (…CUT…) “ogni Sura viene assolutamente “difesa” e, ci mancherebbe, è la Parola di Dio!”, bene, pertanto direi che allora quel “battetele” è parola di dio e come tale Lei la difende invece di riconoscere onestamente che quelle righe sono SBAGLIATE e se un dio le ha rivelate, questo non lo rende “un dio per le donne”. (…CUT…)
        A me non interessa far cambiare idea agli islamici maschi, mi interessa piuttosto far pensare le donne su questi discorsi di “escatologia ed ermeneutica al femminile, perché no”, ma onestamente riconosco che è una battaglia persa in partenza, perché in ugual modo le donne continueranno a restare cristiane-islamiche-altra religione maschile, senza accendere il cervello. Non c’è molto altro da dire. Sono ben conscia che la mia sconfitta dipende proprio da questo, dalla mancanza di interesse femminile di massa, alla cosa.
        Verrò a visitarla di tanto in tanto, se ci saranno argomenti su cui avrò qualcosa da dirLe, le lascerò i commenti. Comunque non si disturbi a pubblicare pezzi dei vecchi commenti, ormai credo sia inutile, visto che abbandono la discussione. Non è facile trovare un musulmano che abbia voglia di parlare della sua religione rispondendo anche alle “provocazioni piccate” di una donna non-religiosa secondo i canoni maschili, Lei lo ha fatto, e io, in fondo, ho gradito questo piccolo duello teologico, avrà capito che sono molto orgogliosa e ambiziosa, combattere ad armi pari per me resta comunque una soddisfazione intellettuale. Stimo molto i miei avversari (non lo uso in senso dispregiativo il termine, i più feroci sono quelli che mi hanno reso più attenta a certe cose), soprattutto quelli capaci di far provare l’adrenalina nel duello, l’arte della confutazione, Lei non è il primo, non sarà l’ultimo, anche se è stato il primo musulmano che ha voluto mettersi in gioco, in tal senso, con me. In genere, molti altri concludono in fretta il “dibattimento” con la solita frase “Allah ne sa di più” e finisce lì. Difatti trovo abbastanza deprimenti i dibattiti sull’islam in sedi come youtube o facebook, dove musulmani (anche non italiani) sono incapaci di argomentare e tutto finisce con le solite banalità. Sono e resto una kafir, troppo orgogliosa della mia femminilità per accettare visioni maschili religiose (e i relativi Dei), Signor Lucaa, nonostante questo spero che mi ricorderà con simpatia e stima. Io la ricorderò come il primo musulmano che mi ha dato occasione di questo scambio di visioni, che mi ha dato spazio e che mi ha risposto a lungo. Un cristiano evangelico avrebbe troncato la discussione anche prima e probabilmente non avrebbe neanche pubblicato mezza riga. Lei invece è stato disponibile, sotto questo punto di vista. Ho solo una piccola curiosità personale su di Lei, ma capisco che non sono affari miei… comunque, se mi vorrà rispondere: Lei è italiano, nato qui, vero? Qual’è stata “la molla interiore” che l’ha portato a convertirsi (“ritornare”, forse è un termine che apprezza di più) all’islam? Se me ne vuole parlare, la leggerò con simpatia. Ma capisco che spesso sono scelte così personali e intime che a “metterle ai 4 venti” non tutti se la sentono di farlo… Riguardo a me, invece, credo che avrà capito perché ho scelto altre divinità e altri approcci spirituali alla questione, non credo ci sia più bisogno di scriverlo.
        Un saluto 🙂
        ALCUNI PARTI SONO STATE TAGLIATE (NON CENSURATE) PER MOTIVI DI SPAZIO ECCETERA; VEDI ALTRI POST SOPRA/SOME PARTS HAVE BEEN SHAPED (NOT CENSURATED) FOR EXCEPTION OF EXCEPTIONS; SEE OTHER POST OVER

        Mi piace

      • Salve Maria!
        Devo francamente dire che il tono che leggo e che Lei mi offre in questa gradevole lettera virtuale è quasi di un “addio”, un saluto in somma; spero proprio non sia così e, spero di leggerla anche in altre sezioni in futuro. Anzi: considerato che qualche piccolo “incoraggiamento” c’è nei miei confronti da parte sua, senza falsa modestia Le chiedo di aiutarmi a ribloggare o come si dice questo mio sito, anche per diffondere questi miei pensieri focalizzati per la pubblicazione del saggio in questione.
        Vede, non sono “una mosca bianca”, mi creda sulla parola! Sebbene la Umma è stata ed è ancor oggi sottoposta a gravissimi soprusi soprattutto di libertà di espressione e ragionamento, laddove gli impegni delle Comunità sono purtroppo incentrati alla sopravvivenza e poco più, considerati anche gli interessi di alcuni Governi medio orientali che si ritrovano ad affrontare problematiche forse inaspettate se consideriamo la deriva politico-finanziaria delle politiche istituzionali che li rappresenta, ecco, sebbene tutto questo, ci sono ampie ed ampissime parti della Società civile islamica che non solo “insiste a vivere” ma, piuttosto sommessamente interpreta nella vita quotidiana quanto io cerco di diffondere. Attenzione: nessun “nuovo Islam”; nessuna “moderazione indotta” dall’Occidente imperialista: Islam di origine, considerando che solo “noi”, noi umani esseri siamo cambiati come dovevamo cambiare e siamo appunto cambiati usando l’ingegno e la sapienza, obbligo divino a noi tutti imposto!
        Nessuna “mosca bianca” quindi e, personalmente -mi permetta di aggiungere- capisco quando qualche intellettuale Occidentale ed onesta/o come Lei, si domanda se siamo difronte ad un “Islam novo”, “moderato”, od “evoluto”. Capisco o cerco di capire anche quando la “fatidica domanda” è rivolta alla mia persona e precisamente riguardo una ipotetica conversione o riconversione. Intanto si veda qua l’articolo che riguarda “il primo quesito (CLIK per aprire) e poi di seguito un estratto biografico personale QUI (Click per accedere). L’Islam non cambia: la Umma sì. Come essere umano, non sono riconvertito o convertito: sono nato. Ogni essere umano nel momento della nascita è “sottomesso a Dio” e cioé “muslim” anche se non lo ammette od ammetterà mai. Il corso della sua vita determinerà attraverso le sue scelte (ecco un altra “verità islamica” che non prevede che il “sé” nel rapporto con Dio! –NAFS-) se scostarsi dall’Islam, dalla Religione di Abramo (una delle) oppure da ogni vincolo di Fede: questa è una estrema esemplificazione, mi raccomando di leggerla senza chiedermi di affrontare ora e qui l’argomento…
        Mi creda: Lei non è sconfitta perché donna; Lei è sconfitta perché ritiene di esserlo difronte ad una evidenza e mi scusi se dico questo con fare che potrebbe assomigliare ad un tentativo di analisi che tanto è in voga in Occidente. L’evidenza di cui scrivo, non è per antonomasia “la assoluta verità” per cui doversi prostrare, in quanto è solamente un ostacolo da affrontare ma, se l’impegno per l’affronto consiste di usare un qualcosa che già è stato inefficace, il pericolo è l’oblio, l’apatia, la perdita di lucidità per poter riflettere e sul metodo di affronto e sull’ostacolo stesso che potrebbe anche non essere un ostacolo ma solo una proiezione che inconsciamente abbiamo creato per evitare di ragionare con altra “cura”. Non si pensi che la “mia proposta” sia verso un Islam “mistico”, “ascetico”, tutt’altro: l’Islam è una forma “reazionaria” e molto simile all’estremismo proletario rivoluzionario, sebbene mi rendo conto di usare dei termini provocatori ma quantomeno utili per una scossa che l’Occidental pensiero ed in seguito quello islamico (alquanto dormiente bisogna riconoscere) deve voler comprendere. Ecco qualche utile pensiero da leggersi per approfondire: https://mashallah-book.com/blog/ A presto! AGGIORNAMENTO: Questo link (nei commenti) potrebbe interessarla: https://goo.gl/S8fzwS
        P.S. “Allah ne sa di più” è una interpretazione/traduzione “non esauriente e deviante nello stesso tempo”; è normale che l’ascolto di questa frase compiuta (invocazione) è semplicistica se l’ascoltatore sente “la voce, il suono” e non “il cuore”. Manca -senza mai offendere od insinuare nulla, mi raccomando…- e da parte di chi eventualmente la pronuncia e da parte di chi la ascolta qualche cosa di davvero importante dal lato umano: potrebbe sembrare una certa forma di sufficienza da parte di chi la esprime ( mancato proselitismo? Perché no 🙂 ) e forse per “nascondere” la propria poca intellighenzia, potrebbe essere una prevenuta insinuazione da parte dell’ascoltatore poco interessato ad ascoltare e già pronto a far notare una sua supponenza/saccenza.
        “Allah conosce tutto; io sto studiando…” dove “tutto” non è “di più” ma è “tutto”, dove ne io ne tu (interlocutore di turno) potremmo conoscere la completezza, perciò… discutiamo avanti. “Suona meglio”? (Ho usato il condizionale nell’esempio che potrebbe non essere pertinente al contesto che Lei ha affrontato…)

        ***
        Traduzione a cura di Google (in automatico)/Automated Google’s translations

        Q.: Yes, Mr. Luca, I realized that they were a few extracts, and yet I read them because I read everything about Islam. (… CUT …) “every Sura is absolutely” defended “and it would be useless is the Word of God!”, Well, so I would say that then that “beat them” is a word of god and as such she defends it instead of honestly recognizing That those lines are SHAPED and if a god has revealed it, this does not make it “a god for women”. (… CUT …)
        I do not care about changing the idea of ​​male Muslims, but I’m rather interested in thinking about women in these “eschatology and hermeneutic talks to women, because no,” but honestly I know it’s a lost battle, because women Will continue to remain Christian-Islamic-other male religion without igniting the brain. There is not much to say. I am well aware that my defeat depends precisely on this, by the lack of massive female interest, on the thing.
        I will visit you from time to time, if there are any arguments on which I will have something to tell you, I will leave you comments. However, do not worry about publishing pieces of the old comments, so now I think it is useless, as they leave the discussion. It is not easy to find a Muslim who wants to talk about his religion, also responding to the “piecemeal provocations” of a non-religious woman according to male canons, you did, and I, after all, have liked this little theological duel, He will understand that I am very proud and ambitious, fighting for weapons is still an intellectual satisfaction. I very much like my opponents (I do not use it in a disrespectful way, the fiercest ones are those who have made me more aware of certain things), especially those who can test the adrenaline in the duel, the art of refutation, He is not the first, he will not be the last, even though he was the first Muslim who wanted to get involved, in this sense, with me. Generally, many others quickly conclude the “debate” with the usual phrase “Allah knows more” and ends there. In fact, I find it quite depressing debates on Islam in sites such as youtube or facebook where Muslims (even non-Italians) are incapable of arguing and everything ends up with the usual banality. I am and I am a kafir, too proud of my femininity to accept religious men’s visions (and their gods), Mr. Lucaa, despite this hope that I will remember with sympathy and esteem. I will remember her as the first Muslim who gave me the opportunity of this exchange of visions, which gave me space and he answered me for a long time. An evangelical Christian would have truncated the discussion even before and probably would not even have published half a line. She was, however, available, from this point of view. I only have a small personal curiosity about you, but I understand that it’s not my business … anyway, if you want to answer: You’re Italian, born here, right? What was the “inner spring” that led her to convert (“return,” perhaps, a term that she appreciates more) to Islam? If he wants to talk to me, I’ll read it with sympathy. But I understand that often they are so personal and intimate choices that “not putting them to the 4 winds” not everyone feels they do it … Of me, on the other hand, I think he will understand why I have chosen other gods and other spiritual approaches to the question, There is more need to write it down. A greeting 🙂
        SOME PARTS HAVE BEEN SHAPED (NOT CENSURATED) FOR EXCEPTION OF EXCEPTIONS; SEE OVER POST OVER / SOME PARTS HAVE BEEN SHAPED (NOT CENSURATED) FOR EXCEPTION OF EXCEPTIONS; SEE OTHER POST OVER
        A.: Hello Maria!
        I must frankly say that the tone I read and that you offer me in this pleasing virtual letter is almost a “farewell”, a greeting in sum; I just hope this is not the case, and I hope to read you in other sections in the future. In fact: given that there is some small “encouragement” for me, without false modesty I ask you to help me reblog this site, even to spread these my thoughts focused For the publication of the essay in question.
        You see, I’m not a “white fly”, believe me on the word! Although the Umma has been and still is subjected to serious misunderstandings, above all of freedom of expression and reasoning, where the Commitments of the Communities are unfortunately focused on survival and little more, considering also the interests of some Middle Eastern governments who are confronted with issues Perhaps unexpected if we consider the political-financial derivative of the institutional policies that represent them, here, though all this, there are ample and large parts of the Islamic civil society that not only “insists on living” but rather softly interprets in everyday life as I try to spread it. Attention: no “new Islam”; No “moderation induced” by the imperialist West: Islam of origin, considering that only “us”, we human beings have changed as we should change and we have just changed by using ingenuity and wisdom, divine obligation to us all imposed!
        No “white fly” therefore, and personally – allow me to add – I understand when some Western intellectual and honest as well as you wonder if we are at a “new Islam”, “moderate” or “evolved.” I understand or try to understand even when the “fateful question” is addressed to my person and precisely about a hypothetical conversion or re conversion. Meanwhile see the article on “the first question ( CLIK to open ) and then an extract Personal biography HERE (Click to log in) . Islam does not change: Umma yes As a human being Community, I have not been converted or re-converted: I was born. Every human being at the time of birth is “submissive to God”, that is, “ Muslim ” even if he/she does not admit or admit it ever. Of his life will determine through his choices (here is another “Islamic truth” that does not foresee that the “self” in the relationship with God – NAFS -) to depart from Islam, the Religion of Abraham (One of) or every bond of Faith: this is an extreme exemplification, I recommend I will read it without asking me to deal now and here the topic …
        Believe me: You are not defeated because woman; you are defeated because you feel you are facing a evidence and I’m sorry if I say this with doing that might look like an attempt to analyze that much in vogue in the West. The evidence I’m writing is not by far the “absolute truth” for which it is necessary to bend, as it is only an obstacle to be faced but if the commitment to confront is to use something that has already been ineffective, The danger is oblivion, apathy, loss of lucidity in order to reflect on the method of confrontation and on the same obstacle that might not be an obstacle but only a projection that we unconsciously created to avoid reasoning with another ” care”. Do not think that my “proposal” is towards a “mystical”, “ascetic” Islam, no matter what: Islam is a “reactionary” form and very similar to revolutionary proletarian extremism, although I realize that I use Provocative terms but at least useful for a shock Occidental thought and then Islamic (somewhat sleepy one needs to recognize) must understand. Here are some useful thoughts to read out: https://mashallah-book.com/blog/ See you soon!
        P.S. “ Allah knows more ” is an interpretation / translation “not exhaustive and devious at the same time”; It is normal that listening to this phrase (invocation) is simplistic if the listener hears “voice, sound” and not “heart”. Missing-never to offend or to insinuate anything, I would recommend …- and by those who utterly pronounce it and by those who hear something really important from the human side; it may seem a certain form of sufficiency by those who (Miss the proselytizing, why not? :-)) and perhaps to “hide” his own little intelligence, it could be a foretold insinuation by the listener who is not interested in listening and ready to point out his supposition / sagacity.
        “Allah knows everything, I am studying …” where “everything” is not “more” but it is “everything”, where I (you interlocutor in turn) can know the completeness, So … we are discussing. “It sounds better”? (I used the conditional in the example that may not be relevant to the context you have faced …)

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...